Seguici su

martedì 17 gennaio 2012

Agenzie di stampa su dichiarazioni Paola Severino alle Camere per Comunicazioni sullo stato della Giustizia


ZCZC
DIR0069 3 POL  0 RR1 / DIR 

GIUSTIZIA. SEVERINO: GRAZIE A NAPOLITANO PER INCORAGGIAMENTO

(DIRE) Roma, 17 gen. -Rivolgo "al presidente della Repubblica,
garante del corretto equilibrio tra i poteri dello Stato e
custode della nostra Costituzione, un deferente ossequio, cui
aggiungo il mio personale ringraziamento per le parole di
considerazione ed incoraggiamento che ha inteso rivolgermi in
occasione di incontri istituzionali". Lo dice il ministro della
Giustizia, Paola Severino, nella relazione alla Camera sullo
stato della Giustizia.

  (Vid/ Dire)
10:40 17-01-12


ZCZC0082/APC
20120117_00082
4 pol gn00
*Giustizia/ Severino: Nel 2011 spesi 46 mln per errori giudiziari
Processi per ingiusta detenzione sono in media 2.369 ogni anno

Roma, 17 gen. (TMNews) - Nel 2011 lo Stato italiano ha dovuto
sborsare 46 milioni di euro per procedimenti penali dovuti a
errori giudiziari. Lo ha detto il ministro della Giustizia, Paola
Severino, nella relazione annuale alle Camere sullo stato del
settore. I processi per ingiusta detenzione, ha aggiunto il
Guardasigilli, sono in media 2.369 ogni anno.

Gic
17-GEN-12 10:42


ZCZC
DIR0071 3 POL  0 RR1 / DIR 

CARCERI. SEVERINO: CONDIZIONE CUSTODIA DETENUTI INACCETTABILE

(DIRE) Roma, 17 gen. - "L'attuale stato delle carceri e le
problematiche condizioni dei 66.897 detenuti che, salvo poche
virtuose eccezioni, soffrono modalita' di custodia francamente
inaccettabili per un Paese come l'Italia". Lo dice il ministro
della Giustizia, Paola Severino, nella relazione alla Camera
sullo stato della Giustizia.

  (Vid/ Dire)
10:43 17-01-12


ZCZC0085/APC
20120117_00085
4 pol gn00
Giustizia/ Severino: Grazie a Napolitano per incoraggiamenti
"E' il garante del corretto equilibrio tra i poteri dello Stato"

Roma, 17 gen. (TMNews) - Il ministro della Giustizia, Paola
Severino, ha voluto aprire la sua relazione annuale sullo stato
del settore, oggi alla Camera, rivolgendo "al presidente della
Repubblica, garante del corretto equilibrio tra i poteri dello
Stato e custode della nostra Costituzione, un deferente ossequio,
cui aggiungo il mio personale ringraziamento per le parole di
considerazione ed incoraggiamento che ha inteso rivolgermi in
occasione di incontri istituzionali".

Gic
17-GEN-12 10:46


ZCZC
DRS0005 3 LAV  0 DRS / WLF 

CARCERI. SEVERINO: CONDIZIONE CUSTODIA DETENUTI INACCETTABILE

(DIRE) Roma, 17 gen. - "L'attuale stato delle carceri e le
problematiche condizioni dei 66.897 detenuti che, salvo poche
virtuose eccezioni, soffrono modalita' di custodia francamente
inaccettabili per un Paese come l'Italia". Lo dice il ministro
della Giustizia, Paola Severino, nella relazione alla Camera
sullo stato della Giustizia.
  (Vid/ Dire)
10:49 17-01-12


ZCZC
DIR0075 3 POL  0 RR1 / DIR 

GIUSTIZIA. SEVERINO: 46 MLN EURO RISARCIMENTI PER ERRORI IN 2011

(DIRE) Roma, 17 gen. - "La durata del processo penale incide
anche sul numero dei procedimenti (in media 2.369 ogni anno) per
ingiusta detenzione ed errore giudiziario e, in ogni caso,
aggrava la misura dei pur doverosi risarcimenti a tale titolo
erogati (nel solo 2011 lo Stato ha subito un esborso pari a oltre
46 milioni di euro)". E' quanto dice il guardasigilli in aula
alla Camera, Paola Severino, nelle sue comunicazioni sullo stato
della giustizia.

  (Mar/ Dire)
10:49 17-01-12


ZCZC1041/SXA
XRR98569
U POL S0A QBXB
GIUSTIZIA: SEVERINO, NOVE MILIONI DI PROCESSI ARRETRATI

   (ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Forti preoccupazioni sia in ordine
all'enorme mole dell'arretrato da smaltire che, al 30 giugno
2011, è pari a quasi nove milioni di processi (5,5 milioni per
il civile e 3,4 per il penale)". Sono state espresse dal
ministro della Giustizia Paola Severino nella sua comunicazione
alla Camera sullo stato della giustizia. Il ministro ha da poco
cominciato a parlare e ha anche espresso preoccupazione per i
"tempi medi di definizione" dei processi pari a 2.645 giorni nel
civile e 1.753 nel penale. (ANSA).

     NM/MB
17-GEN-12 10:49


ZCZC
DIR0076 3 POL  0 RR1 / DIR 

CARCERI. MINISTRO NON CITA PROVVEDIMENTI DI CLEMENZA

(DIRE) Roma, 17 gen. - Il ministro della Giustizia Paola Severino
si dice "personalmente angosciata" per lo stato delle carceri
italiane e degli ospedali psichiatrici. Nella relazione sullo
stato della giustizia, il Guardasigilli non accenna pero' a
misure di clemenza come l'amnistia, richiesta esplicitamente dai
Radicali.
   "Sento fortissima- dice il ministro alla Camera- insieme a
tutto il governo, la necessita' di agire in via prioritaria e
senza tentennamenti per garantire un concreto miglioramento delle
condizioni dei detenuti (ma anche degli agenti della polizia
penitenziaria che negli stessi luoghi ne condividono la realta'
e, spesso, le sofferenze)".
   Il ministro spiega che al di la' dei dati, "siamo di fronte a
un'emergenza che rischia di travolgere il senso stesso della
nostra civilta' giuridica, poiche' il detenuto e' privato delle
liberta' soltanto per scontare la sua pena e non puo' essergli
negata la sua dignita' di persona umana".
   Il Guardasigilli aggiunge: "Lo dico da ministro, ma anche e
soprattutto da cittadino: questa situazione va migliorata subito,
pur nella piena consapevolezza che non esista alcuna formula
magica per risolvere questo annoso e doloroso problema. Solo un
equilibrato insieme di misure, idonee a coniugare sicurezza
sociale e trattamento unitariamente adeguato del custodito o del
condannato, potra' fornire un serio contributo alla soluzione del
problema".

  (Rai/ Dire)
10:49 17-01-12


ZCZC1060/SXA
XRR98551
U POL S0A QBXB
GIUSTIZIA:SEVERINO,PER LITIGIOSITA' ITALIA SOLO DOPO RUSSIA
QUASI TRE MILIONI DI NUOVE CAUSE OGNI ANNO
   (ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Con oltre 2,8 milioni di nuove cause
in ingresso, in primo grado, l'Italia è seconda soltanto alla
Russia" nella classifica dei Paesi europei più litigiosi stilata
dal rapporto internazionale Cepej. Lo ha detto il Guardasigilli,
Paola Severino, nella sua relazione sulla giustizia alla Camera
avvertendo che "questo fenomeno determina un ulteriore
intasamento del sistema conseguente al numero progressivamente
crescente di cause intraprese dai cittadini" per avere
l'indennizzo della giustizia-lumaca. (ANSA).

     NM/MB
17-GEN-12 10:51


ZCZC
DIR0077 3 POL  0 RR1 / DIR 

GOVERNO. SEVERINO: ITALIANI SIANO ORGOGLIOSI COESIONE PARLAMENTO

(DIRE) Roma, 17 gen. - "Il governo di cui faccio parte, comunque
lo si voglia definire, trae la sua unica fonte di legittimazione
dalla larga fiducia che il parlamento ha inteso riconoscergli,
offrendo una prova di coesione nazionale di cui tutti gli
italiani possono andare orgogliosi". Lo dice il ministro della
Giustizia, Paola Severino, nella relazione alla Camera sullo
stato della Giustizia.

  (Vid/ Dire)
10:52 17-01-12


ZCZC
ASC0089 1 POL 0 R05 / +TLK XX ! 1 X

Giustizia: Severino, anomalo 42% detenuti in attesa di giudizio =
(ASCA) - Roma, 17 gen - Il 42% della popolazione carceraria
in attesa di giudizio. pari a 28.000 detenuti, rappresenta
''un'anomalia tutta italiana''. Lo afferma il ministro della
Giustizia Paola Severino nel corso della sua relazione alla
Camera che chiede ''estrema prudenza'' nella valutazione
delle esigenze cautelari.
fdv
171054 GEN 12 


ZCZC
ADN0186 6 POL 0 ADN POL NAZ

      GIUSTIZIA: RELAZIONE SEVERINO ALLA CAMERA, MINISTRO RINGRAZIA NAPOLITANO =
      'PER INCORAGGIAMENTO CHE MI HA RIVOLTO IN INCONTRI ISTITUZIONALI'

      Roma, 17 gen. (Adnkronos) - E' iniziata alla Camera la relazione
del ministro Paola Severino sullo stato della Giustizia in Italia nel
2011. In apertura della sua comunicazione il ministro ha rivolto ''un
deferente ossequio'' al Presidente della Repubblica Giorgio
Napolitano, e il ''personale ringraziamento per le parole di
considerazione e incoraggiamento che ha inteso rivolgermi in occasioni
di incontri istituzionali''.

      Il ministro ha poi salutato il presidente della Camera,
Gianfranco Fini, ''che con saggezza ed equilibrio guida i lavori di
questa assemblea''.

      (Coc/Col/Adnkronos)
17-GEN-12 10:53


ZCZC1070/SXA
XRR98590
R POL S0A QBXB
GIUSTIZIA: SEVERINO, GRAZIE A NAPOLITANO E FINI

   (ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il ministro della Giustizia, Paola
Severino, aprendo la sua relazione sullo stato della giustizia
alla Camera ha rivolto un "deferente ossequia" al quale ha
aggiunto il suo "personale ringraziamento" al Presidente della
Repubblica Giorgio Napolitano, "per le parole di considerazione
ed incoraggiamento che ha inteso rivolgermi in occasioni di
incontri istituzionali". Severino ha rivolto anche un "saluto
particolare al presidente della Camera Gianfranco Fini, che con
saggezza ed equilibrio guida i lavori di questa assemblea che
nei prossimi mesi sarà chiamata ad adottare anche in materia di
giustizia decisioni di grande importanza". (ANSA).

     NM/MB
17-GEN-12 10:52


ZCZC1084/SXA
XPP98553
R POL S0A QBXB
GIUSTIZIA: CAMERA, IN CORSO COMUNICAZIONI MINISTRO GIUSTIZIA (2)

   (ANSA) - ROMA, 17 GEN - Ad ascoltare Severino ci sono una
cinquantina di deputati, in prevalenza del Pd. La pattuglia di
deputati del Pdl e' guidata dal segretario Angelino Alfano, ex
Guardasigilli. Tra i leader di partito presenti anche quello
dell'Udc, Pier Ferdinando Casini.(ANSA).

     FLB
17-GEN-12 10:54


ZCZC
DIR0079 3 POL  0 RR1 / DIR 

GIUSTIZIA. SEVERINO: SU CUSTODIA CAUTELARE USO PIÙ CALIBRATO
"IL CARCERE SOLO SE ALTRE MISURE INADEGUATE", L'AULA APPLAUDE

(DIRE) Roma, 17 gen. - I "dati oggettivi" sui processi penali e
sulla detenzione in carcere consentono di "riflettere
sull'effettivita' del sacrosanto principio di civilta' giuridica
sancito dal terzo comma dell'articolo 275 del Codice di procedura
penale secondo cui 'la custodia cautelare in carcere puo' essere
disposta soltanto quando ogni altra misura risulti inadeguata".
E' quanto dice il ministro, Paola Severino, nelle sue
comunicazioni alla Camera sullo stato della giustizia incassando
un forte plauso dai deputati.
   Severino fa questo passaggio bollandolo come "digressione" e
"senza alcun intento polemico", forse essendo ancora freschi gli
echi del caso Cosentino per cui l'aula della Camera ha respinto
l'arresto.
    "Quel che e' certo- aggiunge il ministro- e' che un uso, per
cosi' dire, meglio calibrato della custodia cautelare in carcere
sarebbe sotto piu' aspetti benefico per l'amministrazione
giudiziaria e per il sistema carcerario, senza alcuna
controindicazione per la collettivita', se e' vero che le
esigenze  di sicurezza possono essere alternativamente garantite
da un ventaglio davvero ricco di opzioni di cui oggi il giudice
dispone e che, se possibile, proveremo a migliorare e
incrementare".

  (Mar/ Dire)
10:56 17-01-12


ZCZC1089/SXA
XRR98625
U POL S0A QBXB
GIUSTIZIA: SEVERINO, PER RITARDI RISARCIMENTI STRATOSFERICI
DAI 5 MLN DEL 2003 AGLI 84 DEL 2011
   (ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il ritardo nella definizione dei
processi dinanzi alle Corti di appello, quindi di secondo grado,
è un altro motivo di preoccupazione del ministro Guardasigilli
Paola Severino, che parla di "entità ormai stratosferica e
sempre crescente" degli indennizzi per la giustizia-lumaca.
Severino, che sta parlando alla Camera sullo stato della
giustizia, rileva che per i risarcimenti della legge Pinto, si è
passati dai cinque milioni di euro del 2003, ai 40 milioni del
2008 per giungere ai circa 84 milioni del 2011. (ANSA).

     NM/MB
17-GEN-12 10:56


ZCZC1105/SXA
XRR98613
U POL S0A QBXB
CARCERI: SEVERINO, SITUAZIONE ANGOSCIANTE

   (ANSA) - ROMA, 17 GEN - La situazione delle carceri continua
ad "angosciare" il ministro della Giustizia, Paola Severino. Lo
ha detto lo stesso Guardasigilli parlando alla Camera sullo
stato della giustizia e rilevando che oltre 28 mila detenuti
sono in attesa di giudizio: "Rappresentano il 42% dell'intera
popolazione carceraria (altra anomalia tutta italiana)". (ANSA).

     NM/MB
17-GEN-12 10:58


ZCZC
VEL0208 3 POL /R01 /ITA
Giustizia, Severino: Grazie a Napolitano per incoraggiamento

      Roma, 17 GEN (il Velino/AGV) - Il ministro della
Giustizia, Paola Severino, ha aperto alla Camera la sua
relazione annuale sullo stato del settore rivolgendo "al
presidente della Repubblica, garante del corretto equilibrio
tra i poteri dello Stato e custode della nostra Costituzione,
un deferente ossequio". A questo ha aggiunto il suo
"personale ringraziamento per le parole di considerazione ed
incoraggiamento che ha inteso rivolgermi in occasione di
incontri istituzionali". - www.ilvelino.it -  (ala)
171058 GEN 12


ZCZC
DIR0081 3 POL  0 RR1 / DIR 

GIUSTIZIA. SEVERINO: AUMENTO ESPONENZIALE MAGISTRATI IN PENSIONE

(DIRE) Roma, 17 gen. - Raddoppia il numero di magistrati che
vanno in pensione. Lo dice il ministro della giustizia Paola
Severino nel corso della relazione sullo stato della giustizia
alla Camera.
   Il ministro ricorda che il potenziamento degli organici
portera' la presenze dei magistrati "a quota 9.169, dato
superato, negli ultimi 12 anni, solo nel 2005".
   Tutto questo, spiega, "malgrado negli ultimi tre anni si sia
registrato un esponenziale aumento del numero dei pensionamenti,
talvolta doppio rispetto alla media degli anni precedenti".

  (Rai/ Dire)
10:59 17-01-12


ZCZC
ASC0094 1 POL 0 R05 / +TLK XX ! 1 X

Carceri: Severino,emergenza rischia travolgere nostra civilta' giuridica =
(ASCA) - Roma, 17 gen - Con il sovraffollamento delle carceri
''siamo di fronte ad una emergenza che rischia di travolgere
il senso stesso della nostra civilta' giuridica, poiche' il
detenuto e' privato delle liberta' soltanto per scontare la
sua pena e non puo' essergli negata la sua dignita' di
persona umana''. Lo afferma il ministro della Giustizia Paola
Severino nella sua relazione alla Camera.
fdv
171101 GEN 12 


ZCZC
DIR0082 3 POL  0 RR1 / DIR 

GIUSTIZIA. SEVERINO: INEFFICIENZA DEL CIVILE PARI A 1% DEL PIL

(DIRE) Roma, 17 gen. - Secondo la Banca d'Italia "l'inefficienza
della Giustizia  civile italiana puo' essere misurata in termini
economici come pari all'1% del Pil" e questo dato "non deve
meravigliare. E' chiaro che l'andamento dell'economica e'
influenzato dall'inefficienza della giustizia civile". Lo dice il
ministro della Giustizia, Paola Severino, nella relazione alla
Camera sullo stato della Giustizia.

  (Vid/ Dire)
11:01 17-01-12


ZCZC
DRS0006 3 LAV  0 DRS / WLF 

CARCERI. MINISTRO NON CITA PROVVEDIMENTI DI CLEMENZA

(DIRE) Roma, 17 gen. - Il ministro della Giustizia Paola Severino
si dice "personalmente angosciata" per lo stato delle carceri
italiane e degli ospedali psichiatrici. Nella relazione sullo
stato della giustizia, il Guardasigilli non accenna pero' a
misure di clemenza come l'amnistia, richiesta esplicitamente dai
Radicali.
   "Sento fortissima- dice il ministro alla Camera- insieme a
tutto il governo, la necessita' di agire in via prioritaria e
senza tentennamenti per garantire un concreto miglioramento delle
condizioni dei detenuti (ma anche degli agenti della polizia
penitenziaria che negli stessi luoghi ne condividono la realta'
e, spesso, le sofferenze)".
   Il ministro spiega che al di la' dei dati, "siamo di fronte a
un'emergenza che rischia di travolgere il senso stesso della
nostra civilta' giuridica, poiche' il detenuto e' privato delle
liberta' soltanto per scontare la sua pena e non puo' essergli
negata la sua dignita' di persona umana".
   Il Guardasigilli aggiunge: "Lo dico da ministro, ma anche e
soprattutto da cittadino: questa situazione va migliorata subito,
pur nella piena consapevolezza che non esista alcuna formula
magica per risolvere questo annoso e doloroso problema. Solo un
equilibrato insieme di misure, idonee a coniugare sicurezza
sociale e trattamento unitariamente adeguato del custodito o del
condannato, potra' fornire un serio contributo alla soluzione del
problema".
  (Rai/ Dire)
11:02 17-01-12


ZCZC1160/SXA
XRR98691
U POL S0A QBXB
GIUSTIZIA: SEVERINO, 46 MLN PER PAGARE INGIUSTA DETENZIONE

   (ANSA) - ROMA, 17 GEN - Per ingiusta detenzione ed errore
giudiziario nel solo 2011 lo Stato "ha subito un esborso pari ad
oltre 46 milioni di euro". Il dato lo ha fornito il ministro
della Giustizia Paola Severino, nella sua relazione in corso a
Montecitorio sullo stato della giustizia. In media ogni anno, ha
aggiunto, si celebrano 2.369 procedimenti per ingiusta
detenzione o errore giudiziario. (ANSA).

     NM/MB
17-GEN-12 11:03


ZCZC
DRS0007 3 LAV  0 DRS / WLF 

CARCERI. SEVERINO: SU CUSTODIA CAUTELARE USO PIÙ CALIBRATO
LA GALERA "SOLO SE ALTRE MISURE INADEGUATE", L'AULA APPLAUDE

(DIRE) Roma, 17 gen. - I "dati oggettivi" sui processi penali e
sulla detenzione in carcere consentono di "riflettere
sull'effettivita' del sacrosanto principio di civilta' giuridica
sancito dal terzo comma dell'articolo 275 del Codice di procedura
penale secondo cui 'la custodia cautelare in carcere puo' essere
disposta soltanto quando ogni altra misura risulti inadeguata".
E' quanto dice il ministro, Paola Severino, nelle sue
comunicazioni alla Camera sullo stato della giustizia incassando
un forte plauso dai deputati.
   Severino fa questo passaggio bollandolo come "digressione" e
"senza alcun intento polemico", forse essendo ancora freschi gli
echi del caso Cosentino per cui l'aula della Camera ha respinto
l'arresto.
    "Quel che e' certo- aggiunge il ministro- e' che un uso, per
cosi' dire, meglio calibrato della custodia cautelare in carcere
sarebbe sotto piu' aspetti benefico per l'amministrazione
giudiziaria e per il sistema carcerario, senza alcuna
controindicazione per la collettivita', se e' vero che le
esigenze  di sicurezza possono essere alternativamente garantite
da un ventaglio davvero ricco di opzioni di cui oggi il giudice
dispone e che, se possibile, proveremo a migliorare e
incrementare".
  (Mar/ Dire)
11:04 17-01-12


ZCZC1185/SXA
XRR98721
U POL S0A QBXB
GIUSTIZIA: SEVERINO, MEDIAZIONE CRESCE A QUOTA 53 MILA

   (ANSA) - ROMA, 17 GEN - Nel settore civile si può cogliere
"un trend in crescita" per quanto riguarda le cause definite con
la mediazione. Lo ha reso noto il ministro della Giustizia Paola
Severino, nel suo intervento in corso nell'Aula di Montecitorio.
In proposito Severino ha osservato che nel primo semestre del
2011 le mediazioni iscritte a ruolo sono state 33.808 e a
novembre il dato ha superato "la soglia delle 53 mila unità".
(ANSA).

     NM/MB
17-GEN-12 11:06


ZCZC
VEL0209 3 POL /R01 /ITA
Carceri, Severino: Condizioni custodia detenuti sono inaccettabili

      Roma, 17 GEN (il Velino/AGV) - "L'attuale stato delle
carceri e le problematiche condizioni dei 66.897 detenuti
che, salvo poche virtuose eccezioni, soffrono modalita' di
custodia francamente inaccettabili per un Paese come
l'Italia". E' una delle emergenze segnalate dal ministro
della Giustizia, Paola Severino, durante la relazione annuale
alal Camera sullo stato delal giustizia italiana. Tra i
problemi, messi in luce dal ministro, anche "il deficit di
efficienza degli uffici giudiziari rispetto ad una domanda di
giustizia che, in termini quantitativi, appare nettamente
sovradimensionata nel confronto con le altre democrazie
occidentali (il rapporto CEPEJ 2010 ci dice che, nel civile,
con 4.768 contenziosi ogni 100.000 abitanti, l'Italia e' al
quarto posto in Europa per tasso di litigiosita', dietro
Russia, Belgio e Lituania su 38 paesi censiti)". Secondo
Severino, "anche su questo ci si dovrebbe forse interrogare
maggiormente: questo elevato tasso di litigiosita' da cosa
deriva? Da una propensione socio-culturale italiana alla
conflittualita'? Da una scarsa fiducia nella possibilita' di
affrontare a monte la controversia e di trovare soluzioni
ragionevoli nel dialogo tra cittadini? Da una eccessiva
complessita' del tessuto normativo, tale da generare essa
stessa un proliferare di contrasti interpretativi, la cui
soluzione va devoluta al giudice? Ognuna di queste domande
richiederebbe una approfondita analisi, perche' la risposta
ad esse potrebbe segnare un cambiamento di politica
legislativa, volto ad incidere sulle cause di una domanda di
giustizia cosi' diffusa". - www.ilvelino.it -  (ala)
171108 GEN 12


ZCZC
DIR0091 3 POL  0 RR1 / DIR 

CARCERI. SEVERINO: CON DOMICILIARE RISPARMI  375MILA EURO GIORNO

(DIRE) Roma, 17 gen. - L'innalzamento da 12 a 18 mesi della
soglia della pena detentiva residua per l'accesso alla detenzione
domiciliare portera' quasi a raddoppiare il numero dei detenuti
che potranno essere ammessi alla detenzione domiciliare. Lo dice
il ministro della giustizia Paola Severino, nella relazione sullo
stato della giustizia alla Camera.
   Severino si sofferma sulle misure previste dal decreto legge
(n. 211, del 22 dicembre 2011) per contrastare il
sovraffollamento delle carceri e spiega che la norma sulla
detenzione domiciliare consentira' di aggiungere "agli oltre
3.800 detenuti sino ad oggi effettivamente scarcerati, altri
3.327, con un risparmio di spesa pari a 375.318 euro ogni giorno".

  (Rai/ Dire)
11:11 17-01-12


ZCZC
ADN0199 6 POL 0 ADN POL NAZ

      GIUSTIZIA: SEVERINO, 9 MILIONI DI PROCESSI ARRETRATI =

      Roma, 17 gen. (Adnkronos) - La mole dell'arretrato civile e', al
30 giugno 2011, pari a 9 milioni di processi. Il ministro della
giustizia, Paola Severino, durante la relazione in corso alla Camera,
denuncia ''una situazione che desta parecchie preoccupazioni'', sia
per il numero, sia ''con riferimento ai tempi della definizione che
nel civile sono pari a 7 anni e tre mesi e nel penale 4 anni e 9
mesi''.

      (Coc/Col/Adnkronos)
17-GEN-12 11:12


ZCZC1223/SXA
XRR98744
R POL S0A QBXB
CARCERI: SEVERINO, ECCESSIVO USO CUSTODIA CAUTELARE

   (ANSA) - ROMA, 17 GEN - Alla custodia cautelare si deve fare
ricorso solo quando ogni altra alternativa è impraticabile e
quando le circostanze lo richiedono. Lo ha sottolineato, in
sintesi, il Guardasigilli Paola Severino, nella sua relazione
sullo stato della giustizia in corso davanti all'Aula di
Montecitorio. "Sulla necessità che la delicata e complessa
valutazione delle esigenze cautelari sia improntata a criteri di
estrema prudenza - ha detto Severino - condivido le
preoccupazioni pubblicamente manifestate dal primo presidente
della Corte di Cassazione". (ANSA).

     NM/MB
17-GEN-12 11:11


ZCZC
ADN0200 6 POL 0 ADN POL NAZ

      GIUSTIZIA: SEVERINO, NEL 2011 46 MILIONI PER ERRORI GIUDIZIARI =

      Roma, 17 gen. (Adnkronos) - Lo Stato ha subito nel 2011 un
esborso pari a 46 milioni di euro per ingiusta detenzione o errori
giudiziari, per cui si celebrano in media 2369 processi ogni anno.
Sono dati forniti dal ministro Paola Severino nel corso della
relazione sullo stato della giustizia in corso alla Camera.

      (Coc/Col/Adnkronos)
17-GEN-12 11:13


ZCZC
DRS0009 3 LAV  0 DRS / WLF 

CARCERI. SEVERINO: CON DOMICILIARE RISPARMI 375 MILA EURO GIORNO

(DIRE) Roma, 17 gen. - L'innalzamento da 12 a 18 mesi della
soglia della pena detentiva residua per l'accesso alla detenzione
domiciliare portera' quasi a raddoppiare il numero dei detenuti
che potranno essere ammessi alla detenzione domiciliare. Lo dice
il ministro della giustizia Paola Severino, nella relazione sullo
stato della giustizia alla Camera.
   Severino si sofferma sulle misure previste dal decreto legge
(n. 211, del 22 dicembre 2011) per contrastare il
sovraffollamento delle carceri e spiega che la norma sulla
detenzione domiciliare consentira' di aggiungere "agli oltre
3.800 detenuti sino ad oggi effettivamente scarcerati, altri
3.327, con un risparmio di spesa pari a 375.318 euro ogni giorno".
  (Rai/ Dire)
11:13 17-01-12


ZCZC1246/SXA
XRR98782
R POL S0A QBXB
GIUSTIZIA: SEVERINO, NON SOSTENIBILI SPESE PER 2.000 UFFICI

   (ANSA) - ROMA, 17 GEN - L'Italia "non può più permettersi
oltre 2.000 uffici giudiziari allocati in 3.000 edifici". Lo ha
sottolineato il ministro Guardasigilli Paola Severino, nella sua
relazione al Parlamento sullo stato della giustizia. Il dato è
stato ricordato con riferimento alla necessità di accorpare e
ridurre le circoscrizioni giudiziarie per "ridurre le spese di
gestione" e "razionalizzare l'utilizzo delle risorse umane
esistenti, in progressivo decremento a causa del blocco delle
assunzioni e del numero medio dei pensionamenti annuali (circa
1.200 unità)".
   "Il decreto che taglia il numero dei tribunali prevede - ha
aggiunto il ministro - l'accorpamento di diversi uffici (674)
consentendo di recuperare 2.104 unità di personale
amministrativo e di risparmiare, a regime, 28 milioni di euro
l'anno". (ANSA).

     NM/MB
17-GEN-12 11:15


ZCZC
ADN0202 7 POL 0 ADN POL NAZ

      CARCERI: SEVERINO, 28MILA DETENUTI IN ATTESA GIUDIZIO ANOMALIA ITALIANA =

      Roma, 17 gen. (Adnkronos) - Il ministro della Giustizia Paola
Severino ribadisce la sua ''angoscia per lo stato delle carceri
italiane e degli ospedali psichiatrici'' nella relazione in corso alla
Camera e sottolinea ''la necessita' di agire in via prioritaria e
senza tentennamenti''.

      Il guardasigilli ricorda poi una ''anomalia tutta italiana'', il
numero dei detenuti in attesa di giudizio, 28.000, pari al 42%
dell'intera popolazione carceraria.

      (Coc/Col/Adnkronos)
17-GEN-12 11:15


ZCZC
DIR0099 3 SPR  0 RR3 / DIR /S001

(DIRE) MINISTRO SEVERINO: CONDIZIONE CUSTODIA DETENUTI INACCETTABILE

Roma - "L'attuale stato delle carceri e le problematiche
condizioni dei 66.897 detenuti che, salvo poche virtuose
eccezioni, soffrono modalita' di custodia francamente
inaccettabili per un Paese come l'Italia". Lo dice il ministro
della Giustizia, Paola Severino, nella relazione alla Camera
sullo stato della Giustizia.
(Vid/ Dire) 
11:16 17-01-12


ZCZC
DIR0100 3 POL  0 RR1 / DIR 

GIUSTIZIA. SEVERINO: ARRETRATO PROCESSI ENORME, 9 MLN A METÀ 2011
BOOM CAUSE RISARCIMENTO PER RITARDI; QUESTO CREA INTASAMENTO

(DIRE) Roma, 17 gen. - "Il quadro generale" della situazione
dello stato della giustizia "e'  rappresentativo di una
situazione che desta forti preoccupazioni sia in ordine
all'enorme mole dell'arretrato da smaltire che, al 30 giugno del
2011, e' pari a quasi 9 milioni di processi (5,5 milioni per il
civile e 3,4 milioni per il penale), sia con riferimento ai tempi
medi di definizione che nel civile sono pari a 7 anni e tre mesi
(2.645 giorni) e nel penale a 4 anni e nove mesi (1.753 giorni)".
E' quanto dice il guardasigilli, Paola Severino, nella sue
comunicazioni in aula alla Camera.
   "Peraltro nel settore civile- sottolinea- l'inefficienza nella
definizione dell'arretrato ha dato luogo a costose e talvolta
paradossali conseguenze. Si e' gia' detto che il ritardo nella
definizione dei giudizi dipende, in larga misura, dal numero
davvero esorbitante di questioni per le quali si richiede
l'intervento del giudice. Con oltre 2.8 milioni di nuove cause in
ingresso in primo grado l'Italia e' seconda soltanto alla Russia
nella speciale classifica stilata nel citato rapporto Cepej".
Ebbene, continua, "proprio questo fenomeno determina un ulteriore
intasamento del sistema conseguente al numero progressivamente
crescente di cause intraprese dai cittadini per ottenere un
indennizzo conseguente alla ritardata giustizia".
Al riguardo "i numeri non ammettono equivoci: approvata la legge
(n. 89 del 2001 a tutti nota come legge Pinto) che consente di
indennizzare l'irragionevole durata del processo si e' verificata
una vera e propria esplosione di questo contenzioso passato dalle
3.580 richieste del 2003 alle 49.596 del 2010".
   Un "secondo effetto negativo indotto da tale contenzioso-
sottolinea Severino- e' quello dell'ulteriore dilatazione dei
tempi di definizione dei giudizi presso le Corti di Appello (cui
e' assegnata la competenza a decidere nella specifica materia)
che si aggiunge all'entita' ormai stratosferica e sempre
crescente degli indennizzi liquidati (si e' passati dai 5 milioni
di euro del 2003, ai 40 del 2008 per giungere ai circa 84 del
2011)".

  (Mar/ Dire)
11:16 17-01-12


ZCZC
DIR0101 3 POL  0 RR1 / DIR 

GIUSTIZIA. SEVERINO: CALANO PROCESSI CIVILI MA E' GOCCIA NEL MARE
-170 MILA AL GIUGNO 2011 SU OLTRE 5,5 MLN PENDENTI

(DIRE) Roma, 17 gen. - Per il secondo anno consecutivo va
registrato "un decremento delle pendenze nel settore civile con
un calo, al 30 giugno 2011, di oltre 170.000 processi rispetto"
alla stessa data dell'anno precedente, "mentre non si e' ancora
riusciti ad intaccare in modo significativo la durata media dei
processi". Lo dice il ministro della Giustizia, Paola Severino,
nella relazione alla Camera sullo stato della Giustizia.
   Certo, ammette il ministro, "e' una goccia nel mare degli
oltre 5,5 milioni di processi civili pendenti ma e' la conferma
di una inversione nel trend in costante ascesa degli ultimi anni".

  (Vid/ Dire)
11:16 17-01-12


ZCZC
DIR0104 3 SPR  0 RR3 / DIR /S001

(DIRE) SEVERINO: 46 MLN EURO RISARCIMENTI PER ERRORI IN 2011

Roma - "La durata del processo penale incide anche sul numero dei
procedimenti (in media 2.369 ogni anno) per ingiusta detenzione
ed errore giudiziario e, in ogni caso, aggrava la misura dei pur
doverosi risarcimenti a tale titolo erogati (nel solo 2011 lo
Stato ha subito un esborso pari a oltre 46 milioni di euro)". E'
quanto dice il guardasigilli in aula alla Camera, Paola Severino,
nelle sue comunicazioni sullo stato della giustizia.
(Mar/ Dire)

11:16 17-01-12


ZCZC1281/SXA
XRR98804
R POL S0A QBXB
GIUSTIZIA: SEVERINO, SCOPERTI 1.317 POSTI GIUDICI

   (ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Al momento risultano presenti in
organico 8.834 magistrati togati, con una scopertura di 1.317
posti". Lo ha detto il Guardasigilli Paola Severino, riferendo
al Parlamento sulla situazione della giustizia. "Per rimediare a
questa situazione, l'impegno del Ministero - ha aggiunto
Severino - è già stato particolarmente rilevante, tanto che
risultano completate le procedure per la nomina di 325
magistrati ordinari" vincitori del concorso bandito nel 2009.
Per altri 360 posti, sono in corso le correzioni delle prove
scritte del concorso bandito nel 2010 e altri 370 posti sono
stati banditi nello scorso settembre e le prove scritte sono
previste per il prossimo maggio. (ANSA).

     NM/MB
17-GEN-12 11:17


ZCZC
VEL0212 3 POL /R01 /ITA
Giustizia, Severino: 28 mila detenuti in attesa giudizio

      Roma, 17 GEN (il Velino/AGV) - Il ministro della
Giustizia Paola nell'illustrare alla Camera la relazione
annuale sullo stato della giustizia ha espresso la sua
"angoscia per lo stato delle carceri italiane e degli
ospedali psichiatrici" ed ha sottolineato la "necessita' di
agire in via prioritaria e senza tentennamenti". Severino ha
ricordato che i detenuti in attesa di giudizio sono 28 mila e
rappresentano il 42 per cento dell'intera popolazione
carceraria, "un'altra anomalia tutta italiana". -
www.ilvelino.it -  (ala)
171123 GEN 12


ZCZC
DIR0110 3 POL  0 RR1 / DIR 

GIUSTIZIA. SEVERINO: ITALIA QUARTA IN UE PER TASSO DI LITIGIOSITÀ
"NEL CIVILE SIAMO DIETRO A RUSSIA, BELGIO E LITUANIA"

(DIRE) Roma, 17 gen. - Uno dei "punti di maggiore criticita' del
sistema giudiziario italiano" e' anche "l'alto tasso di
litigiosita'" del nostro Paese, quarto in Ue da questo punto di
vista. E' quanto spiega Paola Severino nelle sue comunicazioni in
aula alla Camera sullo stato della giustizia.
   Il ministro sottolinea "il deficit di efficienza degli uffici
giudiziari rispetto a una domanda di giustizia che, in termini
quantitativi, appare nettamente sovradimensionata nel confronto
con le altre democrazie occidentali (il rapporto Cepej 2010 ci
dice che, nel civile, con 4.768 contenziosi ogni 100.000
abitanti, l'Italia e' al quarto posto in Europa per tasso di
litigiosita', dietro Russia, Belgio e Lituania su 38 paesi
censiti)". Anche su questo, continua, "ci si dovrebbe forse
interrogare maggiormente: questo elevato tasso di litigiosita' da
cosa deriva? Da una propensione socio-culturale italiana alla
conflittualita'? Da una scarsa fiducia nella possibilita' di
affrontare a monte la controversia e di trovare soluzioni
ragionevoli nel dialogo tra cittadini? Da una eccessiva
complessita' del tessuto normativo, tale da generare essa stessa
un proliferare di contrasti interpretativi, la cui soluzione va
devoluta al giudice?". Per Severino, "ognuna di queste domande
richiederebbe una approfondita analisi, perche' la risposta ad
esse potrebbe segnare un cambiamento di politica legislativa,
volto a incidere sulle cause di una domanda di giustizia cosi'
diffusa".

  (Mar/ Dire)
11:24 17-01-12


ZCZC
DIR0111 3 POL  0 RR1 / DIR 

GIUSTIZIA. SEVERINO: ORGANICO A 8.834 TOGHE, SCOPERTI 1.317 POSTI

(DIRE) Roma, 17 gen. - Al momento risultano presenti in organico
8.834 magistrati togati, con una scopertura di 1.317 posti". Lo
dice il ministro della Giustizia Paola Severino, intervenendo
alla Camera sullo stato della giustizia.
   Il ministro spiega che "per rimediare a questa situazione,
l'impegno del ministero e' gia' stato particolarmente rilevante,
tanto che risultano completate le procedure per la nomina di 325
magistrati ordinari, vincitori del concorso bandito nel 2009".
   Inoltre, "e' in corso le correzioni delle prove scritte di un
ulteriore concorso bandito nel 2010" e "altri 370 posti sono
stati banditi nel settembre 2011 e le prove scritte sono previste
nel mese di maggio 2012".

  (Vid/ Dire)
11:26 17-01-12


ZCZC
ASC0124 1 POL 0 R05 / +TLK XX ! 1 X

Giustizia:Severino,revisione circoscrizioni non spazza presidi legalita' =
(ASCA) - Roma, 17 gen - Con le necessarie revisione e
riorganizzazione delle circoscrizioni giudiziarie ''intendo
rassicurare tutti'' che ''nessuno intende spazzare via
presidi di legalita' che hanno i numeri e la peculiarita' che
ne rendono utile il mantenimento''. Lo afferma il ministro
della Giustizia Paola Severino nella sua relazione alla
Camera, chiarendo che ''si procedera' dunque con equilibrio e
pacatezza, cercando numeri oggettivi che sappiano tenere
lontani gli egoismi localistici e soddisfare invece le
esigenze di razionalizzazione e di efficienza del sistema''.
fdv
171128 GEN 12 


ZCZC
ADN0210 6 POL 0 ADN POL NAZ

      GIUSTIZIA: SEVERINO, ENTITA' STRATOSFERICA INDENNIZZI PER PROCESSI LENTI =
      84 MILIONI NEL 2011, ESPLOSIONE CAUSE DOPO LEGGE PINTO

      Roma, 17 gen. (Adnkronos) - Sono in aumento in Italia le cause
per ottenere indennizzi per per i casi di ritardata giustizia e con la
legge del 2001 cosiddetta Pinto si e' verificata una ''vera e propria
esplosione di questo contenzioso, passato dalle 3.580 richieste nel
2003 alle 49.596 del 2010''. Lo ha sottolineato il ministro della
Giustizia, Paola Severino, nella relazione in corso alla Camera.

      La dilatazione del contenzuioso per i casi di irragionevole
durata del processo ha portato a una ''entita ormai stratosferica e
sempre crescente degli indennizzi liquidati'' che nel 2011 ha
raggiunto gli 84 milioni di euro''.

      (Coc/Col/Adnkronos)
17-GEN-12 11:28


ZCZC1376/SXA
XRR98952
R POL S0A QBXB
GIUSTIZIA:SEVERINO,42 ISPEZIONI E 14 INCHIESTE SU TOGHE 2011

   (ANSA) - ROMA, 17 GEN - L'Ispettorato generale del Ministero
della Giustizia, nel 2011, "ha eseguito 42 ispezioni ordinarie e
14 inchieste". Lo ha reso noto il Guardasigilli Paola Severino,
nella sua relazione in corso al Parlamento sullo stato della
giustizia. L'azione disciplinare, ha proseguito il ministro, è
stata esercitata nei confronti di 46 magistrati per violazioni
di vario tipo compreso il ritardo nel deposito delle motivazioni
delle sentenze che "talvolta, hanno determinato inaccettabili
scarcerazioni di pericolosi criminali per decorrenza dei termini
massimi di custodia cautelare". Sono stati inoltre, 234, le
"ispezioni ordinarie" disposte dall'Ispettorato generale presso
gli uffici giudiziari di ogni ordine e grado. (ANSA).

     NM/MB
17-GEN-12 11:29


ZCZC
DIR0113 3 POL  0 RR1 / DIR 

GIUSTIZIA. SEVERINO: IN 2011 AZIONE DISCIPLINARE SU 46 MAGISTRATI

(DIRE) Roma, 17 gen. - "Nell'anno 2011 il ministro ha dato il
proprio concerto in ordine al conferimento di 72 Uffici
direttivi, mentre nel quadro della programmazione predisposta
l'ispettorato generale ha eseguito 42 ispezioni ordinarie e 14
inchieste". E' un passaggio delle comunicazioni del ministro
Paola Severino in aula alla Camera sullo stato della giustizia.
   "Risulta altresi' esercitata- aggiunge, l'azione disciplinare
nei confronti di 46 magistrati per violazioni dei doveri di
diligenza, correttezza e laboriosita', relativi a diverse
ipotesi, tra le quali spiccano quelle relative a gravi e
reiterati ritardi nel deposito delle motivazioni delle sentenze
che, talvolta, hanno determinato inaccettabili scarcerazioni di
pericolosi criminali per decorrenza dei termini massimi di
custodia cautelare". L'Ispettorato generale, sottolinea poi, "ha
svolto anche 234 ispezioni ordinarie presso uffici giudiziari di
ogni ordine e grado".

  (Mar/ Dire)
11:30 17-01-12


ZCZC1381/SXA
XRR98956
R POL S0A QBXB
MINORI: SEVERINO, AUMENTANO ITALIANI IN DETENZIONE

   (ANSA) - ROMA, 17 GEN - Si conferma, anche nel 2011,
"l'aumento generale della presenza di minori di nazionalità
italiana, già iniziata negli anni immediatamente precedenti,
anche nei servizi presidenziali, come i Centri di prima
accoglienza e gli Istituti penali per i minorenni, che per molti
anni hanno visto prevalere numericamente i minori stranieri". Lo
ha detto il Guardasigilli Paola Severino, intervenendo a
Montecitorio per comunicazioni sullo stato della giustizia.
Attualmente i minori stranieri con problemi penali provengono
prevalentemente dall'Est europeo, soprattutto dalla Romania, e
dal Nord Africa, soprattutto dal Marocco, ha spiegato Severino.
In generale, i reati contestati ai minori sono quelli contro il
patrimonio (60%) anche se "non sono trascurabili le violazioni
delle disposizioni in materia di sostanze stupefacenti (10%)".
(ANSA).

     NM/MB
17-GEN-12 11:30


ZCZC
VEL0218 3 POL /R01 /ITA
Giustizia, Severino: 46 mln euro risarcimenti nel 2011

      Roma, 17 GEN (il Velino/AGV) - "La durata del processo
penale incide anche sul numero dei procedimenti (in media
2.369 ogni anno) per ingiusta detenzione ed errore
giudiziario e, in ogni caso, aggrava la misura dei pur
doverosi risarcimenti a tale titolo erogati (nel solo 2011 lo
Stato ha subito un esborso pari a oltre 46 milioni di euro)".
Lo ha detto il ministro della Giustizia Paola Severino alla
Camera, illustrando la relazione sullo stato della
giustizia. - www.ilvelino.it -  (ala)
171135 GEN 12


ZCZC1442/SXA
XRR99025
R POL S0A QBXB
GIUSTIZIA: SEVERINO, NON MANCANO SEGNALI POSITIVI

   (ANSA) - ROMA, 17 GEN - Gli interventi messi a punto dal
governo Monti per migliorare la situazione del sistema giustizia
non sono ancora riusciti "a determinare una svolta positiva e
strutturale nel sistema giudiziario italiano" ma "non mancano né
i segnali positivi, né le potenzialità che consentono di
prevedere un miglioramento concreto". Lo ha detto il
Guardasigilli Paola Severino, concludendo le sue comunicazioni
al Parlamento sullo stato della giustizia. Per quanto riguarda
il settore civile l'obiettivo è quello di "deflazionare i flussi
di ingresso della domanda di giustizia" anche attraverso "metodi
alternativi di definizione dei conflitti". E' necessario poi
"garantire la specializzazione dei giudici" e "aggredire con
decisione" la massa dell'arretrato con un "piano straordinario
di smaltimento" e assicurare un iter più celere dei giudizi e la
"prevedibilità delle decisioni". Sul fronte penale, le priorità
del Guardasigilli sono quelle di "assicurare condizioni di
dignità ai detenuti", velocizzare i processi, garantire ai
magistrati "tutti gli strumenti anche tecnici ed informatici"
assicurando però una "gestione più oculata e razionale della
spesa". (ANSA).

     NM/MB
17-GEN-12 11:39


ZCZC
DIR0120 3 POL  0 RR1 / DIR 

GIUSTIZIA. SEVERINO: DEFICIT DI EFFICIENZA MA RIFORMA È POSSIBILE
CRISI ECONOMICA, MODELLO PIÙ SNELLO E MENO COSTOSO NON RINVIABILE

(DIRE) Roma, 17 gen. - "Per quanto possa apparire paradossale,
proprio oggi, in presenza di una drammatica congiuntura economica
internazionale, si presenta l'occasione, forse irripetibile, di
riformare davvero il sistema giudiziario italiano". Sono le
conclusioni che il ministro Paola Severino trae al termine delle
sue comunicazioni in aula alla Camera sullo stato della
giustizia.
   "Nessuno di noi infatti- aggiunge- puo' piu' permettersi di
considerare ineluttabile il deficit di efficienza del sistema
giudiziario italiano in un momento come quello attuale ove ogni
settore della vita pubblica e privata e' tenuto a garantire il
proprio contributo operativo al miglioramento delle condizioni
economiche del Paese. Si puo' far questo accettando supinamente e
passivamente i sacrifici imposti dalle attuali necessita'
economiche oppure, come io credo sia piu' utile, lo si puo' fare,
ciascuno nel proprio ambito, trasformando le criticita' in
opportunita' di sviluppo e di miglioramento dei servizi offerti
al cittadino".
   Severino si chiede: "È possibile applicare questo modello
virtuoso anche al sistema giudiziario? Certamente si', purche'
tutti i protagonisti: magistrati, avvocati, personale
amministrativo, cittadini utenti, e non soltanto le istituzioni
competenti (Governo, Parlamento e Csm) siano disposti ad
accettare che un altro modello di servizio giudiziario, piu'
snello, piu' rapido, meno costoso e meno intasato, non soltanto
e' possibile, ma e' oggi assolutamente necessario e non piu'
rinviabile".

  (Mar/ Dire)
11:43 17-01-12


ZCZC
DIR0121 3 POL  0 RR1 / DIR 

GIUSTIZIA. SEVERINO: SISTEMA PIU' GIUSTO CON RINUNCIA A PRIVILEGI

(DIRE) Roma, 17 gen. - "Ciascuno di noi sara' chiamato a
rinunciare a qualche privilegio o a qualche abitudine consolidata
e rassicurante, ma cosi' facendo consegneremo al Paese, cioe' a
noi tutti, un sistema giudiziario migliore e piu' giusto". Lo
dice il ministro della Giustizia, Paola Severino, concludendo la
relazione al parlamento sullo stato della Giustizia.

  (Vid/ Dire)
11:44 17-01-12

ZCZC
VEL0221 3 POL /R01 /ITA
Carceri, Severino: Uso piu' calibrato della custodia cautelare

      Roma, 17 GEN (il Velino/AGV) - "Un uso, per cosi' dire,
meglio calibrato della custodia cautelare in carcere sarebbe
sotto piu' aspetti benefico per l'amministrazione giudiziaria
e per il sistema carcerario, senza alcuna controindicazione
per la collettivita', se e' vero che le esigenze  di
sicurezza possono essere alternativamente garantite da un
ventaglio davvero ricco di opzioni di cui oggi il giudice
dispone e che, se possibile, proveremo a migliorare e
incrementare". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Paola
Severino, illustrando la relazione sulla giustizia alla
Camera. - www.ilvelino.it -  (ala)
171149 GEN 12


ZCZC
DIR0123 3 POL  0 RR1 / DIR 

GIUSTIZIA. LA RICETTA SEVERINO: AGGREDIRE ARRETRATO E VELOCIZZARE

(DIRE) Roma, 17 gen. - "Le considerazioni che ho sviluppato
spero consentano di apprezzare l'azione del governo, sia con
riferimento alle iniziative normative che all'impegno
organizzativo ed esecutivo". Cosi' il ministro Paolo Severino
conclude le sue comunicazioni in aula alla Camera sullo stato
della giustizia.
   Il complesso degli interventi, sottolinea, "non e' ancora
riuscito a determinare una svolta positiva e strutturale nel
sistema giudiziario italiano ma, come si e' visto, non mancano
ne' i segnali positivi, ne' le potenzialita' che consentono di
prevedere un miglioramento concreto. Bisogna lasciarsi
influenzare da questi segnali positivi per consolidare e
migliorare il servizio giustizia italiano con una strategia di
sistema che e' gia' ben definita nei suoi principali obiettivi".
   Ed ecco la 'ricetta' Severino. Nel settore civile, spiega, "si
tratta di deflazionare i flussi di ingresso della domanda di
giustizia anche attraverso l'affermarsi di metodi alternativi di
definizione dei conflitti; di garantire la specializzazione dei
giudici; di aggredire con decisione la massa dei procedimenti
arretrati con il piano straordinario di smaltimento
(eventualmente perfezionato ed ampliato); di assicurare una piu'
celere definizione dei giudizi e la prevedibilita' delle
decisioni". Nel settore penale "si tratta, anzitutto- dice il
Guardasigilli- di assicurare condizioni di dignita' ai detenuti,
nonche' di razionalizzare e velocizzare il processo penale, di
garantire ai magistrati tutti gli strumenti anche tecnici ed
informatici, assicurando, al contempo, una gestione piu' oculata
e razionale della spesa". Nell'erogazione del 'servizio'
giustizia, conclude, "si tratta di assicurare condizioni di
uniformita' su tutto il territorio nazionale, attraverso una
profonda revisione dei modelli organizzativi e della geografia
giudiziaria, sorretta da robusti e sistemici interventi
finalizzati all'uso sempre piu' intenso delle nuove tecnologie in
grado di assicurare (se adeguatamente inserite in strutture ben
organizzate) notevoli risparmi di spesa e un sicuro miglioramento
delle performance".

  (Mar/ Dire)
11:49 17-01-12


ZCZC
DIR0128 3 POL  0 RR4 / DIR /DG00X

GIUSTIZIA. SEVERINO: SISTEMA PIU' GIUSTO CON RINUNCIA A PRIVILEGI

(DIRE) Roma, 17 gen. - "Ciascuno di noi sara' chiamato a
rinunciare a qualche privilegio o a qualche abitudine consolidata
e rassicurante, ma cosi' facendo consegneremo al Paese, cioe' a
noi tutti, un sistema giudiziario migliore e piu' giusto". Lo
dice il ministro della Giustizia, Paola Severino, concludendo la
relazione al parlamento sullo stato della Giustizia.

  (Vid/ Dire)
11:54 17-01-12


ZCZC
AGI0179 3 CRO 0 R01 /

GIUSTIZIA: SEVERINO, CON LEGGE PINTO ESPLOSIONE CONTENZIOSO =
(AGI) - Roma, 17 gen. - Con la legge Pinto, che consente di
indennizzare l'irragionevole durata del processo, si e'
verificata una vera e propria esplosione di questo contenzioso,
passato da 3mila 580 richieste del 2003 alle 49mila 546 del
2010. Lo ha detto il ministro della Giustizia, Paola Severino,
nel corso della relazione sullo stato della giustizia alla
Camera.
    "Un secondo effetto negativo, indotto da tale contenzioso -
ha sottolineato il Guardasigilli - e' quello dell'ulteriore
dilatazione dei tempi di definizione dei giudizi presso la
Corte d'Appello, cui era assegnata la competenza a decidere
sulla materia che si aggiunge all'entita' ormai stratosferica e
sempre crescente degli indennizzi liquidati, si e' passati dai
5 milioni del 2003 ai 40 del 2008 per giungere ai circa 84 del
2011". (AGI)
Rmn/Dib
171158 GEN 12


ZCZC
ADN0245 6 POL 0 ADN POL NAZ

      GIUSTIZIA: SEVERINO, ITALIA AL QUARTO POSTO IN EUROPA PER TASSO LITIGIOSITA' =
      DOPO RUSSIA BELGIO E LITUANIA

      Roma, 17 gen. (Adnkronos) - In Italia c'e' una domanda di
giustizia ''sovradimensionata nel confronto con le altre democrazie
occidentali'' che ci mette ''al quarto posto in Europa per tasso di
litigiosita', dietro Russia, Belgio e Lituania su 38 Paesi censiti''
dal rapporto Cepej 2010. Sono i dati forniti dal ministro Paola
Severino nella relazione sullo stato della giustizia in corso alla
Camera.

      (Coc/Col/Adnkronos)
17-GEN-12 11:56


ZCZC
ADN0249 6 POL 0 ADN POL NAZ

      GIUSTIZIA: SEVERINO, LENTEZZA PROCESSI COSTA UN PUNTO DI PIL =

      Roma, 17 gen (Adnkronos) - ''L'inefficienza della giustizia
civile italiana puo' essere misurata in termini economici come pari
all'1% del Pil''. Il ministro della Giustizia, Paola Severino, nella
relazione alla Camera, ha ricordato il dato fornito nel 2011 dalla
Banca d'Italia.

      Se a questo si aggiunge ''la durata stimata per il recupero del
credito commerciale pari a 1210 giorni'', ha sottolineato il ministro,
''si coglie la misura di quanto cio' incida negativamente sulle nostre
imprese''.

      (Coc/Col/Adnkronos)
17-GEN-12 11:56


ZCZC
VEL0223 3 POL /R01 /ITA
Minori, Severino: Aumentano italiani detenuti in istituti

      Roma, 17 GEN (il Velino/AGV) - Nel corso del 2011 si
conferma "l'aumento generale della presenza di minori di
nazionalita' italiana, gia' iniziata negli anni
immediatamente precedenti, anche nei servizi residenziali,
come i Centri di prima accoglienza e gli Istituti penali per
i minorenni, che per molti anni hanno visto prevalere
numericamente i minori stranieri". Lo ha detto il ministro
Paola Severino, illustrando alla Camera la relazione sullo
stato della giustizia. Attualmente i minori stranieri con
problemi penali provengono soprattutto dall'Est europeo,
soprattutto dalla Romania, e dal Nord Africa, in prevalenza
dal Marocco, ha spiegato Severino. I reati contestati ai
minori sono soprattutto quelli contro il patrimonio (60%)
anche se "non sono trascurabili le violazioni delle
disposizioni in materia di sostanze stupefacenti (10%)". -
www.ilvelino.it -  (ala)
171157 GEN 12


ZCZC
ADN0257 6 POL 0 ADN POL NAZ

      GIUSTIZIA: SEVERINO, TROPPI 2000 UFFICI GIUDIZIARI =
      GOVERNO INTERVERRA' SU TAGLI CON EQUILIBRIO E PACATEZZA

      Roma, 17 gen. (Adnkronos) - ''Il Paese non puo' permettersi
oltre 2000 uffici giudiziari allocati in 3000 edifici''. Lo ha detto
il ministro della Giustizia Paola Severino nel passaggio della sua
relazione alla Camera dedicato alla revisione della geografia
giudiziaria. Una materia su cui il governo procedera' , ha assicurato
Severino, ''alla riduzione del numero degli uffici e alla
razionalizzazione dei relativi assetti territoriali'', ma senza
''spazzare via presidi di legalita''' e con ''equilibrio e pacatezza,
cercando parametri oggettivi che sappiano tenere lontani gli egoismi
localistici e soddisfare le esigenze si efficienza del sistema''.

      Il primo decreto legislativo, ha ricordato il ministro, riguarda
i giudici di pace, e ''prevede l'accorpamento di diversi uffici (674),
consentendo di recuperare 2104 unita' di personale amministrativo e
risparmiare, a regime, 28 milioni di euro l'anno''.

      (Coc/Col/Adnkronos)
17-GEN-12 11:59


ZCZC
AGI0196 3 CRO 0 R01 /

GIUSTIZIA: SEVERINO, 46 MLN PER INGIUSTA DETENZIONE NEL 2011 =
(AGI) - Roma, 17 gen. - "La durata del processo penale incide
anche sul numero dei procedimenti, in media 2.368 ogni anno,
per ingiusta detenzione ed errore giudiziario e, in ogni caso,
aggrava la misura dei pur doverosi risarcimenti a tale titolo
erogati, nel solo 2011 lo Stato ha subito un esborso pari a
oltre 46 milioni di euro". E' quanto ha detto il ministro della
Giustizia, Paola Severino, nel corso della relazione
sull'amministrazione della Giustizia alla Camera. "Un uso, per
cosi' dire, meglio calibrato della custodia cautelare in
carcere - ha aggiunto il ministro Severino - sarebbe sotto piu'
aspetti benefico per l'amministrazione giudiziaria e per il
sistema carcerario, senza alcuna controindicazione per la
collettivita', se e' vero che le esigenze di sicurezza possono
essere alternativamente garantite da un ventaglio davvero ricco
di opzioni di cui oggi il giudice dispone e che, se possibile,
proveremo a migliorare e incrementare". (AGI)
Rmn/Gav
171211 GEN 12


ZCZC
AGI0197 3 CRO 0 R01 /

GIUSTIZIA: SEVERINO, 9 MILIONI PROCESSI ARRETRATI A GIUGNO 2011 =
(AGI) - Roma, 17 gen. - Al 30 giugno del 2011 l'arretrato nella
giustizia italiana e' di nove milioni di processi. Lo ha
annunciato il ministro della Giustizia, Paola Severino, nel
corso della sua relazione alla Camera. L'arretrato e' pari a
5,5 milioni per il processo civile e 3,4 milioni per il penale.
    Un "quadro generale che desta forti preoccupazioni", lo ha
definito il Guardasigilli anche con riferimento "ai tempi medi
di definizione che nel civile sono pari a 7 anni e 3 mesi
(2mila 645 giorni) e nel penale a 4 anni e 9 mesi (1.753
giorni)". (AGI)
Rmn/Dib/Gav
171212 GEN 12

ZCZC
DIR0137 3 POL  0 RR1 / DIR 

GIUSTIZIA. SEVERINO: NON SOSTENIBILI 2MILA UFFICI GIUDIZIARI
"REVISIONE CIRCOSCRIZIONI NON SPAZZA VIA PRESIDI LEGALITÀ"

(DIRE) Roma, 17 gen. - C'e' "la necessita' di ridurre le spese di
gestione e di razionalizzare l'utilizzo delle risorse umane
esistenti, in progressivo decremento a causa del blocco delle
assunzioni e del numero medio dei pensionamenti annuali (circa
1.200 unita'). In altri termini e con maggiore chiarezza il Paese
non puo' piu' permettersi oltre 2.000 uffici giudiziari allocati
in 3.000 edifici". Lo dice Paola Severino durante le sue
comunicazioni in aula alla Camera sullo stato della giustizia
parlando della revisione delle circoscrizioni giudiziarie.
   "L'intervento di riorganizzazione di gran lunga piu' incisivo-
sottolinea- riguarda la nuova geografia giudiziaria, una riforma
organica attesa sin dagli esordi dell'Italia unita (le prime
segnalazioni risalgono al 1863), approvata da questa legislatura
con la legge 14 settembre 2011, n. 148, con la quale il Governo
e' stato delegato a procedere alla riduzione del numero degli
uffici giudiziari e alla razionalizzazione dei relativi assetti
territoriali".
   Severino aggiunge: "Sia chiaro, sono consapevole che la
chiusura di un ufficio giudiziario crea numerose difficolta' e
non poche preoccupazioni alla classe forense, ai magistrati, al
personale amministrativo ed alla comunita' locale direttamente
interessata; e so bene che queste legittime preoccupazioni sono
condivise da molti deputati". Detto questo, conclude, "intendo
rassicurare tutti sul fatto che le specificita' di ciascun
territorio saranno scrupolosamente valutate (cosi' come imposto
dalla legge delega) e che nessuno intende spazzare via presi'di
di legalita' che hanno i numeri e le peculiarita' che ne rendono
utile il mantenimento. Si procedera' dunque con equilibrio e
pacatezza, cercando parametri oggettivi che sappiano tener
lontani gli egoismi localistici e soddisfare invece le esigenze
di razionalizzazione e di efficienza del sistema".

  (Mar/ Dire)
12:10 17-01-12


ZCZC
ADN0275 6 POL 0 ADN POL NAZ

      GIUSTIZIA: SEVERINO, SCOPERTURA ORGANICO MAGISTRATURA DI 1.317 POSTI =
      GIA' COMPLETATE PROCEDURE PER NOMINA DI 325 TOGHE

      Roma, 17 gen. (Adnkronos) - ''Al momento risultano presenti in
organico 8.834 magistrati togati, con una scopertura di 1.317 posti''.
Il ministro della Giustizia Paola Severino ha ricordato i dati
relativi alla pianta organica della magistratura nella relazione
tenuta alla camera e ha assicurato che l'impegno del ministero a
''rimediare a questa situazione'' e' gia' stato ''particolarmente
rilevante , tanto che risultano completate le procedure per la nomina
di 325 magistrati ordinari, vincitori del concorso a 350 posti banditi
nel 2009''.

      E' poi in corso, ha aggiunto il ministro, ''la correzione delle
prove scritte di un ulteriore concorso a 360 posti, bandito nel 2010;
altri 370 posti sono stati banditi nel settembre 2011 e le prove
scritte sono previste a maggio del 2012''.

      (Coc/Col/Adnkronos)
17-GEN-12 12:11

ZCZC
VEL0237 3 POL /R01 /ITA
Giustizia, Severino: In organico 8.834 togati, scoperti 1.317 posti

      Roma, 17 GEN (il Velino/AGV) - "Al momento risultano
presenti in organico 8.834 magistrati togati, con una
scopertura di 1.317 posti". Lo ha detto il ministro della
Giustizia Paola Severino, illustrando alla Camera la
relazione sullo stato della giustizia. Il ministro ha
spiegato che "per rimediare a questa situazione, l'impegno
del ministero e' gia' stato particolarmente rilevante, tanto
che risultano completate le procedure per la nomina di 325
magistrati ordinari, vincitori del concorso bandito nel
2009". Inoltre, ha sottolineato, "e' in corso le correzioni
delle prove scritte di un ulteriore concorso bandito nel
2010" e "altri 370 posti sono stati banditi nel settembre
2011 e le prove scritte sono previste nel mese di maggio
2012". Con l'immissione in servizi dei 325 magistrati gia'
vincitori del concorso bandito nel 2009, "le presenze in
organico raggiungeranno quota 9.169, dato superato negli
ultimi 12 anni soltanto nel 2005". - www.ilvelino.it -  (ala)
171218 GEN 12


ZCZC
DIR0145 3 POL  0 RR1 / DIR 

MINORI. SEVERINO: AUMENTA PRESENZA ITALIANI IN ISTITUTI DI PENA
"PER STRANIERI ALLO STUDIO CONVENZIONI PER RITORNO IN PATRIA"

(DIRE) Roma, 17 gen. - Nel corso del 2011 l'esame delle
statistiche conferma "l'aumento generale della presenza di minori
di nazionalita' italiana, gia' iniziato negli anni immediatamente
precedenti, anche nei Servizi residenziali, come i Centri di
prima accoglienza e gli Istituti penali per i minorenni, che per
molti anni hanno visto prevalere numericamente i minori
stranieri". E' quanto dice il ministro Paola Severino nelle sue
comunicazioni in aula alla Camera sullo stato della giustizia.
   "Attualmente- spiega- la presenza straniera proviene
prevalentemente dall'Est europeo (principalmente dalla Romania) e
dal Nord Africa (Marocco soprattutto). In generale i reati
contestati sono prevalentemente contro il patrimonio (60%), pur
se non sono trascurabili le violazioni delle disposizioni in
materia di sostanze stupefacenti (10%)".
   Severino si sofferma quindi "su un aspetto programmatico: la
giustizia minorile deve necessariamente privilegiare l'aspetto
rieducativo della pena, tendendo al reinserimento sociale del
giovane condannato attraverso istituti ampiamente sperimentati
come quello della messa alla prova. Si tratta pero' di istituti
che richiedono un notevole impegno, non solo dei servizi sociali,
ma anche delle famiglie e della comunita' dei cittadini". Questi
due ultimi contributi, conclude, "possono venire meno se il
giovane condannato e' uno straniero la cui famiglia e la cui
comunita' sono lontane dall'Italia. Ecco perche' ci accingiamo a
varare un piano di contatti internazionali e di convenzioni
bilaterali volti ad incentivare il ritorno del minore nel suo
sistema culturale di origine".

  (Mar/ Dire)
12:19 17-01-12

ZCZC
ASC0153 1 POL 0 R05 / +TLK XX ! 1 X

Giustizia: Severino, per sistema migliore rinunciare a privilegi =
(ASCA) - Roma, 17 gen - La rinuncia a ''qualche privilegio''
puo' portare ad un ''sistema giudiziario migliore e piu'
giusto''. Lo afferma il ministro Guardasigilli, Paola
Severino, concludendo in aula alla Camera la Relazione
sull'amministrazione della giustizia nell'anno 2011.
   Il ministro sottoliea l'azione del governo nel settore,
chiarendo che il complesso degli interventi attuati pero'
''non e' ancora riuscito a determinare una svolta positiva e
strutturale nel sistema giudiziario italiano''. Ma, aggiunge,
''non mancano ne' i segnali posistivi ne' le potenzialita'
che consentono di prevedere un miglioramento concreto''.
   Il sistema italiano, spiega la Severino, ha certamente un
''deficit di efficienza'' che pero' ''nessuno di noi puo'
permettersi di considerare ineluttabile'' in un momento come
quello attuale dove, aggiunge il ministro, ''ogni settore
della vita pubblica e e' tenuto a garantire il proprio
contributo operativo al miglioramento delle condizioni
economiche del Paese''. Anche perche', ''l'andamento
economico del paese - dice - e' fortemente influenzato
dall'andamento economico della giustizia'', civile in
particolare. Secondo i dati della Banca d'Italia
''l'inefficienza della giustizia civile italiana puo' essere
misurata in termini economici come pari all'1% del pil'',
ricorda il ministro sottolineando come ''all'ulteriore
dilatazione dei tempi di definizione dei giudizi presso le
Corti d'Appello'' si aggiunge ''l'entita' ormai stratosferica
e sempre crescente degli indennizzi liquidati''. Una somma
passata dai 5 milioni di euro del 2003 agli 84 del 2011. Una
''emorragia inarrestabile'', la definisce il Guardasigilli,
''autoriproduttiva di ulteriori ritardi''.
   Di fronte alla necessita' quindi di ''applicare un modello
virtuoso'' al sistema giudiziario italiano ''tutti i
protagonisti'', esorta la Severino, ''debbono accettare un
altro modello di servizio giudiziario''. Un modello ''piu'
snello, piu' rapido, meno costoso e meno intasato - sostiene
- non soltanto e' possibile ma e' oggi assolutamente
necessario e non piu' rinviabile. Ciascuno di noi - continua
la Severino - sara' magari chiamato a rinunciare a qualche
privilegio o a qualche abitudine consolidata e rassicurante,
ma cosi' facendo consegneremo al Paese, cioe' a tutti noi, un
sistema giudiziario migliore e piu' giusto''.
fdv
171226 GEN 12 
ZCZC
ADN0309 6 POL 0 ADN POL NAZ

      GIUSTIZIA: SEVERINO, NEL 2011 AZIONE DISCIPLINARE PER 46 GIUDICI =

      Roma, 17 gen. (Adnkronos) - Nel 2011 il ministero della
Giustizia ha esercitato ''l'azione disciplinare nei confronti di 46
magistrati per violazioni dei doveri di diligenza, correttezza e
laboriosita', relativi a diverse ipotesi, tra le quali spiccano quelle
relative a gravi e reiterati ritardi nel deposito delle sentenze che,
talvolta, hanno deterninato la scarcerazione di pericolosi criminali
per decorrenza dei termini massimi di custodia cautelare''. Lo ha
detto il ministro, Paola Severino, intervenuta alla Camera con la
relazione sullo stato della giustizia in Italia.

      L'Ispettorato generale, ha aggiuinto il ministro, ''ha eseguito
42 ispezioni ordinarie e 14 inchieste''.

      (Coc/Col/Adnkronos)
17-GEN-12 12:26


9CO420527 4 POL ITA R01
GIUSTIZIA, SEVERINO: 9 MLN PROCESSI ARRETRATI (1)

(9Colonne) Roma, 17 gen - Le condizioni di sovraffollamento nelle
 carceri ""inaccettabili per un Paese come l'Italia"", il ""deficit
 di efficienza degli uffici giudiziari rispetto ad una domanda di giustizia"",
 la ""problematica individuazione degli strumenti attraverso i quali,
 soprattutto nel settore civile, sia possibile procedere alla rapida
 eliminazione dell'arretrato accumulatosi negli ultimi trent'anni"",
 ""l'indifferibile razionalizzazione organizzativa e tecnologica dell'intera
 struttura amministrativa dei servizi giudiziari, in modo da utilizzare
 al meglio le risorse umane e finanziarie disponibili, realizzando
 risparmi di spesa che siano il frutto di interventi strutturali e
 non di semplici tagli alle dotazioni di bilancio"". Queste le quattro
 ""principali criticità da affrontare"" indicate dal Guardasigilli
 Paola Severino nella sua relazione sull'amministrazione della Giustizia
 tenuta questa mattina alla Camera, che presenterà anche oggi pomeriggio
 nell'Aula del Senato. Il ministro ha ricordato che l'arretrato da
 smaltire, al 30 giugno 2011, ""è pari a quasi 9 milioni di processi
 (5,5 milioni per il civile e 3,4 milioni per il penale), sia con riferimento
 ai tempi medi di definizione che nel civile sono pari a 7 anni e tre
 mesi (2.645 giorni) e nel penale a 4 anni e nove mesi (1.753 giorni)"".
 Il ministro della Giustizia sottolinea che ""con oltre 2,8 milioni
 di nuove cause in ingresso in primo grado l'Italia è seconda soltanto
 alla Russia nella speciale classifica stilata nel citato rapporto
 Cepej. Ebbene, proprio questo fenomeno determina un ulteriore intasamento
 del sistema conseguente al numero progressivamente crescente di cause
 intraprese dai cittadini per ottenere un indennizzo conseguente alla
 ritardata giustizia"". Severino spiega anche che ""approvata la legge
 (n. 89 del 2001 a tutti nota come legge Pinto) che consente di indennizzare
 l'irragionevole durata del processo si è verificata una vera e propria
 esplosione di questo contenzioso passato dalle 3.580 richieste del
 2003 alle 49.596 del 2010"". (PO / SEGUE)

171226 GEN 12


ZCZC
ADN0312 6 POL 0 ADN POL NAZ

      GIUSTIZIA: SEVERINO, MEDIAZIONE IN CRESCITA, OLTRE 53MILA CASI =
      PREMATURO TENTARE VALUTAZIONE

      Roma, 17 gen. (Adnkronos) - L'istituto della mediazione civile
ha registrato ''un trend in crescita'' e ''rispetto alle 33.808
iscritte nel primo semestre del 2011'' a novembre i casi ''hanno
superato la soglia delle 53.000 unita'''. Il guardasigilli Paola
Severino, nella relazione alla Camera sullo stato della giustizia, e'
tornata a difendere un istituto che ''mira a ridurre in modo sensibile
il numero dei giudizi dinanzi al magistrato'' e sui cui effetti ''e'
prematuro tentare una valutazione''.

      Il ministro ha ricordato l'intervento sulla materia gia' operato
dal governo con ''integrazioni e correzioni finalizzate a potenziarne
l'utilizzo'', e ha espresso l'auspicio ''che tutti gli addetti ai
lavori condividano questa necessita', cogliendo le nuove e numerose
opportunita' professionali che la riforma offre''.

      (Coc/Col/Adnkronos)
17-GEN-12 12:28


ZCZC
VEL0252 3 POL /R01 /ITA
Giustizia, Severino: Con legge Pinto esplosione contenzioso

      Roma, 17 GEN (il Velino/AGV) - Con la legge Pinto, che
"consente di indennizzare l'irragionevole durata del
processo, si e' verificata una vera e propria esplosione di
questo contenzioso, passato da 3.580 richieste del 2003 alle
49.596 del 2010". Lo ha detto il ministro della Giustizia,
Paola Severino, nel corso della relazione sullo stato della
giustizia alla Camera. "Un secondo effetto negativo, indotto
da tale contenzioso - ha sottolineato - e' quello
dell'ulteriore dilatazione dei tempi di definizione dei
giudizi presso la Corte d'Appello, cui era assegnata la
competenza a decidere sulla materia che si aggiunge
all'entita' ormai stratosferica e sempre crescente degli
indennizzi liquidati, si e' passati dai 5 milioni di euro del
2003, ai 40 del 2008 per giungere ai circa 84 del 2011". -
www.ilvelino.it -  (ala)
171232 GEN 12

ZCZC
AGI0237 3 POL 0 R01 /

GIUSTIZIA: SEVERINO, TROPPI DUEMILA UFFICI GIUDIZIARI =
(AGI) - Roma, 17 gen. - "Il Paese non puo' piu' permettersi
oltre 2.000 uffici giudiziari allocati in 3.000 edifici". E'
quanto ha detto il ministro Giustizia, Paola Severino, nel
corso della relazione alla Camera. Per il Guardasigilli c'e' la
"necessita' di ridurre le spese di gestione e di razionalizzare
l'utilizzo delle risorse umane esistenti, in progressivo
decremento a causa del blocco delle assunzioni e del numero
medio dei pensionamenti annuali, circa 1.200 unita'. Il decreto
- ha spiegato il Guardasigilli - prevede l'accorpamento di
diversi uffici (674) consentendo di recuperare 2.104 unita' di
personale amministrativo e di risparmiare, a regime, 28 milioni
di euro l'anno". (AGI)
Rmn
171240 GEN 12
ZCZC
AGI0241 3 CRO 0 R01 /

GIUSTIZIA: SEVERINO, SCOPERTURA MAGISTRATI  E' DI 1317 POSTI =
(AGI) - Roma, 17 gen. - "Al momento risultano presenti in
organico 8.834 magistrati togati, con una scopertura di 1.317
posti". Lo ha sottolineato il ministro della Giustizia, Paola
Severino, nel corso della relazione presentata alla Camera.
"Risultano completate le procedure per la nomina di 325
magistrati ordinari, vincitori del concorso a 350 posti bandito
nel 2009 - ha spiegato il ministro Severino - e' in corso la
correzione delle prove scritte di un ulteriore concorso a 360
posti, bandito nel 2010, che avra' termine tra poche settimane;
altri 370 posti sono stati banditi nel settembre del 2011 e le
prove scritte sono previste nel mese di maggio del 2012". (AGI)
Rmn/Mld
171243 GEN 12


9CO420534 4 POL ITA R01
GIUSTIZIA, SEVERINO: 9 MLN PROCESSI ARRETRATI (2)

(9Colonne) Roma, 17 gen - ""Un secondo effetto negativo indotto da
 tale contenzioso - aggiunge il ministro - è quello dell'ulteriore
 dilatazione dei tempi di definizione dei giudizi presso le Corti di
 Appello (cui è assegnata la competenza a decidere nella specifica
 materia) che si aggiunge all'entità ormai stratosferica e sempre crescente
 degli indennizzi liquidati (si è passati dai 5 milioni di euro del
 2003, ai 40 del 2008 per giungere ai circa 84 del 2011). Il dato di
 maggiore rilievo mi pare, però, quello fornito nel 2011 dalla Banca
 d'Italia, secondo cui l'inefficienza della giustizia civile italiana
 può essere misurata in termini economici come pari all'1% del Pil"".
 Severino sottolinea poi che ""se a questo si aggiunge che nella categoria
 'Enforcing Contracts' del rapporto Doing Business 2010 l'Italia si
 classifica al 157° posto su 183 paesi censiti, con una durata stimata
 per il recupero del credito commerciale pari a 1210 giorni, mentre
 in Germania ne bastano 394, si coglie la misura di quanto ciò incida
 negativamente sulle nostre imprese segnando, anche sotto tale aspetto,
 una divaricazione di efficienza con i migliori sistemi dei Paesi dell'Unione
 Europea che frena, ineluttabilmente, le possibilità di sviluppo ed
 anche gli investimenti stranieri"". ""Ho parlato, naturalmente, di
 quest'ultimo tema in diverse occasioni con il presidente Monti e con
 l'intero governo - riferisce il guardasigilli -, traendone la comune
 convinzione che le interazioni tra economia e giustizia sono fortissime,
 che se si vogliono attrarre capitali in Italia sia necessario garantire
 certezza ed efficienza della giustizia, che se si vogliono accrescere
 le iniziative imprenditoriali italiane e straniere nel nostro Paese,
 sia indispensabile assicurare un percorso celere del processo"". Dunque,
 secondo Severino ""restituire efficienza alla giustizia civile per
 recuperare questa ricchezza e la competitività che ne deriva è il
 vero obiettivo che dobbiamo perseguire, perché ciò consentirebbe di
 trasformare le criticità del sistema giudiziario italiano in opportunità
 di sviluppo e di crescita economica, ben oltre i semplici (e pur necessari)
 risparmi di spesa. Non meno rilevanti - sottolinea il ministro - risultano
 le conseguenze dell'eccessiva durata del processo penale. E non inganni
 - aggiunge - la circostanza che la durata media del processo penale
 è inferiore rispetto a quella del processo civile (4,9 anni rispetto
 agli oltre 7 del civile) poiché occorre tener conto che essa incide
 in modo sensibile anche sulla sorte degli oltre 28.000 detenuti in
 attesa di giudizio, che rappresentano il 42% dell'intera popolazione
 carceraria (altra anomalia tutta italiana)"". (PO / Red)

171239 GEN 12

ZCZC
ASC0169 1 POL 0 R05 / +TLK XX ! 1 X

Giustizia: Severino, ho angoscia per stato carceri italiane =
+++''Agire in via prioritaria e senza tentennamenti per
migliorare condizioni detenuti''+++.

(ASCA) - Roma, 17 gen - Il ministro della Giustizia Paola
Severino esprime la sua ''personale preoccupazione'', anzi la
sua ''angoscia per lo stato delle carceri italiane e degli
ospedali psichiatrici giudiziari''. Il Guardasigilli coglie
l'occasione della sua relazione alla Camera sullo stato della
giustizia in Italia nel 2011 per tornare a parlare del
sovraffollamento drammatico dei nostri istituti di pena
dicendo di sentire ''fortissima, insieme a tutto il governo,
la necessita' di agire in via prioritaria e senza
tentennamenti per garantire un concreto miglioramento delle
condizioni dei detenuti''.
   Questa situazione ''va migliorata subito - sottolinea -
pur nella piena consapevolezza che non esista alcuna formula
magica per risolvere quasto annoso e doloroso problema''. Il
ministro non ha dubbi, ''solo un equilibrato insieme di
misure, idonee a coniugare sicurezza sociale e trattamento
umanitariamente adeguato del custodito e del condannato,
potra' fornire un serio contributo alla soluzione del
problema''.
fdv
171250 GEN 12 


ZCZC
AGI0265 3 POL 0 R01 /

GIUSTIZIA: SEVERINO, MEDIAZIONE HA RAGGIUNTO QUOTA 53MILA =
(AGI) - Roma, 17 gen. - "Rispetto alle 33.808 mediazioni
iscritte nel primo semestre del 2011 si puo' cogliere un trend
in crescita se si considera che a novembre 2011 le mediazioni
registrate hanno superato la soglia delle 53.000 unita'". Lo ha
detto il ministro dell Giustizia, Paola Severino, nel corso
della relazione alla Camera. Per il ministro Severino quello
della mediazione e' "un'importante riforma che mira a ridurre
in modo sensibile il numero di giudizi dinanzi al magistrato" e
offre alle parti "uno strumento generale alternativo alla via
giudiziale per risolvere le controversie dei cittadini". (AGI)
Rmn/Gav
171253 GEN 12


ZCZC
ADN0365 6 POL 0 ADN POL NAZ

      GIUSTIZIA: SEVERINO, CRISI PUO' ESSERE OCCASIONE PER RIFORMA VERA =
      NON MANCANO NE' SEGNALI POSITIVI NE' POTENZIALITA'

      Roma, 17 gen. (Adnkronos) - ''Per quanto possa apparire
paradossale, proprio oggi, in presenza di una drammatica congiuntura
economica internazionale, si presenta l'occasione, forse irripetibile,
di riformare davvero il sistema giudiziario italiano''. In conclusione
della relazione tenuta alla Camera, il ministro della Giustizia Paola
Severino ha espresso l'auspicio che la crisi economica possa dare
impulso agli interventi per migliorare il funzionamento della macchina
giustizia in Italia. E lo si puo' fare, ha sottolineato, ''ciascuno
nel proprio ambito, trasformando le criticita' in opportunita' di
sviluppo e di miglioramento dei servizi offerti al cittadino''.

      Gli interventi gia' attuati dal governo, per il ministro, ''non
sono ancora riusciti a determinare una svolta positiva e
strutturale''. Tuttavia ''non mancano ne' i segnali positivi ne' le
potenzialita' che consentono di prevedere un miglioramento concreto''.

      (Coc/Col/Adnkronos)
17-GEN-12 12:49

9CO420542 4 POL ITA R01
GIUSTIZIA, SEVERINO: 46 MLN ESBORSI PER INGIUSTA DETENZIONE

(9Colonne) Roma, 17 gen - ""Sulla necessità che la delicata e complessa
 valutazione delle esigenze cautelari sia improntata a criteri di estrema
 prudenza condivido le preoccupazioni pubblicamente manifestate dal
 primo presidente della Corte di Cassazione. La durata del processo
 penale incide, infatti, anche sul numero dei procedimenti (in media
 2369 ogni anno) per ingiusta detenzione ed errore giudiziario e, in
 ogni caso, aggrava la misura dei pur doverosi risarcimenti a tale
 titolo erogati (nel solo 2011, lo Stato ha subito un esborso pari
 ad oltre 46 milioni di euro)"". Lo afferma il Guardasigilli Paola
 Severino nella sua relazione sull'amministrazione della Giustizia
 tenuta questa mattina alla Camera. ""Quel che è certo - afferma il
 ministro - è che un uso, per così dire, meglio calibrato della custodia
 cautelare in carcere sarebbe sotto più aspetti benefico per l'amministrazione
 giudiziaria e per il sistema carcerario, senza alcuna controindicazione
 per la collettività, se è vero che le esigenze di sicurezza possono
 essere alternativamente garantite da un ventaglio davvero ricco di
 opzioni di cui oggi il giudice dispone e che, se possibile, proveremo
 a migliorare ed incrementare"". (PO / Red)

171251 GEN 12

ZCZC
AGI0285 3 CRO 0 R01 /

GIUSTIZIA: SEVERINO, ITALIA QUARTA IN UE PER TASSO LITIGIOSITA' =
(AGI) - Roma, 17 gen. - "L'Italia e' al quarto posto in Europa
per tasso di litigiosita'". Lo ha detto il ministro della
Giustizia, Paola Severino, nel corso della sua relazione alla
Camera sullo stato della Giustizia in Italia. "Il deficit di
efficienza degli uffici giudiziari - ha spiegato il
guardasigilli - rispetto ad una domanda di giustizia che, in
termini quantitativi, appare nettamente sovradimensionata nel
confronto con le altre democrazie occidentali. Il rapporto
CEPEJ 2010 ci dice che, nel civile, con 4.768 contenziosi ogni
100.000 abitanti, l'Italia e' al quarto posto in Europa per
tasso di litigiosita', dietro Russia, Belgio e Lituania su 38
paesi censiti". (AGI)
rmn  (Segue)
171303 GEN 12


ZCZC
AGI0286 3 CRO 0 R01 /

GIUSTIZIA: SEVERINO, ITALIA QUARTA IN UE PER TASSO LITIGIOSITA' (2)=
(AGI) - Roma, 17 gen. - "Anche su questo ci si dovrebbe forse
interrogare maggiormente - ha detto il ministro Severino -
questo elevato tasso di litigiosita' da cosa deriva? Da una
propensione socio-culturale italiana alla conflittualita'? Da
una scarsa fiducia nella possibilita' di affrontare a monte la
controversia e di trovare soluzioni ragionevoli nel dialogo tra
cittadini? Da una eccessiva complessita' del tessuto normativo,
tale da generare essa stessa un proliferare di contrasti
interpretativi, la cui soluzione va devoluta al giudice? Ognuna
di queste domande richiederebbe una approfondita analisi,
perche' la risposta ad esse potrebbe segnare un cambiamento di
politica legislativa, volto ad incidere sulle cause di una
domanda di giustizia cosi' diffusa". (AGI)
rmn
171303 GEN 12


9CO420550 4 POL ITA R01
CARCERI, SEVERINO: SITUAZIONE ANGOSCIANTE, AFFRONTARE EMERGENZA (1)

(9Colonne) Roma, 17 gen - ""Ho già manifestato in più occasioni la
 mia personale preoccupazione, anzi, la mia angoscia per lo stato delle
 carceri italiane e degli ospedali psichiatrici giudiziari e sento
 fortissima, insieme a tutto il governo, la necessità di agire in via
 prioritaria e senza tentennamenti per garantire un concreto miglioramento
 delle condizioni dei detenuti (ma anche degli agenti della polizia
 penitenziaria che negli stessi luoghi ne condividono la realtà e,
 spesso, le sofferenze)"". Lo afferma il Guardasigilli Paola Severino
 nella sua relazione sull'amministrazione della Giustizia tenuta questa
 mattina alla Camera. ""Si tratta, ancora una volta - aggiunge il ministro
 -, di questioni di difficile soluzione a causa di complicazioni burocratiche
 e di difetti strutturali e logistici che si sono stratificati nel
 corso del tempo"". Secondo Severino ""siamo di fronte ad una emergenza
 che rischia di travolgere il senso stesso della nostra civiltà giuridica,
 poiché il detenuto è privato delle libertà soltanto per scontare la
 sua pena e non può essergli negata la sua dignità di persona umana"".
 ""Questa situazione va migliorata subito - avverte il ministro -,
 pur nella piena consapevolezza che non esista alcuna formula magica
 per risolvere questo annoso e doloroso problema, se è vero, come è
 vero, che anche in altri paesi la piaga del sovraffollamento carcerario
 è segnalata da numeri che parlano da soli (ad esempio: 80.000 detenuti
 nel Regno Unito e più di 2 milioni negli Stati Uniti)"". Il Guardasigilli
 sostiene che ""solo un equilibrato insieme di misure, idonee a coniugare
 sicurezza sociale e trattamento umanitariamente adeguato del custodito
 o del condannato, potrà fornire un serio contributo alla soluzione
 del problema. Edificazione di nuove carceri, ma anche manutenzione
 e migliore utilizzo di quelle esistenti; misure alternative alla detenzione,
 ma anche lavoro carcerario; deflazione giudiziaria attraverso depenalizzazione
 di reati bagatellari e non punibilità per irrilevanza del fatto, ma
 anche effettività della pena"". (PO / SEGUE)

171301 GEN 12


ZCZC
AGI0289 3 POL 0 R01 /

GIUSTIZIA: SEVERINO, USO CUSTODIA CAUTELARE E' ECCESSIVO =
(AGI) - Roma, 17 gen. - L'uso della custodia cautelare e'
eccessivo. Lo ha sostenuto il ministro della Giustizia, Paola
Severino, nel corso della relazione alla Camera. Il
Guardasigilli ha sottolineato che in Italia i detenuti in
attesa di giudizio sono 28mila, il 42% dell'intera popolazione
carceraria, e che questa rappresenta "una anomalia tutta
italiana". "Sulla necessita' - ha aggiunto il ministro Severino
- che la delicata e complessa valutazione delle esigenze
cautelari sia improntata a criteri di estrema prudenza
condivido le preoccupazioni pubblicamente manifestate dal primo
presidente della Corte di Cassazione". (AGI)
Rmn
171307 GEN 12

9CO420556 4 POL ITA R01
CARCERI, SEVERINO: SITUAZIONE ANGOSCIANTE, AFFRONTARE EMERGENZA (2)

(9Colonne) Roma, 17 gen - Nella sua relazione il ministro ha illustrato
 i provvedimenti già adottati dal governo finalizzati a risolvere l'emergenza
 carceri: ""Mi riferisco anzitutto - spiega - al decreto legge 22 dicembre
 2011, n. 211, con il quale si è prevista una prima serie di misure
 urgenti per il contrasto al sovraffollamento delle carceri. Ciò che
 si poteva fare con immediatezza è stato fatto, introducendo norme
 che modificano le procedure di convalida dell'arresto, dimezzandone
 i tempi massimi (48 ore anziché 96) ed incidendo sulle correlative
 modalità di custodia in modo da limitare al massimo il transito in
 carcere destinato, statisticamente, a durare per poco tempo (nel 2010,
 21.093 persone sono state trattenute in carcere per un massimo di
 3 giorni). La bontà di questa misura si apprezza anche se si considera
 che una permanenza così breve in carcere, oltre a rivelarsi inutilmente
 afflittiva, molto costosa ed impegnativa per l'amministrazione, non
 è giustificata né da esigenze processuali né da istanze di difesa
 sociale, giacché si tratta di persone delle quali, all'esito della
 convalida dell'arresto e del giudizio direttissimo, il giudice molto
 spesso dispone la scarcerazione. Si è altresì deciso - sottolinea
 il Guardasigilli - di innalzare da 12 a 18 mesi la soglia della pena
 detentiva residua per l'accesso alla detenzione domiciliare, potenziando
 uno strumento già introdotto nel 2010 dal precedente esecutivo. Per
 effetto di tale modifica, il numero dei detenuti che potranno essere
 ammessi alla detenzione domiciliare, in base alla legge del 2010,
 potrà quasi raddoppiare; agli oltre 3.800 detenuti sino ad oggi effettivamente
 scarcerati se ne potranno aggiungere altri 3.327 (con un risparmio
 di spesa pari a 375.318 euro ogni giorno)"". (PO / SEGUE)

171306 GEN 12 

9CO420560 4 POL ITA R01
CARCERI, SEVERINO: SITUAZIONE ANGOSCIANTE, AFFRONTARE EMERGENZA (3)

(9Colonne) Roma, 17 gen - Il ministro spiega inoltre che ""con il
 successivo decreto legge 29 dicembre 2011, n. 216 si sono operati
 importanti interventi di miglioramento del 'Piano Carceri' approvato
 dal precedente esecutivo. Si è infatti reso necessario disporre la
 proroga della gestione commissariale del piano straordinario sino
 al 31.12.2012, mentre le nuove norme hanno altresì consentito di superare
 le criticità del previgente impianto normativo, attraverso la disgiunzione
 delle funzioni di Commissario straordinario da quelle di Capo del
 Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria. Nella sostanza -
 specifica Severino -, si è ritenuto utile separare la gestione del
 piano straordinario per l'edilizia penitenziaria affidando il ruolo
 di Commissario ad una figura professionale in grado di esercitare
 in via esclusiva queste funzioni. Infine, il 16 dicembre 2011 il governo
 ha approvato, in via preliminare, una modifica al Regolamento penitenziario
 per introdurre la carta diritti e doveri dei detenuti e degli internati,
 già trasmessa al Consiglio di Stato per il prescritto parere"". Secondo
 il ministro della Giustizia si tratta di ""un primo gruppo di interventi
 sostenuti dall'urgenza, cui va aggiunta una più ampia e complessa
 opera di riorganizzazione e razionalizzazione della struttura ministeriale
 finalizzata a migliorare le condizioni della detenzione, anche attraverso
 una intensa attività di riqualificazione della spesa"". (PO / Red)

171310 GEN 12


ZCZC
ADN0444 6 POL 0 ADN POL NAZ

      GIUSTIZIA: SEVERINO, CALO ARRETRATO DI 170MILA PROCESSI CONFERMA INVERSIONE TREND =
      E' GOCCIA NEL MARE MA INDICA DIREZIONE IN CUI PROCEDERE

      Roma, 17 gen. (Adnkronos) - Nella sua relazione alla Camera
sullo stato della giustizia in Italia il ministro Paola Severino ha
sottolineato ''qualche piccolo segnale di apertura del sistema verso
il miglioramento'' e ha ricordato ''il dato piu' rappresentativo al
riguardo costituito dalla conferma, per il secondo anno consecutivo,
di un decremento delle pendenze nel settore civile con un calo, al 30
giugno 2011, di oltre 170.000 processi rispetto al 30 giugno 2010
(-3%)''. Nessun dato significativo, invece, sulla ''durata media dei
processi che si presenta sostanzialmente stabile''.

      ''E' una goccia nel mare degli oltre 5,5 milioni di processi
civili pendenti ma e' la conferma di una inversione nel tred in
costante crescita negli ultimi anni'', ha commentato il ministro.

      (Coc/Col/Adnkronos)
17-GEN-12 13:13


ZCZC
AGI0308 3 CRO 0 R01 /

CARCERI: SEVERINO, ANGOSCIA PER SOVRAFFOLLAMENTO =
(AGI) - Roma, 17 gen. - "Ho gia' manifestato in piu' occasioni
la mia personale preoccupazione, anzi, la mia angoscia per lo
stato delle carceri italiane e degli ospedali psichiatrici
giudiziari e sento fortissima, insieme a tutto il Governo, la
necessita' di agire in via prioritaria e senza tentennamenti
per garantire un concreto miglioramento delle condizioni dei
detenuti". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Paola
Severino, presentando la relazione alla Camera sullo stato
della Giustizia. "Questa situazione va migliorata subito - ha
sottolineato il guardasigilli - pur nella piena consapevolezza
che non esista alcuna formula magica per risolvere questo
annoso e doloroso problema, se e' vero, come e' vero, che anche
in altri paesi la piaga del sovraffollamento carcerario e'
segnalata da numeri che parlano da soli. Ad esempio: 80.000
detenuti nel Regno Unito e piu' di 2 milioni negli Stati
Uniti". (AGI)
Rmn/Gav
171317 GEN 12


ZCZC
ASC0210 1 POL 0 R05 / +TLK XX ! 1 X

Giustizia: Severino, in organico magistrati scoperti 1.317 posti =
(ASCA) - Roma, 17 gen - ''Al momento risultano presenti in
organico 8.834 magistrati togati, con una scopertura di 1.317
posti''. Lo rende noto il ministro Guardasigilli Paola
Severino, nella relazione svolta alla Camera sulla situazione
della giustzia in Italia. ''Per rimediare a questa situazione
- dice la Severino - l'impegno del ministro e' gia' stato
particolarmente rilevante, tanto che risultano completate le
procedure per la nomina di 325 magistrati ordinari''. E' poi
in corso, continua, ''la correzione delle prove scritte di un
ulteriore concorso di 360 posti, bandito nel 2010. Altri 370
posti sono stati banditi nel settembre del 2011 e le prove
scritte sono previste nel mese di maggio del 1012''. Come
''appare evidente - continua - si tratta di bandi che
risalgono al precedente esecutivo e di cui non voglio quindi
ascrivermi alcun merito. Va pero' oggettivamente e da parte
di tutti dato atto - rileva la Severino - che la
programmazione cadenzata di una serie di concorsi restituisca
ai migliori laureati in giurisprudenza una possibilita' di
ingresso nella magistratura ordinaria con cadenze ravvicinate
e regolari''.
fdv
171321 GEN 12 

9CO420566 4 POL ITA R01
GIUSTIZIA, SEVERINO: SCOPERTI 1.317 POSTI MAGISTRATI

(9Colonne) Roma, 17 gen - ""Al momento risultano presenti in organico
 8.834 magistrati togati, con una scopertura di 1.317 posti"". Lo riferisce
 il Guardasigilli Paola Severino nella sua relazione al Parlamento
 sull'amministrazione della Giustizia. ""Per rimediare a questa situazione
 - spiega -, l'impegno del ministero è già stato particolarmente rilevante,
 tanto che risultano completate le procedure per la nomina di 325 magistrati
 ordinari (vincitori del concorso a 350 posti bandito nel 2009); è
 in corso la correzione delle prove scritte di un ulteriore concorso
 a 360 posti, bandito nel 2010 (che avrà termine tra poche settimane);
 altri 370 posti sono stati banditi nel settembre del 2011 e le prove
 scritte sono previste nel mese di maggio del 2012"". (PO / Red)

171318 GEN 12

ZCZC
ASC0231 1 POL 0 R05 / +TLK XX ! 1 X

Giustizia: Severino, per sistema migliore rinunciare a privilegi (1 upd) =
(ASCA) - Roma, 17 gen - La rinuncia a ''qualche privilegio''
puo' portare ad un ''sistema giudiziario migliore e piu'
giusto''. Lo afferma il ministro Guardasigilli, Paola
Severino, concludendo in aula alla Camera la Relazione
sull'amministrazione della giustizia nell'anno 2011.
   Il ministro sottoliea l'azione del governo nel settore,
chiarendo che il complesso degli interventi attuati pero'
''non e' ancora riuscito a determinare una svolta positiva e
strutturale nel sistema giudiziario italiano''. Ma, aggiunge,
''non mancano ne' i segnali posistivi ne' le potenzialita'
che consentono di prevedere un miglioramento concreto''.
   Il sistema italiano, spiega la Severino, ha certamente un
''deficit di efficienza'' che pero' ''nessuno di noi puo'
permettersi di considerare ineluttabile'' in un momento come
quello attuale dove, aggiunge il ministro, ''ogni settore
della vita pubblica e e' tenuto a garantire il proprio
contributo operativo al miglioramento delle condizioni
economiche del Paese''. Anche perche', ''l'andamento
economico del paese - dice - e' fortemente influenzato
dall'andamento economico della giustizia'', civile in
particolare. Secondo i dati della Banca d'Italia
''l'inefficienza della giustizia civile italiana puo' essere
misurata in termini economici come pari all'1% del pil'',
ricorda il ministro sottolineando come ''all'ulteriore
dilatazione dei tempi di definizione dei giudizi presso le
Corti d'Appello'' si aggiunge ''l'entita' ormai stratosferica
e sempre crescente degli indennizzi liquidati''. Una somma
passata dai 5 milioni di euro del 2003 agli 84 del 2011. Una
''emorragia inarrestabile'', la definisce il Guardasigilli,
''autoriproduttiva di ulteriori ritardi''.
   Di fronte alla necessita' quindi di ''applicare un modello
virtuoso'' al sistema giudiziario italiano ''tutti i
protagonisti'', esorta la Severino, ''debbono accettare un
altro modello di servizio giudiziario''. Un modello ''piu'
snello, piu' rapido, meno costoso e meno intasato - sostiene
- non soltanto e' possibile ma e' oggi assolutamente
necessario e non piu' rinviabile. Ciascuno di noi - continua
la Severino - sara' magari chiamato a rinunciare a qualche
privilegio o a qualche abitudine consolidata e rassicurante,
ma cosi' facendo consegneremo al Paese, cioe' a tutti noi, un
sistema giudiziario migliore e piu' giusto''.
   Le emergenze ''ben note'' da affrontare, le ''criticita'''
 sulle quali il governo si concentra sono quattro, chiarisce
il ministro. Innanzitutto, ''l'attuale stato delle carceri e
le problematiche condizioni dei 66.897 detenuti'' che, dice
la Severino, ''soffrono di modalita' di custodia francamente
inaccettabili in un Paese come l'Italia''.
   C'e' poi, continua, ''il deficit di efficienza degli
uffici giudiziari rispetto ad una domanda che, in termini
quantitativi - nota la Severino - appare nettamente
sovradimensionata nel confronto con le altre democrazia
occidentali''. L'Italia, ricorda il ministro, ''e' al quarto
posto in Europa per tasso litigiosita', dietro Belgio, Russia
e Lituania su 38 Paesi'' e occorre quindi capire quali siano
''le cause di una domanda di giustizia cosi' diffusa''.
   Altro tema, illustra la Severino, e' ''la problematica
individuazione degli strumenti attraverso i quali,
soprattutto nel settore civile, sia possibile procedere alla
rapida eliminazione dell'arretrato accumulatosi negli ultimi
trent'anni''.
   Infine, si e' di fronte ''all'indifferibile
razionalizzazione organizzativa e tecnologica dell'intera
struttura amministrativa dei servizi giudiziari, in modo da
utilizzare meglio le risorse umane e finanziarie
disponibili''.
   Il ministro spiega che ''le interazioni tra giustizia e
economia sono fortissime'' e il governo ha la convinzione che
''se si vogliono attrarre capitali in Italia'' sia
''necessario garantire certezza ed efficienza della
giustizia, che se si vogliono accrescere le iniziative
imprenditoriali italiane e straniere nel nostro Paese, sia
indispensabile assicurare un precorso celere al processo''.
Si deve dunque, dice la Severino, ''restituire efficienza
alla giustizia civile per recuperare questa ricchezza e la
competitivita' che ne deriva e' ilvero obiettivo che dobbiamo
perseguire perche' cio' consentirebbe di trasformare le
criticita' del sistema giudiziario italiano in opportunita'
di sviluppo e di crescita economica, ben oltrei semplici
risparmi di spesa''.
fdv
171349 GEN 12 


ZCZC
ADN0508 6 POL 0 ADN POL NAZ

      CARCERI: SEVERINO, SE PARLAMENTO VUOLE AMNISTIA LA FACCIA =

      Roma, 17 gen. (Adnkronos) - ''L'aministia richiede una
maggioranza qualificata, e se il Parlamento dovesse raggiungere
un'intesa io e il governo non avremmo nulla da obiettare, come ho gia'
detto in piu' occasioni''. Il ministro Paola Severino ha ribadito la
sua posizione sull'amnistia in Aula alla Camera, nel suo intervento di
replica dopo la relazione sullo stato della giustizia.

      (Coc/Zn/Adnkronos)
17-GEN-12 13:49


ZCZC2953/SXA
XRR00595
R POL S0A QBXB
GIUSTIZIA:SEVERINO,AMNISTIA?SE VUOLE IL PARLAMENTO LA FACCIA

   (ANSA) - ROMA, 17 GEN - ''L'amnistia richiede una maggioranza
qualificata, se il Parlamento dovesse raggiungere un'intesa su
questo provvedimento, io e il governo non avremmo nulla da
obiettare, come ho gia' detto altre volte''. Il concetto e'
stato ripetuto dal Guardasigilli Paola Severino nel suo
intervento di replica, nell'Aula di Montecitorio, al dibattito
in Aula seguente alle sue comunicazioni sulla giustizia. (ANSA).

     NM/FLO
17-GEN-12 13:51

ZCZC
DIR0244 3 POL  0 RR1 / DIR 

CARCERI. SEVERINO: CAMERE SICUREZZA? NON E' AMNISTIA MASCHERATA

(DIRE) Roma, 17 gen. - Sul tema delle camere di sicurezza, visto
che si e' parlato di amnistia mascherata, voglio rassicurare che
"nessuno verra' rilasciato. Questo provvedimento si promette di
accorciare i tempi inutili del mantenimento in carcere e sara'
sempre un magistrato a decidere se liberare o meno una persona.
Non cambiera' nulla". Lo dice il ministro della Giustizia Paola
Severino, in sede di replica, rispondendo agli interventi dei
deputati nel corso della discussione generale, in merito ad
alcune norme contenute del dl carceri.
   E ribadisce: "Il messaggio deve essere chiaro: nessuno uscira'
dal carcere per questo provvedimento. Si trattera' solo di
decidere in 48 ore, in un luogo diverso dal carcere, quale sorte
dovra' avere" la persona.

  (Vid/ Dire)
13:53 17-01-12

ZCZC
AGI0371 3 CRO 0 R01 /

GIUSTIZIA: SEVERINO, NEL 2011 AUMENTATI MINORI ITALIANI =
(AGI) - Roma, 17 gen. - "Con riguardo alla Giustizia Minorile,
nel corso del 2011 l'esame delle statistiche ha confermato
l'aumento generale della presenza di minori di nazionalita'
italiana, gia' iniziato negli anni immediatamente precedenti,
anche nei Servizi residenziali, come i Centri di prima
accoglienza e gli Istituti penali per i minorenni, che per
molti anni hanno visto prevalere numericamente i minori
stranieri". E' quanto ha detto il ministro della Giustizia,
Paola Severino, presentando la relazione sullo stato della
Giustizia alla Camera. "La presenza straniera - ha detto il
guardasigilli - proviene prevalentemente dall'Est europeo,
principalmente dalla Romania e dal Nord Africa, Marocco
soprattutto". "In generale - ha spiegato il ministro - i reati
contestati sono prevalentemente contro il patrimonio (il 60%),
pur se non sono trascurabili le violazioni delle disposizioni
in materia di sostanze stupefacenti (10%)". (AGI)
Rmn/Gav
171400 GEN 12


ZCZC3109/SXA
XRR00774
R POL S0A QBXB
GIUSTIZIA:SEVERINO,CELLE SICUREZZA NON DIMINUISCONO TUTELA

   (ANSA) - ROMA, 17 GEN - ''Nessuno verra' rilasciato piu' di
quanto non avvenga adesso, saranno solo accorciati i tempi di un
inutile trattenimento in carcere: si trattera' solo di decidere
entro 48 ore, in un luogo diverso dal carcere, se confermare o
meno il fermo di qualcuno''. Cosi' il Guardasigilli Paola
Severino ha replicato, nell'Aula di Montecitorio, sul rischio
che la riforma della custodia cautelare possa incidere,
negativamente, sulla sicurezza dei cittadini. Severino ha fatto
questa precisazione, ribadita gia' in altre occasioni, nel suo
breve intervento di replica al termine del dibattito seguito
alle sue comunicazioni al Parlamento sullo stato della
Giustizia. (ANSA).

     NM/FLO
17-GEN-12 14:00


ZCZC
ADN0536 6 POL 0 ADN POL NAZ

      CARCERI: SEVERINO, CAMERE SICUREZZA NON SONO AMNISTIA MASCHERATA =
      NESSUNA PERSONA IN PIU' SARA' RILASCIATA, DECISIONE SPETTA COMUNQUE A GIUDICE

      Roma, 17 gen. (Adnkronos) - ''Nesuna persona in piu' sara'
rilasciata'' con il provvedimento della custodia nelle camere di
sicurezza per i detenuti in attesa di processo per direttissima,
prevista dal decreto sulle carceri. Lo ha ribadito il ministro della
Giustizia, Paola Severino, rispondendo in aula alla Camera ad alcune
obiezioni sollevate dopo la sua relazione sul rischio di una 'amnistia
mascherata' .

      La norma sulle camere di sicurezza, ha ricordato il ministro,
''non cambia nulla'' perche' ''la decisione spetta comunque al
magistrato'', ma ''accorcia i tempi e l'inutile permanenza in carcere
'' della persona fermata.

      ''Si tratta di decidere in un luogo diverso dal carcere e in
tempi piu' brevi, entro 48 ore'', ha precisato Severino.

      (Coc/Zn/Adnkronos)
17-GEN-12 14:02

ZCZC
DRS0022 3 LAV  0 DRS / WLF 

CARCERI. SEVERINO: CAMERE SICUREZZA? NON E' AMNISTIA MASCHERATA

(DIRE) Roma, 17 gen. - Sul tema delle camere di sicurezza, visto
che si e' parlato di amnistia mascherata, voglio rassicurare che
"nessuno verra' rilasciato. Questo provvedimento si promette di
accorciare i tempi inutili del mantenimento in carcere e sara'
sempre un magistrato a decidere se liberare o meno una persona.
Non cambiera' nulla". Lo dice il ministro della Giustizia Paola
Severino, in sede di replica, rispondendo agli interventi dei
deputati nel corso della discussione generale, in merito ad
alcune norme contenute del dl carceri.
   E ribadisce: "Il messaggio deve essere chiaro: nessuno uscira'
dal carcere per questo provvedimento. Si trattera' solo di
decidere in 48 ore, in un luogo diverso dal carcere, quale sorte
dovra' avere" la persona.
  (Vid/ Dire)
14:05 17-01-12

ZCZC
AGI0401 3 POL 0 R01 /

AMNISTIA: SEVERINO, NULLA DA OBIETTARE SE VUOLE PARLAMENTO =
(AGI) - Roma, 17 gen. - "Se il Parlamento dovesse raggiungere
un'intesa sull'amnistia io e il Governo non avremmo nulla da
obiettare". Lo ha affermato il ministro della Giustizia, Paola
Severino, nel suo intervento di replica alla Camera dopo la
relazione sullo stato della Giustizia. (AGI)
Rmn
171421 GEN 12

ZCZC
AGI0420 3 POL 0 R01 /

GIUSTIZIA: SEVERINO, NESSUNA SCARCERAZIONE CON CELLE SICUREZZA =
(AGI) - Roma, 17 gen. - Con l'introduzione delle celle di
sicurezza "nessuno uscira' dal carcere". Lo ha spiegato il
ministro della Giustizia, Paola Severino, replicando alla
Camera al termine della discussione seguita alla presentazione
della relazione sullo stato della Giustizia. "Si tratta solo di
decidere in un luogo diverso dal carcere - ha spiegato il
guardasigilli - in tempi piu' brevi, entro 48 ore, quale sorte
deve avere l'arrestato e lo decidera' sempre il magistrato".
(AGI)
Rmn
171432 GEN 12


ZCZC
AGI0432 3 CRO 0 R01 /

GIUSTIZIA: SEVERINO, MOZIONE UNITARIA SEGNALE IMPORTANTE =
(AGI) - Roma, 17 gen. - "Si tratta di un segnale molto
importante". Cosi' il ministro della Giustizia, Paola Severino,
ha commentato in Aula a Montecitorio la mozione unitaria
presentata da Pdl, Pd e Terzo Polo che approva la relazione
dello stesso guardasigilli sull'amministrazione della
Giustizia. "Ringrazio - ha aggiunto il ministro Severino - per
la compattezza con la quale la risoluzione e' stata assunta".
(AGI)
Rmn/Gav
171443 GEN 12


ZCZC3620/SXA
XRR01331
R POL S0A QBXB
GIUSTIZIA: SEVERINO, GOVERNO IMPEGNATO CONTRO CORRUZIONE

   (ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il Guardasigilli, parlando al
Parlamento, ha assicurato il suo ''personale impegno e quello
del governo'' alla lotta contro ''tutte quelle forme di illecita
sottrazione di denaro al circuito della legalita'''.
   Questa battaglia riguarda un tema del ''prossimo futuro'', ha
precisato il ministro, spiegando che ''Il dovere istituzionale''
le impone ''di elencare solo le iniziative gia' completate e
quelle intraprese''. Severino ha aggiunto che il suo impegno e
quello del governo sono diretti a reprimere tutte quelle ''forme
che si collegano diabolicamente tra di loro, creando un canale
sotterraneo che va dall'evasione fiscale, alla corruzione, al
riciclaggio, alla criminalita' organizzata, con una imponente
erosione di valori come quello della leale concorrenza tra le
imprese e con un altrettanto imponente dissanguamento e
depauperamento delle risorse economiche sane, che ci sono, e
sono tante, nel nostro Paese''. (ANSA).

     NM/FV
17-GEN-12 14:47


ZCZC
DIR0289 3 POL  0 RR1 / DIR 

GIUSTIZIA. SEVERINO ACCOGLIE RISOLUZIONE PDL-PD-TERZO POLO
"GRAZIE PER COMPATTEZZA", PARERE NEGATIVO SU LEGA, IDV, RADICALI

(DIRE) Roma, 17 gen. - Il ministro Paola Severino accoglie la
risoluzione unitaria sulla giustizia presentata alla Camera da
Pdl, Pd e Terzo Polo (Udc, Fli, Api), giudicando questa
convergenza "un segnale molto importante". Quindi ha ringraziato
"per la compattezza con la quale la risoluzione e' stata assunta".
   Sulle altre tre risoluzioni presentate al termine delle sue
comunicazioni da Lega, Idv e Radicali, il guardasigilli ha dato
parere negativo, "fermo restando- ha precisato- che il governo
prendera' in puntuale considerazione tutte le indicazioni che
mirano a recuperare l'efficienza del sistema giustizia
compatibilmente con le risorse disponibili e nei limiti di
bilancio".

  (Mar/ Dire)
14:48 17-01-12


ZCZC3645/SXA
XRR01412
U POL S0A QBXB
GIUSTIZIA: SEVERINO, MOZIONE UNITARIA E' SEGNALE IMPORTANTE

   (ANSA) - ROMA, 17 GEN - La mozione unitaria presentata da
Pdl, Pd e Terzo polo sulla relazione sulla giustizia fatta dal
Guardasigilli, Paola Severino, al Parlamento, ''e' un segnale
importante e quindi il mio ringraziamento non e' di forma ma di
sostanza''. Cosi' Severino si e' espressa sulla mozione
sottoscritta dalle tre forze che sostengono il governo Monti.
(SEGUE).

     NM/FV
17-GEN-12 14:54


ZCZC3688/SXA
XRR01469
R POL S0A QBXB
GIUSTIZIA: SEVERINO, MOZIONE UNITARIA E' SEGNALE IMPORTANTE (2)

   (ANSA) - ROMA, 17 GEN - Severino ha inoltre aggiunto di
essere ''sinceramente rammaricata'' nell'esprimere parere
negativo alle tre risoluzioni presentate da Idv, Lega e dai
Radicali. Tuttavia ha sottolineato che si tratta di risoluzioni
''veramente ricche di spunti'' che il Governo prendera' in
considerazione compatibilmente alle esigenze dibilancio. (ANSA).

     NM/VIT
17-GEN-12 14:57


ZCZC
AGI0455 3 CRO 0 R01 /

GIUSTIZIA: SEVERINO, MOZIONE UNITARIA SEGNALE IMPORTANTE (2)=
(AGI) - Roma, 17 gen. - Il ministro Severino ha quindi dato
parere favorevole alla mozione unitaria presentata da Pdl, Pd e
Terzo Polo mentre ha espresso parere negativo per le tre
mozioni presentate da tre risoluzioni presentate dalla Lega,
Idv e Radicali. "Il Governo - ha detto il guardasigilli -
prendera' comunque in puntuale considerazione i suggerimenti
contenuti nelle tre disposizioni in particolare quelle che
mirano a recuperare l'efficienza del sistema giustizia". (AGI)
Rmn/Gav
171502 GEN 12

ZCZC
ADN0650 6 POL 0 ADN POL NAZ

      GIUSTIZIA: SEVERINO, GOVERNO STRINGERA' SU CORRUZIONE =
      LOTTA A TUTTE LE FORME DI ILLECITA SOTTRAZIONE DI DENARO AL CIRCUITO DELLA LEGALITA'

      Roma, 17 gen. (Adnkronos) - ''Il dovere istituzionale mi impone,
in questa sede, di elencare solo le iniziative gia' completate e
quelle intraprese, ma vorrei anche assicurare il mio personale impegno
e quello del Governo sui temi del prossimo futuro, la lotta a tutte
quelle forme di illecita sottrazione di denaro al circuito della
legalita'''. Lo ha detto il ministro Paola Severino, oggi alla Camera
per la relazione sullo stato della giustizia in Italia.

      ''Forme che si collegano diabolicamente tra di loro, creando un
canale sotterraneo che va dall'evasione fiscale, alla corruzione, al
riciclaggio, alla criminalita' organizzata, con una imponente erosione
di valori - ha spiegato il ministro - come quello della leale
concorrenza tra le imprese e con un altrettanto imponente
dissanguamento e depauperamento delle risorse economiche sane, che ci
sono, e sono tante, del nostro Paese''.

      ''Su tutto questo - ha ribadito il Guardasigilli - vi garantisco
il mio personale impegno e quello del Governo''.

      (Coc/Opr/Adnkronos)
17-GEN-12 15:07

ZCZC
AGI0473 3 CRO 0 R01 /

GIUSTIZIA: SEVERINO, GOVERNO IMPEGNATO IN LOTTA CONTRO CORRUZIONE =
(AGI) - Roma, 17 gen. - "Il Governo e' impegnato nella lotta
alla corruzione". Lo ha affermato il ministro della Giustizia,
Paola Severino, nella relazione presentata nell'Aula di
Montecitorio. Il guardasigilli ha assicurato l'impegno contro
"l'evasione fiscale, la corruzione, il riciclaggio e la
criminalita' organizzata". (AGI)
Rmn/Gav
171516 GEN 12

ZCZC
AGI0475 3 CRO 0 R01 /

GIUSTIZIA: SEVERINO, CON LEGGE PINTO ESPLOSIONE CONTENZIOSO =
(AGI) - Roma, 17 gen. - "Con la legge Pinto, che consente di
indennizzare l'irragionevole durata del processo, si e'
verificata una vera e propria esplosione di questo contenzioso
passato da 3.580 richieste del 2003 alle 49.596 del 2010". Lo
ha detto il ministro della Giustizia, Paola Severino, nel corso
della sua relazione alla Camera. "Un secondo effetto negativo
indotto da tale contenzioso - ha sottolineato il guardasigilli
- e' quello dell'ulteriore dilatazione dei tempi di definizione
dei giudizi presso le Corti d'Appello, cui e' assegnata la
competenza a decidere sulla materia, che si aggiunge
all'entita' ormai stratosferica e sempre crescente degli
indennizzi liquidati, si e' passati dai 5 milioni del 2003, ai
40 del 2008 per giungere ai circa 84 del 2011" . (AGI)
Rmn/Gav
171518 GEN 12

ZCZC5746/SXB
XRR03577
U CRO S0B QBXB
NAVE COSTA:SEVERINO,LA MAGISTRATURA SAPRA' FAR LUCE SU CAUSE

   (ANSA) - ROMA, 17 GEN - ''La magistratura sapra' far luce ed
efficacemente intervenire per spiegare le cause di questa
terribile ed inspiegabile tragedia''. Lo ha assicurato il
ministro della Giustizia Paola Severino rivolgendo, nell'Aula
del Senato, il suo pensiero e il suo cordoglio alle vittime del
naufragio della nave Costa Concordia. Severino sta illustrando a
Palazzo Madama la sua relazione sullo stato della giustizia,
gia' illustrata stamani alla Camera.(ANSA).

     NM/FLO
17-GEN-12 17:25


ZCZC
ADN1099 3 CRO 0 ADN CRO NAZ RTO

      GIGLIO: SEVERINO, MAGISTRATURA SAPRA' FARE LUCE SU CAUSE =

      Roma, 17 gen. (Adnkronos) - "Sono certa che la magistratura
sapra' far luce e intervenire efficacemente per spiegare le cause di
questa terribile e inspiegabile tragedia" consumatasi all'isola del
Giglio. Lo ha detto il ministro della Giustizia, Paola Severino, in
Aula al Senato prima di leggere la sua relazione sullo stato della
giustizia.

      Il Guardasigilli ha rivolto parole di ringraziamento agli
abitanti della piccola isola toscana, "intervenuti per dare sostegno e
solidarieta'" ai naufraghi.

      (Ile/Ope/Adnkronos)
17-GEN-12 17:38


ZCZC
DIR0524 3 AMB  0 RR1 / DIR 

MARE. GIGLIO, SEVERINO: MAGISTRATURA SAPRA' FAR LUCE SU TRAGEDIA
TERRIBILE E INSPIEGABILE. GRAZIE ABITANTI ISOLA PER SOLIDARIETA'.

(DIRE) Roma, 17 gen. - "Sono certa che la Magistratura sapra' far
luce e intervenire efficacemente per spiegare le cause di questa
terribile e inspiegabile tragedia del mare". Paola Severino,
ministro della giustizia, lo dice nell'aula del Senato
affrontando il tema del tragico naufragio della Costa 'Concordia'
pochi minuti di tenere a Palazzo Madama la sua relazione sullo
stato della Giustizia.
   Il Guardiasigilli ha tenuto poi a ringraziare gli abitanti
dell'isola del Giglio, "intervenuti per dare sostegno e
solidarieta' ai naufraghi".

  (Ran/Dire)
17:59 17-01-12