salta al contenuto

Esperto di servizio sociale anno 2017 Sicilia - Centro per la giustizia minorile - PALERMO - 29 giugno 2017 - Avviso di selezione


Dipartimento giustizia minorile e di comunità
Centro per la giustizia minorile per la Sicilia

Prot. N. 10554

AVVISO PUBBLICO

di selezione esperti in Servizio Sociale ex art. 80, Legge n. 354/75 e artt. 7 e 8 del D.Lgs. n.272/89, per titoli e colloquio d’idoneità, da inserire nell’elenco ex artt. 132 e 133 del DPR n.230/2000.
 

Art. 1
Selezione esperti di Servizio Sociale

E’ indetta una selezione pubblica per titoli e colloquio d’idoneità per Esperti di Servizio Sociale per la formazione di un Elenco ex artt. 132 e 133 del DPR n.230/2000, cui attingere per il conferimento di incarichi in regime di consulenza e senza rapporto di pubblico impiego da espletarsi presso gli Uffici di Servizio Sociale per i Minorenni di Caltanissetta e di Messina e rispettive sezioni distaccate relativamente ai due distretti di Corte d’Appello di Caltanissetta e Messina.
 

Art. 2
Formazione dell’Elenco e validità

L’Elenco di esperti sarà costituito da due Sezioni distinte, per i Distretti di Corte d’Appello di Caltanissetta e di Messina.
L’Elenco avrà validità di anni quattro, con possibilità di aggiornamento ogni due anni, e ad essi si attingerà al bisogno, per il conferimento di incarichi aventi durata non superiore ad 1 anno, rinnovabili al massimo per un altro anno.
 

Art. 3
Requisiti di ammissione

Per essere ammessi alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti:

  1. Laurea in Servizio Sociale (triennale, specialistica/magistrale e/o vecchio ordinamento);
  2. Abilitazione all’esercizio della professione di Assistente Sociale;
  3. Iscrizione all’Albo professionale degli Assistenti Sociali;
  4. Età non inferiore ai 25 anni;
  5. Non aver riportato condanne penali o applicazioni di pena ai sensi dell’art. 444 del C.P.P. e di non avere in corso procedimenti penali né procedimenti per l’applicazione di misure di sicurezza o di prevenzione, né che risultino a proprio carico precedenti penali iscrivibili nel casellario giudiziale ai sensi dell’art. 3 D.P.R. 313/2002. In caso contrario si indichino le condanne ed i procedimenti a carico ed ogni eventuale precedente penale, precisando la data del provvedimento e l’autorità giudiziaria che lo ha emanato ovvero quella presso la quale penda un eventuale procedimento penale.
  6. Non essere mai stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento ovvero non essere decaduti dall’impiego ai sensi dell’art. 127, lettera d, del testo unico approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3;
  7. Non avere rapporto di lavoro dipendente o ad altro titolo con l’Amministrazione della Giustizia Minorile e di Comunità o ricoprire incarichi incompatibili con quello di esperto;
  8. Conoscenza di elementi di informatica di base;
  9. Possesso di Partita IVA o impegno ad aprirla nel caso di conferimento dell’incarico;
  10. Godimento dei diritti civili e politici.

I requisiti suddetti devono essere posseduti entro il termine stabilito nel presente Avviso.

Art. 4
Titoli valutabili e relativi punteggi

Il punteggio sarà attribuito in base alla seguente tabella:

 

Tabella punteggi
TITOLO PUNTI
Diploma di Laurea in Servizio Sociale magistrale/specialistica o vecchio ordinamento: 3
Laurea triennale in Servizio Sociale 1
Master di I livello attinente al profilo 1
Master di II livello attinente al profilo 1,5
Dottorato di ricerca attinente al profilo 2
Diploma di specializzazione attinente il profilo conseguito presso
le scuole di specializzazione ai sensi del DPR 162/82
1
Diploma di perfezionamento annuale attinenti al profilo ai sensi del DPR 162/82 1
Diploma di perfezionamento biennale attinente al profilo ai sensi del DPR 162/82 1,5
Tirocinio presso i servizi della Giustizia Minorile 0,75
Precedente esperienza professionale nella qualità di
assistente sociale nell’ambito del trattamento di minori e giovani adulti dell’Area Penale:
(punti 1 per ogni semestre)
3
(punteggio massimo)
Pubblicazioni realizzate su riviste scientifiche
relative all’infanzia ed all’adolescenza: punti 0,25 per articolo scritto come coautore;
0,50 per articolo scritto come autore singolo;
1,50 per monografie di almeno 50 pagine.
2,5
(punteggio massimo)


Art. 5
Valutazione del colloquio di idoneità

La Commissione, dopo aver valutato i titoli, convocherà i candidati Esperti per il colloquio presso la sede del Centro per la Giustizia Minorile per la Sicilia – Palermo, Via Principe di Palagonia n.135/A.
Per il colloquio è prevista l’attribuzione di un punteggio, da un minimo di 1,00 punto ad un massimo di 6,00 punti.
La data del colloquio sarà comunicata con adeguato anticipo, esclusivamente all’indirizzo di posta elettronica indicata dal candidato.
I candidati dovranno presentarsi al colloquio muniti di documento di identità in corso di validità.
Il colloquio verterà sui seguenti argomenti:

  1. Principali riferimenti teorici sulla devianza minorile e nuovi orientamenti operativi;
  2. Organizzazione del Ministero della Giustizia e sue articolazioni, con particolare riferimento al Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità, ai Centri per la Giustizia Minorile ed ai Servizi Minorili dipendenti;
  3. D.P.R. 448/88, Disposizioni sul processo penale a carico di imputati minorenni; D. Lgs. n. 272/89, Norme di attuazione, coordinamento e transitorie; Legge n.117 dell’11 agosto 2014;
  4. Cenni sull’Ordinamento Penitenziario, Legge n.354/75 e DPR n.230/2000, con particolare riferimento alle misure alternative e sostitutive alla detenzione;
  5. Legge 15 gennaio 1994, n. 64, Riconoscimento, affidamento e rimpatrio dei minori; D.Lgs. n.286/1998 e ss.mm.ii.;
  6. Nuovi orientamenti normativi ed operativi in materia di istruzione e formazione professionale;
  7. DPR n.309/90 e ss.mm.ii., Disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza;
  8. Normativa relativa al segreto professionale ed al segreto d’ufficio.

Art. 6
Presentazione della domanda: termini e modalità

La domanda di partecipazione alla selezione, compilando esclusivamente il modulo allegato al presente Avviso, dovrà essere inviata in formato PDF (recante firma autografa e documento di identità allegato) al Centro per la Giustizia Minorile per la Sicilia all’indirizzo di posta elettronica certificata cgm.palermo.dgm@giustiziacert.it, entro e non oltre le ore 13:00 del 24 Luglio 2017.
Nella domanda ciascun candidato dovrà dichiarare dettagliatamente, ai sensi degli artt. 45 e 46 del DPR n.445/2000, quanto richiesto, scegliendo il Distretto per il quale si intende partecipare.
I candidati dovranno altresì allegare alla domanda anche la copia delle pubblicazioni che indicheranno al punto 11 del Modulo.

L’Amministrazione si riserva la facoltà di procedere a idonei controlli, anche a campione, sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive citate. Inoltre, qualora dal controllo emerga la non veridicità delle dichiarazioni sostitutive rese, il candidato, oltre a rispondere ai sensi dell’art. 76 del D.P.R. 445/2000, decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento o atto emanato sulla base della dichiarazione non veritiera.
 

Art. 7
Casi di esclusione

Saranno esclusi dalla selezione:

  1. I candidati che abbiano inoltrato la domanda di partecipazione oltre i termini previsti nel presente Avviso o con modalità diverse dalla PEC;
  2. I candidati che non siano in possesso dei requisiti e dei titoli richiesti.

Dell’esclusione sarà data comunicazione all’interessato tramite posta elettronica.
Si precisa che l’inserimento nell’elenco degli esperti ex artt. 132 e 133 del D.P.R. 30/06/2000, n. 230 è incompatibile con l’iscrizione nell’Albo degli Avvocati e Procuratori legali, con il ruolo di componente di collegi giudicanti, giudice di pace e dipendente del Ministero della Giustizia e non comporta di per sé alcun diritto a ricevere incarichi concreti da parte di questa Amministrazione, costituendone tuttavia il necessario presupposto.
Pertanto, nel caso di assegnazione di incarico, l’Esperto dovrà sottoscrivere una Dichiarazione di insussistenza di cause di incompatibilità.
 

Art. 8
Commissioni e procedure

Allo scadere del termine per la presentazione delle domande sarà nominata una Commissione Giudicatrice per il Distretto di Corte d’Appello di Caltanissetta e una Commissione Giudicatrice per il Distretto di Corte d’Appello di Messina.

Ogni Commissione sarà composta dal Presidente Direttore del Centro per la Giustizia Minorile per la Sicilia, da Funzionari di questo CGM e dal Direttore dell’Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni interessato.
Le Commissioni procederanno:

  1. alla valutazione dei titoli di ciascun candidato, attribuendo il relativo punteggio;
  2. alla convocazione dei candidati al colloquio, mirato a verificare l’idoneità degli stessi in riferimento all’incarico da svolgere;
  3. a predisporre le graduatorie e l’Elenco degli Esperti di Servizio Sociale, suddiviso in due Sezioni, una per il Distretto di Caltanissetta e una per il Distretto di Messina.

I candidati risultati idonei saranno inseriti nella Sezione per la quale hanno presentato domanda.
 

Art.9
Trattamento di dati personali

I dati personali forniti dai candidati saranno trattati ai sensi del D.lgs.196/2003 per le procedure della presente selezione e, ove ricorra, anche successivamente all’instaurarsi del rapporto di collaborazione professionale per le necessità inerenti la gestione del rapporto medesimo.
 

Art.10
Pubblicità e informazioni

Il presente Avviso Pubblico di selezione viene pubblicato sul sito istituzionale del Ministero della Giustizia www.giustizia.it, dove sarà successivamente pubblicato anche l’Elenco degli Esperti risultati idonei.
L’interessato ha il diritto di accesso agli atti che lo riguardano, nonché quello di far rettificare, aggiornare, completare o cancellare i dati errati, incompleti o raccolti in termini non conformi alla Legge, nonché il diritto di opporsi al loro trattamento per motivi illegittimi con le modalità e nei casi indicati dal D.l.gs 30.6.2003 n. 196.

Palermo, 29 giugno 2017

Il Dirigente
Rosalba Salierno