salta al contenuto

Saluzzo

Casa di reclusione - Rodolfo Morandi

Indirizzi e riferimenti

località Saluzzo
indirizzo Via Regione Bronda, 19 BIS
cap 12037
telefono 0175248225
mail cr.saluzzo@giustizia.it
PEC cr.saluzzo@giustiziacert.it
Codice Fiscale 8500370040

Capienza e presenze

posti regolamentari posti non disponibili totale detenuti
468 0 439

dati aggiornati al

18/07/2019

Informazioni generali

Caratteristiche e storia Originariamente all'interno di un imponente maniero del 1200, la Castiglia, antica residenza dei Marchesi di Saluzzo ubicata all'apice della città e adibita dal 1800 a prigione, il 28 luglio 1992 l'istituto si trasferisce nell'edificio di nuova costruzione attualmente in uso, sito nella prima periferia della città. Dapprima operante in un unico plesso detentivo con 7 reparti detentivi con 25 camere da 2 posti letto ciascuna, nel dicembre 2016 viene integrato con un nuovo padiglione adiacente al precedente con 4 nuovi reparti detentivi da 17 stanze cadauno da 3 posti letto ciascuna, portando la attuale capacità receettiva incluso il reparto di semilibertà, a 462 posti letto solo maschili
come si raggiunge con mezzi pubblici Tramite pullman della ditta ATI bus. Per informazioni sugli orari: Tel. 0175478.811 mail: ati@buscompany.it - Terminal: Saluzzo, Via Circonvallazione, 19. La fermata dista circa 900 mt dall'istituto
come si raggiunge in auto Partenza da Corso Roma (Stazione Treni): procedere in direzione Nord su SS 589 (Corso Roma), attraversare la rotonda (2a uscita) e continuare sempre su SS 589 (Corso XXVII Aprile) per 950 m. Alla rotonda prendere la 3a uscita, imboccare Via Torino e percorrerla per 150 m. Alla rotonda prendere la 1a uscita e imboccare Via Circonvallazione - 550 m. Continuare su Via Monviso - 350 m. Alla rotonda prendere la 2a uscita e imboccare Strada Provinciale 260 - 170 m. Alla rotonda prendere la 1a uscita e imboccare Corso Piemonte (SP26) Attraversare la rotonda (2a uscita) e continuare sempre su Corso Piemonte (SP 26) - 3,0 km Svoltare a sinistra. L'istituto si trova a 900 m. - Siete arrivati a destinazione

Responsabile ASL per il carcere

ASL CN1 CUNEO
Nome Mitu
Cognome Igor
Cartella medica digitale No

Sono competenti per questo istituto

Provveditorato regionale - Piemonte-Liguria-Valle d'Aosta
Ufficio esecuzione penale esterna - Cuneo
Tribunale di sorveglianza - Torino
Ufficio di sorveglianza - Cuneo

Personale

polizia penitenziaria - effettivi polizia penitenziaria - previsti amministrativi - effettivi amministrativi - previsti educatori - effettivi educatori - previsti
179 231 11 24 4 7

personale polizia penitenziaria aggiornato al

30/04/2019

personale amministrativo aggiornato al

30/04/2019

data di aggiornamento spazi detentivi

18/07/2019

Stanze di detenzione

numero complessivo numero non disponibili doccia bidet portatori di handicap servizi igienici con porta accensione luce autonoma prese elettriche
288 0 68 214 4 288 283 111

Spazi d'incontro con i visitatori

sale colloqui conformi alle norme aree verdi ludoteca
3 3 0 1

Spazi comuni e impianti

campi sportivi teatri laboratori palestre officine biblioteche aule locali di culto mense detenuti
1 1 3 1 1 2 15 1 0

Corsi

denominazione descrizione data inizio data fine finanziato da numero iscritti ente formatore
Corso falegnameria Artigianato 15/01/2019 31/05/2019 Regione piemonte 12 Casa di carita' arti e mestieri onlus

Corsi istruzione

tipo corso titolo data inizio data fine iscritti finanziato da livello
Lingua italiana 01/06/2018 08/06/2019 7 Percorso di apprendimento della lingua italiana
Istruzione di primo livello 01/10/2018 08/06/2019 35 Percorso di istruzione di primo livello
Istruzione di secondo livello 01/10/2018 08/06/2019 17 Percorso di istruzione di secondo livello
Istruzione di secondo livello 01/10/2018 08/06/2019 14 Percorso di istruzione di secondo livello
Istruzione di secondo livello 01/10/2018 08/06/2019 18 Percorso di istruzione di secondo livello
Istruzione di secondo livello 01/10/2018 08/06/2019 10 Percorso di istruzione di secondo livello
Istruzione di secondo livello 01/10/2018 08/06/2019 10 Percorso di istruzione di secondo livello
Istruzione di secondo livello 01/10/2018 08/06/2019 12 Percorso di istruzione di secondo livello

Attività gestite da terzi

lavorazione persone impiegate turnazione
Birrificio artigianale gestita da cooperativa Pausa Cafè 1 nessuna
Riparazione macchinette caffè gestita da cooperativa Espresso Service 1 nessuna
Biscottificio gestita da cooperativa Voci Erranti 4 nessuna

Lavorazioni gestite dall'amministrazione

lavorazione persone impiegate turnazione
Lavoro intramurario: fisso e a turnazione 110 nessuna

Attività teatrali

descrizione organizzata da data inizio data fine numero partecipanti
Laboratorio Teatrale Associazione Voci Erranti 01/09/2018 31/08/2019 40

Attività sportive

descrizione organizzata da data inizio data fine numero partecipanti
Torneo Campo di Calcio a 8 Personale interno 01/09/2018 31/08/2019 300

Attività culturali

descrizione organizzata da data inizio data fine numero partecipanti
Progetto Poesia Sulle orme di Basho Associazione Cascina Macondo 01/09/2018 31/08/2019 10
Progetto Redazione Volontari Associazione Liberi dentro e Crivop 01/09/2018 31/08/2019 28
Progetto Genitorialità Volontari Associazione Liberi dentro e Crivop 01/09/2018 31/08/2019 20
Progetto Adotta uno scrittore Salone Internazionale del Libro e Liceo 01/09/2018 31/08/2019 40
Progetto Cineforum Volontari Associazione Liberi dentro e Crivop 01/09/2018 31/08/2019 50

Attività religiose

descrizione a cura di data inizio data fine numero partecipanti
Catechesi e funzioni religiose Cappellano 01/09/2018 31/08/2019 40
Incontro con altri Ministri di culto Ministri di Culto 01/09/2018 31/08/2019 10

detenuti che partecipano contemporaneamente a più attività

50
Scheda pratica - COLLOQUIO dei FAMILIARI e TERZE PERSONE
Scheda pratica - ALTRE PERSONE AMMESSE alla VISITA
Scheda pratica - NOMINA e COLLOQUI con AVVOCATI
La procedura prevista per condannati - internati - appellanti e ricorrenti: i colloqui con familiari,conviventi e terze persone sono chiesti dal detenuto ed autorizzati dal direttore dell'istituto. I colloqui con terze persone possono essere autorizzati solo quando ricorrano ragionevoli motivi. I familiari, i conviventi e le terze persone ammessi al colloquio si presentano allo sportello dell'ufficio "rilascio colloqui". L'accesso al colloquio è preceduto dalla verifica dei documenti e dal controllo sulla persona con eventuale deposito di effetti personali indicati dall'operatore penitenziario - La procedura prevista per gli imputati fino alla sentenza di I° grado: presentare il permesso rilasciato dall'Autorità giudiziaria che procede

Orari di visita con i familiari

reparto fascia oraria lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
mattina

Orari colloqui con gli avvocati

reparto fascia oraria lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
mattina 09:00-12:00 09:00-12:00 09:00-12:00 09:00-12:00 09:00-12:00 09:00-12:00
mattina 14:00-17:00 14:00-17:00 14:00-17:00 14:00-17:00 14:00-17:00 14:00-17:00

Prenotazione colloqui con gli avvocati

telefono 0175248125
prenotazione allo sportello Senza obbligo di prenotazione telefonica anticipata

Altre informazioni su visite e colloqui

Si effettuano colloqui anche una domenica al mese, con orario 09:00-13:00, in sostituzione del sabato della stessa settimana (dedicati ad entrambe le categorie); - Dal lunedì al sabato secondo calendari trimestrali forniti con cadenza mensile dall'Ufficio rilascio colloqui

Telefonate

carte telefoniche Si
modalità di acquisto e utilizzo schede La scheda telefonica è consegnata all'interessato all'atto della prima richiesta di colloquio telefonico

videochiamate tramite Skype

Si
Scheda pratica - per CONSEGNARE, RICEVERE e INVIARE DENARO
Ogni Istituto stabilisce i generi e gli oggetti cui è consentito il possesso, l'acquisto o la ricezione. I detenuti e gli internati possono ricevere quattro pacchi al mese complessivamante di peso non superiore a venti chili, contenenti abbigliamento e alimenti che non richiedano manomissioni in sede di controllo.

Come fare per

inviare pacchi al detenuto Per posta o per corriere espresso con misura massima di altezza 35 cm larghezza 55 cm
consegnare pacchi al detenuto Esclusivamente in occasione dei colloqui dalle persone autorizzate - I generi alimentari sono ricevibili a mezzo pacco consegnato in occasione del colloquio e devono essere imbustati separatamente dai generi di abbigliamento e di conforto - TUTTI i generi alimentari non espressi in tabella non verranno autorizzati in ingresso, devono essere presentati necessariamente, per motivi di igiene, dentro contenitori di plastica trasparenti, rigidi e chiusi ermeticamente e confezionati in modo da consentire un agevole controllo. Non devono essere contenuti in vasetti di vetro, metallo o carta stagnola. Il confezionamento sottovuoto è possibile solo se i generi contenuti non siano sovrapposti e siano perfettamente visibili; in ogni caso nel sottovuoto non può essere contenuto condimento
invio pacchi da parte del detenuto Per posta
generi alimentari ammessi CARNE solo cotta, poco condimento senza manomissione/impanatura/ripieni vari, a fettine/a spezzatino facilmente controllabile. Vietate carni con osso, polpette, polpettoni, involtini, salsicce. Pasta cotta senza buchi: tagliatelle/spaghetti/linguine/fusilli/farfalle) controllabile visivamente, senza ripieno (sono vietate lasagne, cannelloni, pasta al forno e qualunque pasticcio multistrato), senza condimenti densi, carne tritata, funghi, seppie, salse e brodi vari. Consentito solo olio, pesto o salsa pomodoro semplice. PESCE cotto, senza: spine, testa, impanatura, sughi, condimenti vari, spezie. Consentiti tranci pesce spada, salmone, tonno, polpo tagliato a cubetti cotti con poco condimento. Vietati: frutti di mare qualsiasi tipo, cozze, vongole. FORMAGGI duri, a piccoli pezzi/a cubetti, senza rivestimento esterno o cera esterna. Vietati: mozzarelle, burrate, formaggi cremosi tipo stracchino, certosa, gorgonzola, brie, feta greca. SALUMI confezionati, affettati e sottovuoto dal rivenditore (fette visibili). Vietata la 'nduia calabrese. Ammesso salame a fette in contenitori trasparenti. FRUTTA fresca solo intera. Vietati frutti molli tipo banane, agrumi, fichi d'India a meno che non siano sbucciati, fragole, cachi, kiwi, melograno, anguria, meloni e ananas (salvo a fette e puliti). Ammessa frutta esotica sbucciata e senza nocciola. Vietati fichi, datteri, uva passa, anche se confezionati. Frutta secca solo sgusciata confezionata dal rivenditore. Consentiti lupini solo sgusciati e senza liquido, castagne solo cotte e sgusciate. VERDURE e ortaggi solo cotti, senza impanatura o infarinatura (vietate melanzane alla parmigiana e peperoni ripieni). Vietate verdure sovrapponibili (es. finocchi, carciofi, verza, insalata belga); teste daglio intere o cipolle; spezie o odori qualsiasi tipo essiccati o in polvere; cipolline e capperi. Ammessi legumi cotti senza baccello, olive intere con nocciolo, non tagliate, senza liquido. Non sono ammessi surgelati o congelati.
abbigliamento ammesso Generi di vestiario e di conforto ricevibili dallesterno, specificando la quantità di cui è consentito il possesso allinterno delle camere detentive e le modalità di consegna per alcuni generi vari. BIANCHERIA: lenzuola e federe singole senza elastico agli angoli, coperte leggere e copriletto privi di imbottitura e bordatura: tutti massimo 2; tovaglioli e canovacci in tessuto, asciugamani massimo 4; telo bagno o accappatoio con cappuccio e cintura cucita: massimo 2. I quantitativi sopra elencati sono validi solo per il primo colloquio. Per i seguenti previa restituzione e contestuale uscita. Sono vietate: tende, bandiere e tappeti. INDUMENTI PERSONALI: calze; mutande; magliette e canottiere intime: massimo 6; pantaloni e pantaloncini (non militari): massimo 4; camicie e maglioni (senza cappuccio o militari): massimo 6; giubbotti, giacconi e giacche controllabili e privi di imbottitura spessa del tipo piume doca e/o in pelle e senza cappuccio: massimo 1; pigiami: massimo 2; cintura di misura non superiore a cm.2,5 di larghezza del cuoio, prive di doppia cucitura e con fibbia di piccola dimensione: massimo 1; cappelli senza visiera o doppio strato (tipo cuffia): massimo 1; guanti di lana o in tessuto; tute ginniche senza cappuccio e completi da calcio: massimo 2; scarpe in pelle e in tessuto, scarpe da ginnastica senza parti vuote o gel (ad esclusione di stivali, anfibi, con tacco alto e con relative molle): massimo 4 paia allanno; ciabatte in genere da doccia senza strappo: massimo 2 paia allanno; scarpe da calcio (escluse quelle con tacchetti di metallo): massimo 1 paio allanno. Per quanto riguarda le CALZATURE: sono vietati in generale: zoccoli in legno e qualunque calzatura provvista di parti metalliche di dimensioni rilevanti; capi in pelle o pelliccia e indumenti dalla bottonatura di grandi dimensioni o metallica. Il cambio scarpe è consentito esclusivamente per usura, con richiesta scritta alla Direzione e previa visione dellagente addetto ai colloqui
generi vari ammessi n. 5 CD e/o cassette musicali al mese solo originali: previa richiesta e autorizzazione della Direzione;Occhiali da vista (sono vietate le lenti a contatto): previa richiesta alla Direzione e autorizzazione del sanitario; libri e quaderni con copertine sottili e non rigide; qualsiasi rivista e quotidiano di cui è consentita la libera vendita, senza alcuna censura nel contenuto; buste non adesive e fogli per lettera senza francobolli e cartoline non scritte, escludendo penne, matite e attrezzature per dipingere, foto (non polaroid) e documenti vari che dovranno essere introdotti nel pacco; colapasta di plastica; grattugia in plastica; contenitori per alimenti in plastica: nel numero massimo di 3; piatti di plastica (in confezione integra e trasparente); bicchieri in plastica (in confezione integra e trasparente); posate in plastica (in confezione integra e trasparente); mestoli in plastica. Giornali, riviste, libri, dispense scolastiche e materiale didattico non concorrono a completare il peso del pacco

Sportelli

nome informazioni sulla funzione e sull'accesso
Sportello Salute Progetto Oltre l'Incrocio coordinato dal Ser.T. di Saluzzo grazie al finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio di Saluzzo. Il progetto coinvolge 8 detenuti delle sezioni comuni che vengono preparati a gestire uno sportello d'ascolto ed informativo per i compagni di detenzione. Gli operatori del Ser.T. mantengono un rapporto continuo con le diverse aree dell'Istituto in modo da dare, ove possibile, delle riposte concrete ai bisogni della popolazione detenuta
Patronato ACLI Saluzzo Centro Assistenza fiscale: Pratiche disoccupazione, assegni famigliari e pratiche pensionistiche