salta al contenuto

Senso e futuro della pena

aggiornamento: 15 settembre 2015

Nel quarantennale dell’ordinamento penitenziario, nell’anno del verdetto di Strasburgo e degli Stati Generali dell’Esecuzione penale e nella prospettiva del giubileo dei carcerati.

Messina, 18 - 19 - 20 settembre

La pena sotto il profilo non solo giuridico, ma anche filosofico, antropologico e sociale, è il tema al centro di tre giornate di studio, approfondimenti e dibattiti organizzate dal Coordinamento nazionale dei magistrati di sorveglianza (CONAMS) in collaborazione con gli Stati generali dell’Esecuzione penale del Ministero della Giustizia, la Scuola Superiore della Magistratura, l'Istituto teologico San Tommaso e l’European law students association di Messina.

Il Ministro della Giustizia Andrea Orlando terrà la relazione conclusiva della tavola rotonda “Il senso della pena nell’era della globalizzazione tra passato, presente e futuro” che si svolgerà presso l'Aula Magna dell'Università lunedì 20 dalle ore 9.

â–ºIl programma

In programma anche due spettacoli teatrali realizzati da una compagnia composta da studenti dell'Istituto salesiano "Ranchibile"di Palermo e da detenuti del laboratorio teatrale dell'Ucciardone, diretti rispetttvamente dai registi Gianpaolo Bellanca e Lollo Franco: il 19 alle ore 21 nella casa circondariale di Messina e il 20 alle ore 16 nel teatro greco-romano di Tindari va in scena "Pathei Mathos" atto unico dalle Erinni alle Eumenidi, racconto della pena nell’"Orestea" di Eschilo e in "Delitto e castigo" di Dostoevskij.

Per l'ingresso allo spettacolo al teatro Tindari scaricare il biglietto d'invito