Assunzione da graduatoria Consiglio dell'Ordine Avvocati di Ivrea - 9 aprile 2024 - qualifica professionale di Assistente giudiziario

m_dg.DOG.09/04/2024.0007145.ID

I candidati assunti, i cui nominativi sono riportati nel provvedimento, prendono possesso nella sede e nell’ufficio che verrà loro comunicato il 23 aprile 2024


Ministero della Giustizia
Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria, del Personale e dei Servizi
Direzione Generale del Personale e della Formazione

Il Direttore Generale

Assunzione di n. 3 unità nel profilo di Assistente giudiziario mediante scorrimento della graduatoria relativa al concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di n. 1 unità di personale dipendente a tempo pieno e indeterminato in prova, area assistenti (ex posizione economica B 1) C.C.N.L. Enti Pubblici non Economici – Comparto Funzioni Centrale, n. 1/2022. Assunzione mediante scorrimento graduatoria del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Ivrea.

 

 

VISTO il Testo unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3 e successive modificazioni;

VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 3 maggio 1957, n. 686, relativo alle norme di esecuzione del Testo unico di cui sopra e successive modificazioni;

VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241, recante «Norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi», e successive modificazioni;

VISTA la legge 5 febbraio 1992, n. 104, recante «Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate», e successive modificazioni;

VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487, recante il «Regolamento recante norme sull'accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni e le modalità di svolgimento dei concorsi, dei concorsi unici e delle altre forme di assunzione nei pubblici impieghi», e successive modificazioni;

VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni ed integrazioni, concernente le norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche;

VISTO il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recante il «Codice in materia di protezione di dati personali», così come novellato dal decreto legislativo 10 agosto 2018, n. 101;

VISTO il «Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (regolamento generale sulla protezione dei dati)»;

VISTO il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, recante il «Codice dell’amministrazione digitale» e successive modificazioni;

VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 12 aprile 2006, n. 184, concernente il «Regolamento recante disciplina in materia di accesso ai documenti amministrativi»;

VISTO il decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, recante «Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni» e successive modificazioni;

VISTA la legge 6 novembre 2012, n. 190, recante «Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione» e successive modificazioni;

VISTO il decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, recante «Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni» e successive modificazioni;

VISTO il decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125, recante “Disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni”;

VISTA la legge 7 agosto 2015, n. 124, recante «Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche» e successive modificazioni;

VISTO il decreto legislativo 25 maggio 2016, n. 97, recante «Revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione, pubblicità e trasparenza, correttivo della legge 6 novembre 2012, n. 190 e del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, ai sensi dell’art. 7 della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche»;

VISTI i contratti collettivi nazionali di lavoro vigenti, con particolare riferimento al C.C.N.L. comparto Funzioni centrali, periodo 2019-2021;

VISTA, ai fini dell’inquadramento la tabella di corrispondenza n. 4 del D.P.C.M. del 26 giugno 2015;

VISTO, ai fini dell’inquadramento, il C.C.N.L. 2019-2021 e, in particolare, l’art. 18, comma 5;

VISTO il D.P.C.M. 11 maggio 2023, con il quale questa Amministrazione è stata autorizzata ad indire procedure di reclutamento e ad assumere a tempo indeterminato le unità di personale indicate nella Tabella 16, allo stesso decreto allegata, anche mediante scorrimento di candidati risultati idonei in altri concorsi;

VISTA la nota trasmessa con protocollo n. 6810.U dell’11 gennaio 2024, con la quale si è provveduto ad inoltrare al Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Ivrea formale richiesta al fine di procedere allo scorrimento della graduatoria del concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di n. 1 unità di personale dipendente a tempo pieno e indeterminato in prova, area assistenti (ex posizione economica B 1) CCNL Enti Pubblici non Economici – Comparto Funzioni Centrali, bandito in data 9 dicembre 2022;

VISTA la delibera assunta dal consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Ivrea in data 19 gennaio 2024, acquisita con protocollo n. 18379.E del 24 gennaio 2024, con la quale questa Direzione generale è stata autorizzata allo scorrimento della graduatoria degli idonei di cui trattasi, pubblicata all’esito della procedura concorsuale n. 1/2022;

VISTA successiva comunicazione mezzo mail con la quale l’Ordine degli Avvocati di Ivrea, in data 15 febbraio 2024, ha trasmesso i nominativi degli idonei del concorso pubblico di cui trattasi;

VISTO che, a seguito di richiesta di manifestazione di interesse all’assunzione presso questa Amministrazione, solo tre idonei hanno comunicato la loro disponibilità, nello specifico, OMISSIS, OMISSIS e OMISSIS;

VISTA la ricognizione dei posti effettuata nel profilo professionale iniziale di Assistente giudiziario e preso atto delle carenze di organico negli Uffici giudiziari di Ivrea e di Torino;

RITENUTO, pertanto, che si rende opportuno e necessario procedere all’assunzione delle tre unità;

DISPONE

L’assunzione di OMISSIS, OMISSIS e di OMISSIS, mediante scorrimento della graduatoria del concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di n. 1 unità di personale dipendente a tempo pieno e indeterminato in prova, area assistenti (ex posizione economica B 1) C.C.N.L. Enti Pubblici non Economici – Comparto Funzioni Centrale, n. 1/2022.

[nominativi in linea fino al 23 maggio 2024]

I suddetti, dalla data in cui prenderanno servizio, sono assunti tra il personale non dirigenziale a tempo indeterminato nella qualifica professionale di Assistente Giudiziario, da inquadrare nell’Area Assistenti, prima fascia retributiva (ex Area II, profilo assistente) nei ruoli del personale del Ministero della Giustizia – Amministrazione giudiziaria.

Con riserva di accertare successivamente il possesso dei requisiti per l’assunzione, ivi compreso quello delle qualità morali e di condotta irreprensibili previsto dall’art. 35, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. 

La spesa del presente provvedimento graverà nell’ambito della disponibilità del Ministero della Giustizia, missione “Giustizia” programma “Giustizia Civile e Penale” azione “Spese di personale per il programma (personale civile)” capitolo 1402 - piano gestionale 01 e piano gestionale 02 e 1421 del C.D.R. “Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria, del Personale e dei Servizi” per gli esercizi 2024 e seguenti.

Roma, 9 aprile 2024

Il Direttore Generale
Mariaisabella Gandini