salta al contenuto

Informatica

aggiornamento: 26 aprile 2016

Al ministero della Giustizia l’informatica è gestita dalla Direzione generale per i Sistemi Informativi Automatizzati (DGSIA).
La direzione ha il compito di sviluppare, nell'ambito del processo civile, il progetto, il “Processo Civile Telematico”, il cui obiettivo è l’informatizzazione di tutto il procedimento giudiziario civile: dalla gestione del fascicolo al giudizio in aula.
Nell’ambito del processo penale, gestisce progetti che riguardano le banche dati dei reati e gli scambi d’informazioni con gli uffici, gli istituti penitenziari, le procure e le prefetture. Inoltre, alcuni progetti sono sviluppati nell’ambito di programmi Europei.
La Direzione si occupa delle attività riguardanti il Protocollo informatico e la Firma digitale.

Lo sviluppo del processo d’innovazione legato all’informatica nella Giustizia risale agli anni ‘90, con l’emanazione delle prime norme in materia e con l’istituzione, presso il ministero, dell’Ufficio del Responsabile per i Sistemi Informativi Automatizzati (URSIA) divenuto poi Direzione Generale per i Sistemi Informativi Automatizzati.

L’elaborazione e la stesura del Piano per l’Informatica è un compito che l’amministrazione svolge come parte del più ampio piano per l’informatica nella Pubblica Amministrazione a cura di DigitPA.