salta al contenuto

Hai cercato:
  • argomentocarcere e probation > misure alternative/di comunità  Annulla la faccetta selezionata
  • data di firma:  Anno 2011  Annulla la faccetta selezionata

Torna indietro

Circolare 4 agosto 2011 - Progetto interregionale transnazionale "Inclusione socio-lavorativa dei soggetti in esecuzione penale" - Linee guida

4 agosto 2011

Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria
Direzione Generale dell'Esecuzione Penale Esterna

 

Ai Sig.ri Provveditori Regionali di Lombardia,
 Lazio, Abruzzo, Basilicata, Calabria,
Emilia Romagna,Liguria, Marche,
Piemonte, Puglia,
Sardegna, Sicilia, Toscana,
Trentino Alto Adige-
Friuli Venezia Giulia -Veneto, Umbria
LORO SEDI

 

OGGETTO: Accordo interregionale per l’attuazione del progetto interregionale - transnazionale “Interventi per il miglioramento dei servizi per l’inclusione socio-lavorativa dei soggetti in esecuzione penale” 

Come noto in data 27 Aprile 2011 l’On. Ministro della Giustizia ha firmato l’Accordo interregionale per l’attuazione del Progetto “Interventi per il miglioramento dei servizi per l’inclusione socio-lavorativa dei soggetti in esecuzione penale”.

Allo stato degli atti hanno aderito progressivamente i seguenti enti territoriali:  Abruzzo, Basilicata, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana,  Umbria, Trento e Bolzano.
Il presente accordo rimane aperto alla firma delle restanti Regioni che intendano partecipare.

L’obiettivo primario è quello di rafforzare l’organizzazione e la capacità istituzionale dei diversi livelli di governo coinvolti nella realizzazione di interventi di inclusione sociale, favorendo la programmazione partecipata di progetti destinati alle persone in esecuzione penale e ponendo a sistema quelle buone prassi che già sono state realizzate in modo sporadico a livello territoriale con le singole progettazioni.

Nell’attuazione dell’accordo svolgeranno un ruolo determinante i Provveditorati Regionali dell’Amministrazione Penitenziaria e le Regioni.
A tal fine è stata richiesta la designazione dei referenti regionali delle Amministrazioni coinvolte nell’iniziativa.
In data 13 giugno u.s. si è tenuto il primo incontro tra i referenti regionali designati dai Provveditori Regionali ed i rappresentanti delle Regioni/Province Autonome, ove sono state definite le prime indicazioni in ordine alle modalità congiunte di intervento.

Rafforzamento della capacità istituzionale.
A livello di governo centrale  è istituito il Comitato di Pilotaggio con funzioni di coordinamento e controllo, composto come noto dai promotori di progetto- rappresentanti dell’Amministrazione Penitenziaria e delle Regioni/Province autonome  e coadiuvato dall’istituendo Gruppo di lavoro tecnico.

A livello di governo locale, presso ciascun Provveditorato/Regione, sarà istituito un tavolo di programmazione partecipata degli interventi di inclusione sociale, che si riunirà almeno una volta ogni trimestre.
Il tavolo sarà costituito dai referenti per l’attuazione dell’Accordo, già designati dal Provveditorato e dalla Regione, che potrà essere integrato di volta in volta dalla presenza degli altri soggetti socio-istituzionali coinvolti (terzo settore, imprese, volontariato, associazioni etc.) in relazione alla diversa  tipologia di attività da programmare.

Compiti e funzioni del livello di governo locale: i componenti del tavolo dovranno redigere un programma annuale degli interventi di inclusione sociale delle persone in esecuzione penale, tenendo conto delle diverse forme di finanziamento comunitario, nazionale, regionale ed eventualmente proveniente dal privato.
Ogni semestre i componenti del tavolo dovranno procedere al monitoraggio degli interventi programmati ed eventualmente alla revisione della programmazione alla luce degli eventuali correttivi che si rendessero necessari. Saranno previsti indicatori comuni per il monitoraggio degli interventi, individuati dal Comitato di Pilotaggio e dal Gruppo Tecnico e trasmessi ai referenti dei tavoli di programmazione partecipata.

I componenti del tavolo presenteranno al Comitato di Pilotaggio ed al Gruppo di lavoro tecnico una relazione su attività e progetti in atto, programmati in modo congiunto nell’ambito regionale di competenza, indicando le criticità organizzative emerse e le proposte di miglioramento.

E’ prevista, altresì, la costituzione di un Gruppo di lavoro tecnico composto da esperti di monitoraggio e valutazione, da referenti dei Provveditorati Regionali e delle Regioni, delle Direzioni Generali ed Uffici del Dipartimento, coinvolti per competenza.

Si potranno, inoltre prevedere periodicamente (annualmente o semestralmente) riunioni plenarie, in sedi da definirsi, tra i referenti regionali del progetto ed del Comitato di Pilotaggio, durante i quali verranno riportati le sintesi, l’andamento e gli esiti dei programmi individuati da ciascun tavolo di programmazione partecipata.

Per quanto riguarda le azioni di comunicazione, sensibilizzazione, formazione è prevista la realizzazione di seminari formativi/informativi, volti al miglioramento della capacità istituzionale degli enti coinvolti nella realizzazione di interventi di inclusione sociale. Tali attività saranno realizzate in partenariato con il Ministero del Lavoro nell'ambito del Programma Operativo Governance ed Azioni di sistema 2007-2013.

Si segnala, inoltre, che su iniziativa della Direzione Generale dell’Esecuzione Penale Esterna si è provveduto ad allestire un apposito spazio web sul sito ufficiale del Ministero della Giustizia, ove i Provveditorati e le Regioni potranno dare informazioni su quanto realizzato a livello regionale in attuazione del presente accordo.
Con successiva nota saranno fornite ulteriori e dettagliate informazioni in merito alle modalità di inserimento dei dati sul web ed alle previste azioni formative e di valutazione. 
La presente nota è stata condivisa dalle Amministrazioni regionali e provinciali aderenti all'iniziativa.

Si invitano, pertanto, le SS.LL. a voler porre in essere le azioni che si renderanno necessarie per contattare i rappresentanti regionali di riferimento, al fine di convenire alia costituzione, nel territorio di rispettiva competenza, del tavolo regionale di programmazione partecipata delle iniziative per il reinserimento socio-lavorativo delle persone in esecuzione penale, in attuazione dell'Accordo interregionale de quo. A tale scopo si allega l'elenco dei referenti nominati dalle Regioni/Province Autonome.

Si ringrazia per la preziosa e consueta collaborazione e si porgono cordiali saluti.
 

 Roma, 4/8/2011

IL CAPO DEL DIPARTIMENTO
Franco Ionta
 

 

Allegato

REFERENTI REGIONALI PER ATTUAZIONE ACCORDO INTERREGIONALE-TRANSNAZIONALE

Regioni e Provincie Autonome Referenti Regioni e Provincie Autonome aderenti al progetto
Abruzzo Dott. Ignazio Rucci
Funzionario Servizi Politiche strutturali e occupazionali
085 7675077
ignazio.rucci@regione.abruzzo.it
Basilicata Dr.ssa Anna Maria Martino
Funzionario Ufficio lavoro e territorio, Dipartimento formazione, lavoro, cultura e sport
0971 666131
anna.martino@regione.basilicata.it
Calabria Dr. Pietro Romeo
0961/898918 - 348.331.83.82
p.romeo@regcal.it
Dr.ssa Anna Maria Ciaccio
0961/898926 - 393.15.89.653
a.ciaccio@regcal.it
Emilia Romagna Dr.ssa Serenella Sandri
Servizio programmazione, valutazione e interventi regionali; coordinamento interistituzionale per la programmazione del FSE
051 5273594
ssandri@regione.emilia-romagna.it
Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige Dr.ssa Luigina Leonarduzzi
Servizio programmazione e gestione interventi formativi; Inclusione e professioni area sociale
040 3775295
luigina.leonarduzzi@regione.fvg.it
Provincia Autonoma di Trento Dr.ssa Lorenza Casagranda
Servizio Europa
0461-491233
lorenza.casagranda@provincia.tn.it
Provincia Autonoma di Bolzano Dr.ssa Laura Favaro
Coordinatrice di settore - Area programmazione FSE
0471 413146 - 32
laura.favaro@provincia.bz.it
Lazio Dr. Claudio Priori
Direzione Regionale Formazione e Lavoro -Area Programmazione e Interventi
06/51684930
cpriori@regione.lazio.it
Liguria Dott. Erminio Grazioso
Servizio orientamento, formazione superiore, università e professioni
010 5485376
erminio.grazioso@regione.liguria.it
Dr.ssa Laura Costa
010 5485018
laura.costa@regione.liguria.it
Lombardia Dr.ssa Jessica Spezzano
Direzione Istruzione Formazione e Lavoro
02 67654035
jessica.spezzano@regione.lombardia.it
Marche Dott. Enrico Ercolessi
Responsabile misura C2, servizio formazione professionale e problemi del lavoro
071 8063668
enrico.ercolessi@regione.marche.it
Piemonte Dr.ssa Patrizia Cerniti
Direzione regionale istruzione, Formazione Professionale e lavoro
011/4322517
patrizia.cerruti@regione.piemonte.it
Puglia Dr.ssa Giulia Veneziano
Responsabile Asse III PO FSE Inclusione Sociale
080 5404454
g.veneziano@regione.puglia.it
Sardegna Dr.ssa Caterina Corte
Direttore servizio attuazione politiche sociali comunitarie, nazionali e regionali
070 6065463
ccorte@regione.sardegna.it
Sicilia Dott. Pietro Fina
Dirigente Coordinamento attua tivo fondi comunitari - Dipartimento famiglia e politiche sociali
091 7074689
pietro.fina@regione.sicilia.it
Toscana Dott. Gianni Biagi
Direzione Generale Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze
055/4382370
gianni.biagi@regione.toscana.it
Dott. Luca Santoni
Direzione Generale Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze
055/4382322
luca.santoni@regione.toscana.it
Umbria Dr.ssa Cinzia Ercolani
 
cercolani@regione.umbria.it