salta al contenuto

Accordo 19 ottobre 2018 - Utilizzazione del Fondo Unico di Amministrazione per l’anno 2017 - Relazione tecnico finanziaria

Ministero della Giustizia
Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria, del Personale e dei Servizi

Direzione Generale del Bilancio e della Contabilità

RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA
ACCORDO FONDO UNICO DI AMMINISTRAZIONE PER L’ANNO 2017


La presente relazione, redatta in attuazione dell’art. 40, comma 3-sexies del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 sulla base degli schemi standard predisposti dal Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato d’intesa con il Dipartimento della Funzione Pubblica e diramati con circolare n. 25 del 19/07/2012 del Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato, è finalizzata alla dimostrazione della compatibilità dei costi previsti dall’accordo 19 ottobre 2018 concernente i criteri per la corresponsione delle risorse residue del fondo unico di amministrazione per l’anno 2017, con i vincoli di bilancio derivanti dall’applicazione delle norme di legge in materia.
Le risorse disponibili, definitivamente assegnate per il 2017 con legge di assestamento di bilancio e confermate dal Dipartimento della ragioneria generale dello Stato con nota prot 212422 del 6 dicembre 2017, sono pari ad euro 63.487.090,00. Il fondo così costituito è stato certificato con nota prot. n. 42141 del 08/06/2018 della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della funzione pubblica e nota prot. 142483 del 07/06/2018del Ministero dell’economia e delle finanze – Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato.

Modulo I - Costituzione fondo per la contrattazione integrativa

Sezione I - Risorse aventi carattere di certezza e di stabilità

Nella sezione I - Risorse aventi carattere di certezza e di stabilità – sono state inserite tra le Risorse storiche consolidate tutte quelle derivanti dall’applicazione delle disposizioni di cui al C.C.N.L. 1998-2001 e tra gli  Incrementi esplicitamente quantificati in applicazione del CCNL sono state inserite tutte le risorse derivanti dall’applicazione dei contratti collettivi nazionali di lavoro successivi; all’interno della sub-sezione Altri incrementi con carattere di certezza e di stabilità sono state inseriti i risparmi derivanti dalle cessazioni a titolo di RIA e Progressioni economiche, che, in presenza dei requisiti richiesti, incrementano periodicamente il fondo.
Rispetto all’anno precedente si registrano i seguenti incrementi:

Retribuzione individuale di anzianità
- Fondo 2017 - cessati 2015 - euro 2.444.471,00
Progressioni economiche
- Fondo 2017 - cessati 2015 - euro 3.293.543,00

 

Risorse aventi carattere di certezza e di stabilità
Risorse 2017 Tipo Importo in euro Totali
storiche consolidate CCNL 98-01 art. 31 c.1 - linea 1 ex art. 36 e 37 precedente CCNL 39.012.405,00 69.437.536,00
CCNL 98-01 art. 31 c.1 - linea 2 quota lavoro straordinario 2.338.088,00
CCNL 98-01 art. 31 c.1 - linea 4 specifiche disposizioni normative 12.911.422,00
CCNL 98-01 art. 31 c.1 - linea 9 e 10 quote pro-capite 15.175.621,00
Incrementi esplicitamente quantificati in sede di CCNL CCNL biennio economico 2000-2001 art. 6, comma 1 - linea 4 quota pro-capite 5.996.063,00 32.129.516,00
CCNL biennio economico 2000-2001 art. 6, comma 2 (5% compensi straordinari) 208.600,00
CCNL biennio economico 2002-2003 art. 23 quota pro-capite 10.639.000,00
CCNL biennio economico 2004-2005 art. 3 quota pro-capite 9.468.000,00
CCNL 2006/2009 biennio economico 2006-2007 art. 32, comma 1 (0,11%) 2.103.191,00
CCNL 23/01/2009 biennio economico 2008-2009 art. 6 comma 3 (50% - 0,39%) 3.714.662,00
Altri incrementi con carattere di certezza e di stabilità CCNL biennio economico 2000-2001 art. 6, comma1 - linea 1 - RIA cessati 33.204.611,00 58.087.681,00
CCNL biennio economico 2000-2001 art. 6, comma 1 - linea 2 - Progressioni cessati 24.883.070,00
Totale Risorse aventi carattere di certezza e di stabilità 159.654.733,00

 

Sezione II - Risorse variabili

Per la quantificazione delle risorse variabili sono state riportate tutte quelle risorse riferite alle vigenti disposizioni contrattuali che consentono di alimentare la parte variabile del fondo unico di amministrazione.

  • Pro-rata RIA dei cessati nell’anno precedente, ex art. 6, comma 1 - linea 1° del CCNL Biennio economico 2000/2001;
  • Pro-rata risorse rientrate dalle progressioni economiche dei cessati nell’anno precedente, ex art. 6, comma 1 - linea 2° del CCNL Biennio economico 2000/2001;
  • Indennità di amministrazione cessati al netto delle nuove assunzioni ex CCNL 98/2001 art. 31, comma 1-linea 8°;
  • Risparmi di gestione CCNL 98/2001 art. 31, comma 1 - linea 3°; questi risparmi sono stati decurtati delle somme ex art. 71, comma 1, DL 112/2008 che sono state quantificate in euro 2.527.895,58;

Si riporta di seguito il dettaglio degli importi.

Sezione II risorse variabili - anno 2017
Risorse Importo in euro
CCNL Biennio economico 2000/2001 art. 6, comma 1 - linea 1º RIA cessati nell'anno 2016 779.568,13
CCNL Biennio economico 2000/2001 art. 6, comma 1 - linea 2º 1.436.048,77
CCNL 98/2001 art. 31, comma 1 - linea 3º risparmi di gestione 7.673.043,35
CCNL 98/2001 art. 31, comma 1 - linea 8º indennità di amministrazione cessati 65.693.705,28
risorse da portare in detrazione ai sensi dell'art. 71, c 1 l. 133/2008 - 2.527.895,58
Totale Risorse variabili 73.054.469,95

 

Sezione III – Decurtazioni dal Fondo

Per il fondo del 2017 in oggetto, sono state effettuate le decurtazioni secondo le norme vigenti al momento della quantificazione del medesimo fondo. La somma complessiva delle decurtazioni è pari a € 73.935.500,95 come di seguito analiticamente riportato.

La decurtazione permanente da operare per effetto delle disposizioni di cui all’art. 9, comma 2-bis, del D.L. n. 78/2010 come modificato dall’art. 1, comma 456, della legge n. 147/2013, era stata inizialmente calcolata pari ad un importo complessivo di € 71.366.209,00 di cui la componente della decurtazione relativa alla “riconduzione Fondo 2014 al limite soglia 2010 (1° periodo comma 2-bis)” è pari a € 67.828.292,00 e la componente relativa alla riduzione percentuale del personale in servizio nel 2014 rispetto a quello in servizio nel 2010 è stata quantificata, in via definitiva, in € 3.537.917,00.

La decurtazione di cui all’art. 23, comma 2, del decreto legislativo 25 maggio 2017, n. 75, tenendo anche conto dei criteri di quantificazione del fondo di cui alla circolare n. 30 del 30 ottobre 2017 del Ministero dell’economia e delle finanze – Dipartimento della ragioneria generale dello Stato, è stata quantificata in euro 2.569.291,95.

Sezione III decurtazioni dal fondo – anno 2017
Decurtazioni Importo in euro
Riduzione Permanente (riduz. Prop. Pers. 2010-2014) 3.537.917,00
Riduzione permanente (riconduzione a limite soglia) 67.828.292,00
Riduzione ex art. 23, comma 2, del D.Lgs. 25-5-2017 n. 75 2.569.291,95
Totale Decurtazioni 73.935.500,95


Sezione IV – Sintesi della costituzione del Fondo sottoposto a certificazione

Il totale del fondo sottoposto a certificazione, per la cui quantificazione sono state seguite le indicazioni di cui alla citta circolare MEF-RGS n. 30/2017, risulta pari a euro 158.773.702,00  come di seguito riportato.

Fondo tendenziale - 2017
Totale Risorse aventi carattere di certezza e di stabilità - 159.654.733,00
Totale Risorse variabili - 73.054.469,95
Totale Fondo tendenziale - 232.709.202,95   
Totale Decurtazioni - 73.935.500,95
Fondo sottoposto a certificazione - 158.773.702,00
    
Totale destinazioni sottratte alla negoziazione -  -98.813.895,00
Una tantum per somme non assegnate nel 2016 - 3.527.283,00
Totale destinazioni espressamente regolate dal C.I. - 63.487.090,00

 

Modulo II - Definizione delle poste di destinazione del Fondo per la contrattazione integrativa

Nella sezione I sono state riportate tutte quelle risorse che sono state impiegate nelle progressioni economiche dal momento della costituzione del fondo distinguendo tra le progressioni operate ex art. 17 del CCNL 1998 – 2001 (posizioni super) e le progressioni ex art. 32, comma 2, linea 6 del CCNL 1998 – 2001 per un totale complessivo pari ad euro 98.813.895,00.

Nella sezione II sono state riportate analiticamente tutte le voci espressamente regolate dal presente contratto sia con riferimento al fondo 2017 sia con riferimento alle singole articolazioni ministeriali (tabelle 1 -2 - 3 di seguito riportate) per un importo complessivo pari ad euro 63.487.090,00 di cui euro 59.959.807,00 riferibili al fondo unico di amministrazione per l’anno 2017 ed euro 3.527.283,00 quale una tantum riferibili al recupero dei risparmi concernenti la retribuzione individuale di anzianità e le progressioni economiche orizzontali relative all’anno 2014 non assegnate nel 2016.

Sezione I - Destinazioni non disponibili alla contrattazione integrativa
o comunque non regolate specificamente dal Contratto integrativo
sottoposto a certificazione
Poste non oggetto di negoziazione 2017
valori espressi in euro
CCNL 98-01 art. 17 posizione super 6.577.889,00
CCNL 98-01 art. 32 comma 2 - linea 6 percorsi formativi all'interno delle aree 92.236.006,00
Poste già negoziate in precedenza 0,00
Totale destinazioni sottratte alla negoziazione 98.813.895,00

 

Sezione II - Destinazioni specificamente regolate dal Contratto Integrativo
Tipologie 2017
valori espressi in euro
Prestazioni di lavoro straordinario eccedenti gli ordinari stanziamenti 2.000.000,00
Remunerazione posizioni organizzative 1.994.624,00
Indennità per particolari posizioni di lavoro 12.745.600,00
Valutazione sulla base dell'apporto individuale 4.891.749,00
Contrattazione decentrata (fondo di sede) 41.855.117,00
Totale destinazioni espressamente regolate dal C.I. 63.487.090,00

 

Sezione III - Destinazioni ancora da regolare
Tipologie 2017
 
Totale destinazioni da regolare -

 

;  

Sezione IV - Sintesi della definizione delle poste di destinazione del Fondo per la C.I. sottoposto a certificazione
Totali 2017
importi espressi in euro
a) Totale destinazioni non disponibili alla C.I. (tot. Sez. I) 98.813.895,00
b) Totale destinazioni regolate dal C.I. (tot. Sez. II)
al netto delle risorse una tantum (€ 3.527.283,00)
59.959.807,00
c) Totale destinazioni ancora da regolare (tot. Sez. III) -
d) Totale poste di destinazione del Fondo sottoposto a certificazione (a+b+c) 158.773.702,00

Il totale delle risorse regolate dal presente accordo risulta pari a euro 63.487.090,00 (comprensivo delle risorse una tantum calcolate tenendo conto delle indicazioni di cui alla circolare MEF-RGs n. 30/2017).

Si riporta di seguito il dettaglio delle destinazioni del fondo distinte per le tre articolazioni interessate.

Tabella 1
Amministrazione Giudiziaria 2017
Prestazioni di lavoro straordinario eccedenti gli ordinari stanziamenti - 2.000.000,00
Indennità per particolari posizioni di lavoro - 10.000.000,00
Contrattazione decentrata (fondo di sede) - 40.631.195,00
Totale destinazioni espressamente regolate dal C.I. - 52.631.195,00

Tabella 2        
Amministrazione Penitenziaria 2017
Remunerazione posizioni organizzative - 1.299.624,00      
Indennità per particolari posizioni di lavoro - 1.945.600,00
Valutazione sulla base dell'apporto individuale - 2.585.877,00
Contrattazione decentrata (fondo di sede) - 647.454,00
Totale destinazioni espressamente regolate dal C.I. - 6.478.555,00

Tabella 3
Giustizia Minorile - 2017
Remunerazione posizioni organizzative - 695.000,00
Indennità per particolari posizioni di lavoro - 800.000,00
Valutazione sulla base dell'apporto individuale - 2.305.872,00
Contrattazione decentrata (fondo di sede) - 576.468,00
Totale destinazioni espressamente regolate dal C.I. - 4.377.340,00

Sezione VI – Attestazione motivata, dal punto di vista tecnico finanziario, del rispetto dei vincoli di carattere generale

Si attesta che le risorse aventi destinazione certa e continuativa, negoziate comunque con precedenti contratti integrativi e non oggetto del presente accordo, trovano adeguata copertura nell’ambito delle risorse fisse del Fondo aventi carattere di certezza e di stabilità.

Il fondo sottoposto a certificazione, complessivamente quantificato al netto di tutte le decurtazioni normativamente previste, risulta pari a euro 158.773.702,00 mentre il totale degli impieghi fissi e continuativi è pari ad euro 98.813.895,00 per un totale di risorse disponibili pari a euro 59.959.807,00 a cui vanno aggiunti euro 3.527.283,00 quale recupero una tantum delle risorse non assegnate nell’anno 2016. Il totale delle risorse disponibili alla contrattazione risulta, pertanto, pari a euro 63.487.090,00.

Inoltre, come si evince esplicitamente dal testo dell’accordo in esame e dalla relativa relazione illustrativa, le risorse destinate all’incentivazione sono erogate a seguito di valutazione secondo i criteri indicati per ciascuna articolazione.

Modulo III – Schema generale riassuntivo del Fondo per la contrattazione integrativa e confronto con il corrispondente Fondo certificato dell’anno precedente.

In questa parte è riportato il modulo I integrato con i dati relativi all’ultimo fondo certificato (2016). Al riguardo si segnala che il confronto tra il fondo certificato 2016 e quello sottoposto a certificazione 2017 tiene conto dei diversi criteri di formulazione richiesti con circolare n. 30 del 30 ottobre 2017 del Ministero dell’economia e delle finanze – Dipartimento della ragioneria generale dello Stato.
 

 
Risorse voci 2016 certificato 2017
storiche consolidate CCNL 98-01 art. 31 c.1 - linea 1 ex art. 36 e 37 precedente CCNL 39.012.405,00 39.012.405,00
CCNL 98-01 art. 31 c.1 - linea 2 quota lavoro straordinario 2.338.088,00 2.338.088,00
CCNL 98-01 art. 31 c.1 - linea 4 specifiche disposizioni normative 12.911.422,00 12.911.422,00
CCNL 98-01 art. 31 c.1 - linea 9 e 10 quote procapite 15.175.621,00 15.175.621,00
totali 69.437.536,00 69.437.536,00
Incrementi esplicitamente quantificati in sede di CCNL CCNL biennio economico 2000-2001 art. 6, comma 1 - linea 4 quota procapite 5.996.063,00 5.996.063,00
CCNL biennio economico 2000-2001 art. 6, comma 2 (5% compensi straordinari) 208.600,00 208.600,00
CCNL biennio economico 2002-2003 art. 23 quota procapite 10.639.000,00 10.639.000,00
CCNL biennio economico 2004-2005 art. 3 quota procapite 9.468.000,00 9.468.000,00
CCNL 2006/2009 biennio economico 2006-2007 art. 32, comma 1 (0,11%) 2.103.191,00 2.103.191,00
CCNL 23/01/2009 biennio economico 2008-2009 art. 6 comma 3 (50% - 0,39%) 3.714.663,00 3.714.663,00
totali 32.129.516,00 32.129.516,00
Altri incrementi con carattere di certezza e stabilità CCNL biennio economico 2000-2001 art. 6, comma1 - linea 1 - RIA cessati 30.760.140,00 33.204.611,00
CCNL biennio economico 2000-2001 art. 6, comma 1 - linea 2 -  Progressioni cessati  21.589.527,00 24.883.070,00
Totali 52.349.667,00 58.087.681,00
Totale risorse aventi carattere di certezza e stabilità 153.916.719,00 159.654.733,00

 

Sezione II - Risorse variabili
Tipologie 2016 certificato 2017
CCNL Biennio economico 2000/2001 art. 6, comma 1 - linea 1° RIA cessati nell'anno 2014 1.202.812,00 779.568,13
CCNL Biennio economico 2000/2001 art. 6, comma 1 - linea 2° 1.559.762,00 1.436.048,77
CCNL 98/2001 art. 31, comma 1 - linea 3° risparmi di gestione 9.212.170,00 7.673.043,35
CCNL 98/2001 art. 31, comma 1 - linea 5° art. 43 legge n. 449/1997 - -
CCNL 98/2001 art. 31, comma 1 - linea 8° indennità di amministrazione cessati 62.255.439,00 65.693.705,28
altre risorse* - -
Somme non utilizzate provenienti dall'anno precedente - -
- risorse da portare in detrazione ai sensi dell'art 71, c. 1 L. 133/2008 - 2.049.713,00 -2.527.895,58
Totale Risorse variabili 72.180.470,00 73.054.469,95

 

Sezione III - Decurtazioni dal fondo
Tipologie 2016 Certificato 2017
Riduzione strutturale (riduz. Prop. Pers. 2010-2014) 3.537.917,00 3.537.917,00
Riduzione strutturale (riconduzione a limite soglia) 67.828.292,00 67.828.292,00
Riduzione per riconduzione al limite soglia sulla base delle vigenti disposizioni 14.115.123,00 2.569.291,95
Totale decurtazioni 85.481.332,00 73.935.500,95

 

Fondo tendenziale
Tipologie 2016 Certificato 2017
Totale Risorse aventi carattere di certezza e di stabilità 153.916.719,00 159.654.733,00
Totale Risorse variabili 72.180.470,00 73.054.469,95
Totale Fondo tendenziale 226.097.189,00 232.709.202,95
Totale decurtazioni 85.481.332,00 73.935.500,95
Fondo sottoposto a certificazione 140.615.857,00 158.773.702,00

 

Modulo IV – Compatibilità economico – finanziaria e modalità di copertura degli oneri del fondo con riferimento agli strumenti annuali e pluriennali di bilancio.

Sezione I – Esposizione finalizzata alla verifica che gli strumenti della contabilità economico – finanziaria dell’Amministrazione presidiano correttamente i limiti di spesa del Fondo nella fase programmatoria della gestione.

Le risorse disponibili alla contrattazione del fondo 2017 oggetto del presente accordo sono pari a euro 63.487.090,00. Tale importo è al netto degli impieghi con carattere di certezza e di stabilità (progressioni economiche), pari a euro 98.813.895,00, per i quali, come già attestato nella sezione VI del modulo II, si trova adeguata copertura con le risorse del Fondo aventi carattere di certezza e stabilità ed in ogni caso derivanti da accordi già certificati di anni precedenti.
Tutte le destinazioni oggetto di negoziazione trovano adeguata copertura finanziaria.

Sezione II – Esposizione finalizzata alla verifica a consuntivo che il limite di spesa del Fondo dell’anno precedente risulta rispettato.

Per il fondo unico di amministrazione è presente nello stato di previsione della spesa un apposito capitolo (1511) i cui stanziamenti vengono determinati, dopo le verifiche dei competenti organi di controllo della Ragioneria Generale dello Stato, a seguito dell’approvazione della legge di bilancio, e del decreto del Ministro dell’economia e delle finanze di ripartizione in capitoli delle unità di voto parlamentare, e, della legge di assestamento con la quale si procede alla definitiva quantificazione tenendo anche conto della quota variabile. Le risorse a disposizione sono state, altresì, confermate dal Dipartimento della ragioneria generale dello Stato con nota prot. n. 212422 del 6 dicembre 2017.

La successiva ripartizione tra i capitoli di cedolino unico per il pagamento della quota di fondo destinata alle singole articolazioni viene sempre effettuata con provvedimenti del Ministro dell’economia e delle finanze, a seguito di richiesta dell’amministrazione della giustizia, nel rispetto del limite dello stanziamento del capitolo 1511, e pertanto i limiti di spesa risultano sempre rispettati.

Sezione III – Verifica delle disponibilità finanziarie dell’Amministrazione ai fini della copertura delle diverse voci di destinazione del Fondo

Le risorse relative al fondo unico 2017, iscritte in bilancio sul capitolo 1511 per l’esercizio 2017, per un importo pari ad euro 63.487.090,00, sono state conservate quali residui di stanziamento ai sensi dell’art. 18, comma 6, della legge 11 dicembre 2016 n. 232 e successivamente riassegnate con DMT 173053/2018 ai capitoli di spesa delle varie articolazioni sulla base della ripartizione prevista dall’ipotesi di accordo 21 dicembre 2017.

Il Direttore Generale
Lucio Bedetta