salta al contenuto

Decreto 19 dicembre 2017 - Concorso interno per titoli di servizio a 2581 Vice sovrintendenti del Corpo di Polizia penitenziaria ruolo maschile e femminile

19 dicembre 2017


Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria
Il Direttore Generale del Personale e delle Risorse

 

Vista la Legge 15 dicembre 1990, n. 395;

Visto il D.Lgs. 30 ottobre 1992, n. 443 e successive modifiche ed integrazioni;

Visto il D.P.R. 15 febbraio 1999, n. 82 recante “Regolamento di servizio del Corpo di polizia penitenziaria”;

Visto il D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165 e successive modifiche ed integrazioni;

Visto l’articolo 44, comma 8, lettera a) del decreto legislativo 29 maggio 2017, n.; 95,; che prevede, nella fase di prima applicazione del medesimo decreto legislativo, che alla; copertura dei posti disponibili dal 31 dicembre 2008 al 31 dicembre 2016 nel ruolo dei sovrintendenti si provvede mediante un concorso straordinario per titoli attraverso il ricorso a modalità e procedure semplificate analoghe a quelle previste in attuazione dell’articolo 2, comma 5, lettera b) del decreto legge 28 dicembre 2012, n. 227 convertito, con modificazioni, dalla legge 1 febbraio 2013, n. 12, da stabilire con decreto del Capo del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria;

Considerato che, ai sensi del sopraindicato articolo 44, comma 8, lettera a), il concorso straordinario per titoli è riservato, per il 60 per cento dei posti disponibili per ciascun anno, agli assistenti capo che ricoprono alla predetta data una posizione in ruolo non superiore a quella compresa entro il triplo dei posti messi a concorso, e per il restante 40 per cento; al personale del ruolo degli agenti ed assistenti che alla predetta data abbiano compiuto almeno 4 anni di effettivo servizio;

Rilevato che, a norma del predetto articolo 44, comma 8, lett. a) del dlgs 95/2017 i posti rimasti scoperti in una delle due aliquote sono devoluti all’altra fino alla data di inizio del relativo corso di formazione e che gli eventuali posti residuali vanno ad aumentare la corrispondente aliquota relativa alla procedura annuale immediatamente successiva;

Visto il decreto del Capo del Dipartimento 29 novembre 2017 con il quale si è proceduto alla disciplina; dell’accesso al ruolo dei sovrintendenti del Corpo di polizia penitenziaria a norma dell’articolo 44, comma 8, lettera a) del decreto legislativo 29 maggio 2017, n.; 95;

Visto il D.P.C.M. 15 giugno 2015, n. 84 recante “Regolamento di riorganizzazione del Ministero della Giustizia e riduzione degli uffici dirigenziali e delle dotazioni organiche” ed in particolare l’art. 6, comma 2, lett. a) che individua le funzioni della direzione generale del personale e delle risorse;

Ritenuta la propria competenza alla firma degli atti relativi alle procedure concorsuali emanate dall’Amministrazione penitenziaria;

DECRETA
 

Articolo 1
(Posti a concorso)

  1. E’ indetto un concorso interno, per titoli di servizio e superamento di successivo corso di formazione, a complessivi n. 2851 posti (n. 2679 uomini; n. 172 donne) relativi alle vacanze disponibili nel periodo compreso tra 31 dicembre 2008 ed il 31 dicembre 2016, per la nomina alla qualifica di vice sovrintendente del ruolo maschile e femminile del Corpo di polizia penitenziaria.
  2. Il numero dei posti è ripartito, sulla base delle vacanze disponibili al 31 dicembre di ogni anno, secondo le tabelle di seguito riportate:
     
Ruolo maschile
VACANZE ORGANICHE CONCORSO RISERVATO
AGLI ASSISTENTI CAPO
CONCORSO RISERVATO AL PERSONALE
DEL RUOLO DEGLI ASSISTENTI ED AGENTI
CON 4 ANNI DI EFFETTIVO SERVIZIO
ANNO 2008 191 127
ANNO 2009 158 105
ANNO 2010 275 183
ANNO 2011 214 142
ANNO 2012 236 157
ANNO 2013 220 146
ANNO 2014 110 73
ANNO 2015 100 67
ANNO 2016 105 70

Ruolo femminile
VACANZE ORGANICHE CONCORSO RISERVATO
AGLI ASSISTENTI CAPO
CONCORSO RISERVATO AL PERSONALE
DEL RUOLO DEGLI ASSISTENTI ED AGENTI
CON 4 ANNI DI EFFETTIVO SERVIZIO
ANNO 2008 12 8
ANNO 2009 12 8
ANNO 2010 15 10
ANNO 2011 13 8
ANNO 2012 13 8
ANNO 2013 20 14
ANNO 2014 7 4
ANNO 2015 6 4
ANNO 2016 6 4

 


Articolo 2
(Requisiti di ammissione per l’anno 2008)

  1.  
    1. Al concorso; a n. 191 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo maschile del Corpo di polizia penitenziaria con la qualifica di assistente capo che ricopra, alla data di indizione del presente bando, una posizione in ruolo compresa tra il n. 1 ed il; n. 573, fermo restando il possesso della stessa qualifica alla data del 31 dicembre 2008.
    2. Al concorso; a n. 12 posti può partecipare il personale in servizio; del ruolo femminile del Corpo di polizia penitenziaria con la qualifica di assistente capo che ricopre, alla data di indizione del presente bando, una posizione in ruolo compresa tra il n. 1 ed il n. 36, fermo restando il possesso della stessa qualifica alla data del 31 dicembre 2008.
  2.  
    1. Al concorso; a n. 127 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo maschile degli assistenti ed agenti del Corpo di polizia penitenziaria che abbia compiuto quattro anni di effettivo servizio alla data del 31 dicembre 2008.
    2. Al concorso; a n. 8 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo femminile degli assistenti ed agenti del Corpo di polizia penitenziaria che abbia compiuto quattro anni di effettivo servizio alla data del 31 dicembre 2008.

 

Articolo 2 bis
(Requisiti di ammissione per l’anno 2009)

  1.  
    1. Al concorso; a n. 158 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo maschile del Corpo di polizia penitenziaria con la qualifica di assistente capo che ricopra, alla data di indizione del presente bando, una posizione in ruolo compresa tra il n. 1 ed il; n. 665, fermo restando il possesso della stessa qualifica alla data del 31 dicembre 2009.
    2. Al concorso; a n. 12 posti può partecipare il personale in servizio; del ruolo femminile del Corpo di polizia penitenziaria con la qualifica di assistente capo che ricopre, alla data di indizione del presente bando, una posizione in ruolo compresa tra il n. 1 ed il n. 48, fermo restando il possesso della stessa qualifica alla data del 31 dicembre 2009.
  2.  
    1. Al concorso; a n. 105 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo maschile degli assistenti ed agenti del Corpo di polizia penitenziaria che abbia compiuto quattro anni di effettivo servizio alla data del 31 dicembre 2009.
    2. Al concorso; a n. 8 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo femminile degli assistenti ed agenti del Corpo di polizia penitenziaria che abbia compiuto quattro anni di effettivo servizio alla data del 31 dicembre 2009.
       

Articolo 2 ter
(Requisiti di ammissione per l’anno 2010)

  1.  
    1. Al concorso; a n. 275 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo maschile del Corpo di polizia penitenziaria con la qualifica di assistente capo che ricopra, alla data di indizione del presente bando, una posizione in ruolo compresa tra il n. 1 ed il; n. 1174, fermo restando il possesso della stessa qualifica alla data del 31 dicembre 2010.
    2. Al concorso; a n. 15 posti può partecipare il personale in servizio; del ruolo femminile del Corpo di polizia penitenziaria con la qualifica di assistente capo che ricopre, alla data di indizione del presente bando, una posizione in ruolo compresa tra il n. 1 ed il n. 69, fermo restando il possesso della stessa qualifica alla data del 31 dicembre 2010.
  2.  
    1. Al concorso; a n. 183 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo maschile degli assistenti ed agenti del Corpo di polizia penitenziaria che abbia compiuto quattro anni di effettivo servizio alla data del 31 dicembre 2010.
    2. Al concorso; a n. 10 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo femminile degli assistenti ed agenti del Corpo di polizia penitenziaria che abbia compiuto quattro anni di effettivo servizio alla data del 31 dicembre 2010.
       

Articolo 2 quater
(Requisiti di ammissione per l’anno 2011)

  1.  
    1. Al concorso; a n. 214 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo maschile del Corpo di polizia penitenziaria con la qualifica di assistente capo che ricopra, alla data di indizione del presente bando, una posizione in ruolo compresa tra il n. 1 ed il; n. 1266, fermo restando il possesso della stessa qualifica alla data del 31 dicembre 2011.
    2. Al concorso; a n. 13 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo femminile del Corpo di polizia penitenziaria con la qualifica di assistente capo che ricopre, alla data di indizione del presente bando, una posizione in ruolo compresa tra il n. 1 ed il n. 78, fermo restando il possesso della stessa qualifica alla data del 31 dicembre 2011.
  2.  
    1. Al concorso; a n. 142 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo maschile degli assistenti ed agenti del Corpo di polizia penitenziaria che abbia compiuto quattro anni di effettivo servizio alla data del 31 dicembre 2011.
    2. Al concorso; a n. 8 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo femminile degli assistenti ed agenti del Corpo di polizia penitenziaria che abbia compiuto quattro anni di effettivo servizio alla data del 31 dicembre 2011.
       

Articolo 2 quinquies
(Requisiti di ammissione per l’anno 2012)

  1.  
    1. Al concorso; a n. 236 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo maschile del Corpo di polizia penitenziaria con la qualifica di assistente capo che ricopra, alla data di indizione del presente bando, una posizione in ruolo compresa tra il n. 1 ed il; n. 1546, fermo restando il possesso della stessa qualifica alla data del 31 dicembre 2012.
    2. Al concorso; a n. 13 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo femminile del Corpo di polizia penitenziaria con la qualifica di assistente capo che ricopre, alla data di indizione del presente bando, una posizione in ruolo compresa tra il n. 1 ed il n. 91, fermo restando il possesso della stessa qualifica alla data del 31 dicembre 2012.
  2.  
    1. Al concorso; a n. 157 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo maschile degli assistenti ed agenti del Corpo di polizia penitenziaria che abbia compiuto quattro anni di effettivo servizio alla data del 31 dicembre 2012.
    2. Al concorso; a n. 8 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo femminile degli assistenti ed agenti del Corpo di polizia penitenziaria che abbia compiuto quattro anni di effettivo servizio alla data del 31 dicembre 2012.
       

Articolo 2 sexties
(Requisiti di ammissione per l’anno 2013)

  1.  
    1. Al concorso; a n. 220 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo maschile del Corpo di polizia penitenziaria con la qualifica di assistente capo che ricopra, alla data di indizione del presente bando, una posizione in ruolo compresa tra il n. 1 ed il; n. 1734, fermo restando il possesso della stessa qualifica alla data del 31 dicembre 2013.
    2. Al concorso; a n. 20 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo femminile del Corpo di polizia penitenziaria con la qualifica di assistente capo che ricopre, alla data di indizione del presente bando, una posizione in ruolo compresa tra il n. 1 ed il n. 125, fermo restando il possesso della stessa qualifica alla data del 31 dicembre 2013.
  2.  
    1. Al concorso; a n. 146 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo maschile degli assistenti ed agenti del Corpo di polizia penitenziaria che abbia compiuto quattro anni di effettivo servizio alla data del 31 dicembre 2013.
    2. Al concorso; a n. 14 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo femminile degli assistenti ed agenti del Corpo di polizia penitenziaria che abbia compiuto quattro anni di effettivo servizio alla data del 31 dicembre 2013.
       

Articolo 2 septies
(Requisiti di ammissione per l’anno 2014)

  1.  
    1. Al concorso; a n. 110 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo maschile del Corpo di polizia penitenziaria con la qualifica di assistente capo che ricopra, alla data di indizione del presente bando, una posizione in ruolo compresa tra il n. 1 ed il; n. 1624, fermo restando il possesso della stessa qualifica alla data del 31 dicembre 2014.
    2. Al concorso; a n. 7 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo femminile del Corpo di polizia penitenziaria con la qualifica di assistente capo che ricopre, alla data di indizione del presente bando, una posizione in ruolo compresa tra il n. 1 ed il n. 106, fermo restando il possesso della stessa qualifica alla data del 31 dicembre 2014.
  2.  
    1. Al concorso; a n. 73 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo maschile degli assistenti ed agenti del Corpo di polizia penitenziaria che abbia compiuto quattro anni di effettivo servizio alla data del 31 dicembre 2014.
    2. Al concorso; a n. 4 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo femminile degli assistenti ed agenti del Corpo di polizia penitenziaria che abbia compiuto quattro anni di effettivo servizio alla data del 31 dicembre 2014.
       

Articolo 2 octies
(Requisiti di ammissione per l’anno 2015)

  1.  
    1. Al concorso; a n. 100 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo maschile del Corpo di polizia penitenziaria con la qualifica di assistente capo che ricopra, alla data di indizione del presente bando, una posizione in ruolo compresa tra il n. 1 ed il; n. 1704, fermo restando il possesso della stessa qualifica alla data del 31 dicembre 2015.
    2. Al concorso; a n. 6 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo femminile del Corpo di polizia penitenziaria con la qualifica di assistente capo che ricopre, alla data di indizione del presente bando, una posizione in ruolo compresa tra il n. 1 ed il n. 110, fermo restando il possesso della stessa qualifica alla data del 31 dicembre 2015.
  2.  
    1. Al concorso; a n. 67 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo maschile degli assistenti ed agenti del Corpo di polizia penitenziaria che abbia compiuto quattro anni di effettivo servizio alla data del 31 dicembre 2015.
    2. Al concorso; a n. 4 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo femminile degli assistenti ed agenti del Corpo di polizia penitenziaria che abbia compiuto quattro anni di effettivo servizio alla data del 31 dicembre 2015.
       

Articolo 2 nonies
(Requisiti di ammissione per l’anno 2016)

  1.  
    1. Al concorso; a n. 105 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo maschile del Corpo di polizia penitenziaria con la qualifica di assistente capo che ricopra, alla data di indizione del presente bando, una posizione in ruolo compresa tra il n. 1 ed il; n. 1819, fermo restando il possesso della stessa qualifica alla data del 31 dicembre 2016.
    2. Al concorso; a n. 6 posti può partecipare il personale in servizio; del ruolo femminile del Corpo di polizia penitenziaria con la qualifica di assistente capo che ricopre, alla data di indizione del presente bando, una posizione in ruolo compresa tra il n. 1 ed il n. 116, fermo restando il possesso della stessa qualifica alla data del 31 dicembre 2016.
  2.  
    1. Al concorso; a n. 70 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo maschile degli assistenti ed agenti del Corpo di polizia penitenziaria che abbia compiuto quattro anni di effettivo servizio alla data del 31 dicembre 2016.
    2. Al concorso; a n. 4 posti può partecipare il personale in servizio del ruolo femminile degli assistenti ed agenti del Corpo di polizia penitenziaria che abbia compiuto quattro anni di effettivo servizio alla data del 31 dicembre 2016.
       

Art. 3
(Esclusione dal concorso)

  1. Sono esclusi dal concorso coloro che nel biennio 2015-2016 abbiano riportato un giudizio complessivo inferiore a; “ buono” o che nel biennio precedente la data di scadenza del termine per la presentazione della domanda di partecipazione abbiano riportato una sanzione più grave della deplorazione.
  2. Ai sensi dell’articolo 93 del decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3 è altresì escluso il personale che alla data di indizione del bando risulti sospeso cautelarmente dal servizio.
  3. Tutti i candidati si intendono ammessi al concorso; con riserva dell'accertamento del possesso dei requisiti richiesti per la partecipazione allo stesso.
  4. L'esclusione dal concorso è disposta in qualunque momento con decreto del Direttore generale del personale e delle risorse.

Art. 4
(Domanda di partecipazione)

  1. Le domande di partecipazione al concorso, redatte su carta libera, secondo i modelli allegati (all. 1, all. 2, all. 3 e all. 4) e indirizzate al Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria - Direzione generale del personale e delle risorse, Ufficio VI - Concorsi, devono essere presentate; direttamente alla direzione dell’istituto o servizio ove il dipendente, a qualunque titolo, presta servizio, entro il termine perentorio di trenta giorni, che decorre dal giorno successivo dalla data della pubblicazione del presente bando nel sito istituzionale del Ministero della Giustizia www.giustizia.it .
  2. Il personale assente dal servizio per tutta la durata dei termini di presentazione può presentare la domanda di partecipazione a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, nel termine di cui al precedente comma 1 inviandola direttamente al seguente indirizzo: Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria - Direzione generale del personale e delle risorse, Ufficio VI – Concorsi – Promozioni ed avanzamento del personale del Corpo di polizia penitenziaria, Largo Luigi Daga, n. 2, 00164 – Roma. Tale personale dovrà inviare una comunicazione dell’avvenuto invio della raccomandata al seguente indirizzo di posta elettronica: promozioniconcorsipp.ufficiocentralepersonale.dap.roma@giustizia.it
  3. La data di presentazione della domanda è stabilita dal timbro a data apposto sulla domanda dal personale addetto al ricevimento che ne cura la protocollazione. Per il caso di cui al comma 2, ai fini della verifica del rispetto dei termini di presentazione della domanda, fa fede il timbro a data apposto dall’ufficio postale accettante.
  4. I candidati devono compilare tutti i campi previsti nel modello di domanda; utilizzato contrassegnando una o più caselle corrispondenti alla/e annualità cui possono ed intendono partecipare.
  5. A ciascuna domanda di partecipazione gli interessati devono allegare, pena la non valutabilità, entro il termine previsto per la presentazione, gli eventuali titoli di cui sono in possesso, che rientrano nelle categorie C, D, E ed F del successivo articolo 6, comma 1, lettera A) e lettera B), qualora non espressamente riportati sul foglio matricolare.


Art. 5
(Commissione Esaminatrice)

  1. La Commissione Esaminatrice è nominata con provvedimento del Direttore generale del personale e delle risorse ed è composta da:
    1. un generale del ruolo ad esaurimento del disciolto Corpo degli agenti di custodia con funzioni di Presidente;
    2. quattro appartenenti alla carriera dei funzionari del Corpo di polizia penitenziaria con qualifica non inferiore a commissario coordinatore ovvero funzionari dell’Amministrazione penitenziaria appartenenti all’area terza con funzioni di Componenti;
    3. un funzionario del Corpo di polizia penitenziaria con qualifica non inferiore a commissario capo ovvero un funzionario dell’Amministrazione penitenziaria appartenente all’area terza con funzioni di Segretario.
  2. Per supplire ad eventuali, temporanee assenze od impedimenti del presidente, di uno dei componenti o del segretario della Commissione, può essere prevista la nomina di un presidente supplente, di tre componenti supplenti e di un segretario supplente, da effettuarsi con lo stesso decreto di costituzione della commissione esaminatrice o con successivo provvedimento.
  3. Qualora il numero dei candidati superi le mille unità, la Commissione, con successivo decreto, può essere integrata di un numero di componenti e di segretari aggiunti tali da permettere, unico restando il presidente, la suddivisione in sottocommissioni.
  4. Ai sensi dell’art. 35, punto 3, lett. e) del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, non potranno essere nominati coloro che siano componenti dell’organo di direzione politica dell’Amministrazione o che ricoprano cariche politiche o che siano rappresentanti sindacali o designati dalle confederazioni e organizzazioni sindacali o dalle associazioni professionali.
  5. Almeno un terzo dei posti di componente delle commissioni di concorso è riservato, salva motivata impossibilità, alle donne.
  6. La Commissione è coadiuvata, per l’inserimento informatico dei punteggi attribuiti, da personale di provata esperienza individuato con apposito ordine di servizio del Direttore generale del personale e della formazione.
    ;

Art. 6
(Titoli ammessi a valutazione)

  1. Le categorie dei titoli ammessi a valutazione ed il punteggio massimo attribuito a ciascuna categoria,; sono stabiliti come segue.

A) Concorso riservato al personale maschile e femminile individuato ai sensi del comma 1, lettere a) e b) degli articoli 2, 2 bis, 2 ter, 2 quater, 2 quinquies, 2 sexties, 2 septies, 2 octies e 2 nonies:

Categoria A) - Rapporti informativi e giudizi complessivi del biennio anteriore, fino a punti 7:

  • Giudizio di ottimo p. 32 : punti 3,50
  • Giudizio di ottimo p. 31 : punti 3,40
  • Giudizio di ottimo p. 30 : punti 3,30
  • Giudizio di ottimo p. 29 : punti 3,20
  • Giudizio di ottimo p. 28 : punti 3,00
  • Giudizio di ottimo p. 27 : punti 2,70
  • Giudizio di distinto p. 26 : punti 2,20
  • Giudizio di distinto p. 25 : punti 1,90
  • Giudizio di distinto p. 24: punti 1,60
  • Giudizio di buono p. 23 : punti 1,30
  • Giudizio di buono p. 22: punti 1,20
  • Giudizio di buono p. 21: punti 1,10
  • Giudizio di buono p. 20: punti 1,00

Categoria B) - Anzianità complessiva di servizio, fino a punti 16

  • Fino ad anni 25: punti 1,00
  • Anni 26: punti 2,00
  • Anni 27: punti 3,00
  • Anni 28: punti 4,00
  • Anni 29: punti 5,00
  • Anni 30: punti 6,00
  • Anni 31: punti 7,00
  • Anni 32: punti 8,00
  • Anni 33: punti 9,50
  • Anni 34: punti 11,00
  • Anni 35:punti 12,50
  • Anni 36:punti 14,00
  • Da anni 37 in poi: punti 16,00

Ai fini della valutazione di un anno di anzianità viene considerata anche la frazione superiore a mesi sei.

Categoria C - speciali riconoscimenti e ricompense, fino a punti 4

  • Medaglia d’oro al valor militare: punti 4,00
  • Medaglia d’argento al valor militare: punti 3,50
  • Medaglia di bronzo al valor militare: punti 3,00
  • Medaglia d’oro al valor civile: punti 4,00
  • Medaglia d’argento al valor civile: punti 3,50
  • Medaglia di bronzo al valor civile: punti 3,00
  • Encomio solenne: punti 2,00
  • Encomio : punti 1,70
  • Attestato di pubblica benemerenza: punti 1,40
  • Lode ex art. 78, comma 2, DPR n. 82/1999: punti 1,00

Sono valutabili le ricompense riconosciute con provvedimento formale conseguite; negli ultimi dodici anni, desumibili dal foglio matricolare.

Categoria D - titoli di studio, fino a punti 9

  • Laurea magistrale/Laurea II livello o titolo equivalente: punti 9,00
  • Laurea/Laurea I livello o titolo equivalente: punti 6,00
  • Diploma Scuola media superiore di 2° grado (5 e 4 anni) : punti 3,00
  • Diploma di qualifica (3 anni): punti 1,00

Verrà considerato solo il titolo più elevato.; Ai fini della valutazione fa fede l’attestazione del foglio matricolare, ovvero, in mancanza, la copia del relativo certificato di studio.

Categoria E - Conoscenza di una lingua straniera, fino a punti 1,00

Viene attribuito 0,15 punti per ogni attestato conseguito, rilasciato in aggiunta o al di fuori del titolo di studio di cui alla categoria D, da allegare, pena la non valutabilità, a cura del candidato in copia alla domanda di partecipazione, qualora non riportato sul foglio matricolare.
Saranno oggetto di valutazione i seguenti attestati e certificati conseguiti in conformità alle disposizioni contenute nei decreti del Ministero dell’istruzione, dell’Università e delle Ricerca del 7 marzo 2012 e del 12 luglio 2012, e al decreto del Direttore Generale MIUR; n. 118 del 28 febbraio 2017:

  • LINGUA FRANCESE
    Alliance Française - ente operatore del Ministero francese dell’Educazione Nazionale per certificazioni rilasciate fino al 2008;- Camera di Commercio e d’Industria di Parigi, Francia - Centre International d’Etudes Pédagogiques (CIEP), ente operatore del Ministero francese dell’Educazione Nazionale.
  • LINGUA INGLESE
    Cambridge ESOL - City and Guilds (Pitman)- Edexcel /Pearson Ltd - English Speaking Board (ESB) - International English Language Testing System (IELTS) - London Chamber of Commerce and Industries Examination Board (LCCIEB) - Trinity College London (TCL) - Department of English, Faculty of Arts University of Malta - National Qualifications Authority of Ireland – Accreditation and Coordination of English Language Services (NQAI – ACELS) - Pearson - LCCI - Pearson - EDI  AIM Awards - Learning Resource Network (LRN) http://www.lrnglobal.org/ - British Institutes - Gatehouse Awards Ltd
  • LINGUA SPAGNOLA
    Istituto Cervantes - Ministerio de Educación, Cultura y Deporte - Fundación para la Investigación y Desarrollo de la Cultura Española (FIDESCU) - Consorzio Interuniversitario CELU, Argentina - Ministerio de Educacíon de la Nacion Argentina.
  • LINGUA TEDESCA
    Goethe-Institut - Österreichisches Sprachdiplom Deutsch (ÖSD)- Telc Language Tests, Germania - Kultusministerkonferenz der Bundesrepublik.

Categoria F - Conoscenza delle procedure e dei sistemi informatici, fino a punti 1,00

Viene attribuito 0,15 punti per ogni attestato conseguito, rilasciato in aggiunta o al di fuori del titolo di studio di cui alla categoria D, da allegare, pena la non valutabilità, a cura del candidato in copia alla domanda di partecipazione, qualora non riportato sul foglio matricolare.
Saranno oggetto di valutazione i seguenti attestati e certificati:

  1. ECDL – ECDL base; standard; Expert.
  2. PEKIT – Pekit for school; Pekit Expert; Pekit advanced; Pekit Web Creation; Pekit Cads; Pekit Libercloud; Pekit digital lessons.
  3. CISCO – Entry level; Associate level; Professional level; Expert; Architect.
  4. VMWARE – Associate; Professional; Advanced professional; Expert; Engineer; Administrator; Architect; Developer.
  5. ITIL v2 FOUNDATIONS.
  6. MiCROSOFT OFFICE SPECIALIST – Specialist; Expert; Master.
  7. EIPASS Sanità digitale &EIPASS Teacher

Categoria G - Superamento della prova selettiva in precedenti analoghi concorsi e per i vincitori di analoghi concorsi che non abbiano partecipato al corso di formazione o si siano dimessi durante la frequenza : punti; 4

B) Concorso riservato al personale maschile e femminile individuato ai sensi del comma 2, lettere a) e b) degli articoli 2, 2 bis, 2 ter, 2 quater, 2 quinquies, 2 sexties, 2 septies, 2 octies e 2 nonies:

  • Categoria A) - Rapporti informativi e giudizi; complessivi del biennio anteriore, fino a punti 7:
     
  • Giudizio di ottimo p. 32 : punti 3,50
  • Giudizio di ottimo p. 31 : punti 3,40
  • Giudizio di ottimo p. 30 : punti 3,30
  • Giudizio di ottimo p. 29 : punti 3,20
  • Giudizio di ottimo p. 28 : punti 3,00
  • Giudizio di ottimo p. 27 : punti 2,70
  • Giudizio di distinto p. 26 : punti 2,20
  • Giudizio di distinto p. 25 : punti 1,90
  • Giudizio di distinto p. 24:; punti 1,60
  • Giudizio di buono p. 23 : punti 1,30
  • Giudizio di buono p. 22:; punti 1,20
  • Giudizio di buono p. 21:; punti 1,10
  • Giudizio di buono p. 20:; punti 1,00
     
  • Categoria B) - Anzianità complessiva di servizio, fino a punti 10:
  • Fino ad anni 10: punti 1,00
  • Anni 11 : punti 1,50
  • Anni 12 : punti; 2,00
  • Anni 13 : punti; 2,50
  • Anni 14 : punti; 3,00
  • Anni 15 :; punti; 4,00
  • Anni 16 : punti; 4,50
  • Anni 17: punti:  5,00
  • Anni 18: punti; 5,50
  • Anni 19 : punti; 6,00
  • Anni 20: punti; 7,00
  • Anni 21: punti; 7,50
  • Anni 22: punti; 8,00
  • Anni 23: punti; 8,50
  • Anni 24: punti; 9,00
  • Anni 25:; punti; 9,50
  • Da anni 26 in poi: punti 10,00

Ai fini della valutazione di un anno di anzianità viene considerata anche la frazione superiore a mesi sei.

  • Categoria C) - speciali riconoscimenti e ricompense, fino a punti 4:
  • Medaglia d’oro al valor militare: punti 4,00
  • Medaglia d’argento al valor militare: punti 3,50
  • Medaglia di bronzo al valor militare: punti 3,00
  • Medaglia d’oro al valor civile: punti 4,00
  • Medaglia d’argento al valor civile : punti 3,50
  • Medaglia di bronzo al valor civile : punti 3,00
  • Encomio solenne : punti 2,00
  • Encomio : punti 1,70
  • Attestato di pubblica benemerenza : punti 1,40
  • Lode ex art. 78, comma 2, DPR n. 82/1999 : punti 1,00

Sono valutabili le ricompense riconosciute con provvedimento formale conseguite; negli ultimi dodici anni, desumibili dal foglio matricolare.;

  • Categoria D) - titoli di studio, fino a punti 12:
     
  • Laurea magistrale/Laurea II livello o titolo equivalente : punti 12,00
  • Laurea/Laurea I livello o titolo equivalente : punti; 7,00
  • Diploma Scuola media superiore di 2° grado ( 5 e 4 anni) : punti; 4,00
  • Diploma di qualifica ( 3 anni) : punti; 2,00

Verrà considerato solo il titolo più elevato. Ai fini della valutazione fa fede l’attestazione del foglio matricolare, ovvero, in mancanza, la copia del relativo certificato di studio.

  • Categoria E) - Conoscenza di una lingua straniera, fino a punti 1,00.

Viene attribuito 0,15 punti per ogni attestato conseguito, rilasciato in aggiunta o al di fuori del titolo di studio di cui alla categoria D, da allegare, pena la non valutabilità,; a cura del candidato in copia alla domanda di partecipazione, qualora non riportato sul foglio matricolare.

Saranno oggetto di valutazione i seguenti attestati e certificati conseguiti in conformità alle disposizioni contenute nei decreti del Ministero dell’istruzione, dell’Università e delle Ricerca del 7 marzo 2012 e del 12 luglio 2012, e al decreto del Direttore Generale; MIUR n. 118 del 28 febbraio 2017:

  • LINGUA FRANCESE
    Alliance Française, ente operatore del Ministero francese dell’Educazione Nazionale per certificazioni rilasciate fino al 2008 - Camera di Commercio e d’Industria di Parigi, Francia; - Centre International d’Etudes Pédagogiques (CIEP), ente operatore del Ministero francese dell’Educazione Nazionale.
  • LINGUA INGLESE
    Cambridge ESOL ; City and Guilds (Pitman); Edexcel /Pearson Ltd ; English Speaking Board (ESB);; International English Language Testing System (IELTS); London Chamber of Commerce and Industries Examination Board (LCCIEB); Trinity College London (TCL); Department of English, Faculty of Arts – University of Malta; National Qualifications Authority of Ireland – Accreditation and Coordination of English Language Services (NQAI – ACELS);; Pearson - LCCI;; Pearson - EDI; AIM Awards;; Learning Resource Network (LRN) http://www.lrnglobal.org/ - British Institutes - Gatehouse Awards Ltd
  • LINGUA SPAGNOLA
  • Istituto Cervantes ; Ministerio de Educación, Cultura y Deporte; Fundación para la Investigación y Desarrollo de la Cultura Española (FIDESCU) ; Consorzio Interuniversitario CELU, Argentina;; Ministerio de Educacíon de la Nacion Argentina.
  • LINGUA TEDESCA
    Goethe-Institut; Österreichisches Sprachdiplom Deutsch (ÖSD);Telc Language Tests, Germania; Kultusministerkonferenz der Bundesrepublik.
     
  •  Categoria F) - Conoscenza delle procedure e dei sistemi informatici, fino a punti 1,00.

Viene attribuito 0,15 punti per ogni attestato conseguito, rilasciato in aggiunta o al di fuori del titolo di studio di cui alla categoria D, da allegare, pena la non valutabilità, a cura del candidato in copia alla domanda di partecipazione, qualora non riportato sul foglio matricolare.
Saranno oggetto di valutazione i seguenti attestati e certificati:

  1. ECDL – ECDL base; ECDL standard; ECDL Expert.
  2. PEKIT – Pekit for school; Pekit Expert; Pekit advanced; Pekit Web Creation; Pekit Cads; Pekit Libercloud; Pekit digital lessons.
  3. CISCO – Entry level; Associate level; Professional level; Expert; Architect.
  4. VMWARE – Associate; Professional; Advanced professional; Expert; Engineer; Administrator; Architect; Developer.
  5. ITIL v2 FOUNDATIONS.
  6. MiCROSOFT OFFICE SPECIALIST – Specialist; Expert; Master.
  7. EIPASS Sanità digitale &EIPASS Teacher
  • Categoria G) - Superamento della prova selettiva in precedenti analoghi concorsi e per i vincitori di analoghi concorsi che non abbiano partecipato al corso di formazione o si siano dimessi durante la frequenza : punti 4

 

  1. La Commissione esaminatrice, sulla base della documentazione agli atti, procede alla valutazione dei titoli posseduti dai candidati alla data di scadenza del bando, determinando i criteri e le modalità di attribuzione dei punteggi. I titoli valutati ed i relativi punteggi sono riportati su apposite schede individuali relative a ciascun candidato, sottoscritte dal Presidente e da tutti i componenti della Commissione, che fanno parte integrante degli atti del concorso. La Commissione per ogni seduta redige processo verbale delle operazioni effettuate.
  2. La valutazione dei suddetti titoli avverrà mediante l’esame del foglio matricolare aggiornato e dei titoli, rientranti nelle categorie di cui sopra, allegati dai candidati, qualora non riportati sul foglio matricolare.
  3. La commissione procederà alla valutazione dei titoli in ordine di annualità, nel rispetto di quanto previsto dall’articolo 1, comma 4, del decreto del Capo del Dipartimento 29 novembre 2017.
     

Art. 7
(Formazione ed approvazione della graduatoria)

  1. Il punteggio complessivo di ciascun candidato è dato dalla somma dei punteggi attribuiti nelle singole categorie di titoli.
  2. A parità di punteggio prevalgono, nell’ordine, la qualifica, l’anzianità nella qualifica, l’ordine di ruolo.
  3. Con decreto del Direttore generale del personale e delle risorse sono approvate le graduatorie di merito relative alle diverse annualità e sono nominati i vincitori del concorso.
  4. Ai fini della nomina dei vincitori, qualora un candidato risulti utilmente classificato in più graduatorie, lo stesso è chiamato a scegliere in quale permanere. In relazione alla scelta effettuata il medesimo viene escluso dalle graduatorie per le quali non ha manifestato interesse. Effettuata la scelta si procede allo scorrimento secondo l’ordine della posizione assunta da ciascuno dei candidati seguenti.
  5. Il decreto di approvazione delle graduatorie è pubblicato nel sito istituzionale del Ministero della Giustizia www.giustizia.it con modalità che assicurino la riservatezza dei dati sensibili. Dalla data di pubblicazione decorre il termine, rispettivamente di; giorni 60 e 120, per le eventuali impugnative al; Tribunale Amministrativo Regionale, ai sensi del decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104, ovvero al Presidente della Repubblica, ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica; 24 novembre 1971, n. 1199.

Art. 8
(Corso di formazione)

  1. Il personale vincitore del concorso deve frequentare un corso di formazione tecnico-professionale non superiore a tre mesi, anche con modalità telematiche, con verifica finale.
  2. I candidati ammessi al corso di formazione possono rinunciare alla frequenza del corso medesimo prima dell’inizio dello stesso. Gli stessi e coloro che comunque non si presenteranno senza giustificato motivo saranno sostituiti dai candidati utilmente classificati nella relativa graduatoria nel rispetto della posizione assunta da ciascuno.
  3. I candidati rinunciatari nonché quelli che non si presenteranno, senza giustificato motivo, nella sede e nel termine loro assegnato per la frequenza del corso di formazione, saranno dichiarati decaduti.
  4. Per il personale che supera il corso di formazione la nomina alla qualifica di vice sovrintendente è conferita, con decreto del direttore generale del personale e delle risorse, con decorrenza giuridica differenziata corrispondente al primo gennaio dell'anno successivo a quello della annualità alla quale si riferiscono i posti messi a concorso e decorrenza economica identica per tutte le annualità, corrispondente al giorno successivo alla data di conclusione del; primo corso di formazione, qualora, per esigenze dell’Amministrazione, si debba procedere ad organizzare più corsi formativi.
  5. I vice sovrintendenti nominati in attuazione dei commi 1 degli articoli 2, 2 bis, 2 ter, 2 quater, 2 quinquies, 2 sexties, 2 septies, 2 octies e 2 nonies, precedono nel ruolo, per ogni annualità,; quelli nominati in attuazione dei commi 2 dei medesimi articoli.
  6. Per quanto non previsto, si applicano le disposizioni contenute nel decreto del Capo del Dipartimento 29 novembre 2017.


Roma, 19 dicembre 2017

Il Direttore Generale
Pietro Buffa