salta al contenuto

www.giustizia.it

martedì 26 ottobre 2010

Agenzie di stampa su intervento Alfano a conferenza su Progetto Auror@

 

ZCZC

AGI0236 3 POL 0 R01 / 

 

== GIUSTIZIA: ALFANO, NON VEDO RISCHI DI CRISI =

 

(AGI) - Roma, 26 ott. - "Non vedo all'orizzonte rischi di crisi

di Governo in materia di giustizia". Lo ha detto il ministro

della Giustizia Angelino Alfano conversando con i giornalisti a

margine della presentazione di un nuovo sistema informatico per

le procure della Repubblica.

    "Noi crediamo - ha spiegato Alfano - che la giustizia possa

essere terreno di modernizzazione, sia sul piano

dell'informatizzazione che su quello della riforma del piano

del processo civile e penale fino ad arrivare ad una riforma

costituzionale che renda pari accusa e difesa di fronte ad un

giudice terzo". (AGI)

Vim/Pro

261223 OTT 10

 

 

ZCZC

ADN0274 7 POL 0 ADN POL NAZ

 

      GOVERNO: ALFANO, NON C'E' RISCHIO CRISI SU TEMA GIUSTIZIA =

 

      Roma, 26 ott. (Adnkronos) - "Non vedo all'orizzonte rischi di 

crisi di governo in materia di giustizia". Cosi' il ministro della 

Giustizia, Angelino Alfano, risponde alle domande dei cronisti in 

merito ad una possibile crisi di governo a causa dei temi che 

riguardano la giustizia. "Noi crediamo che la giustizia possa essere 

un terreno di modernizzazione del sistema", afferma Alfano al termine 

di una conferenza stampa presso il ministero di via Arenula.

 

      Il Guardasigilli, oltre a ricordare le iniziative in tema di 

informatizzazione dei processi, cita anche "la riforma costituzionale 

che assolve il compito di rendere pari l'accusa e la difesa di fronte 

ad un giudice terzo".

 

      (Mli/Ct/Adnkronos)

26-OTT-10 12:24

 

 

ZCZC

DIR0125 3 POL  0 RR1 / DIR  

 

GIUSTIZIA. ALFANO A FINI: NON VEDO CRISI DI GOVERNO

 

 

(DIRE) Roma, 26 ott. - "Non vedo all'orizzonte il rischio di una

crisi di governo in materia di giustizia". Cosi' il Guardasigilii

Angelino Alfano replica al presidente della Camera, Gianfranco

Fini, che ieri ha ipotizzato una crisi dell'esecutivo sulla

riforma della giustizia. 

   "La giustizia- aggiunge Alfano- puo' invece essere un terreno

di modernizzazione del sistema, sia dal lato dell'efficacia con

l'informatizzazione dei servizi infoirmatici, sia con la riforma

costituzionale che assolve ad un altro compito, quello cioe' di

metter accusa e difesa in pari di fronte ad un giudice terzo".

 

  (Rai/ Dire)

12:24 26-10-10

 

 

ZCZC0168/APC

20101026_00168

3 pol gn00

*Giustizia/ Alfano: Non vedo possibilità di crisi su questo tema

'Da Fini non chiusure: anche lui vuole approvare il lodo'

 

Roma, 26 ott. (Apcom) - "Io non vedo all'orizzonte rischi di

crisi di governo sulla giustizia". Lo dice il Guardasigilli

Angelino Alfano, a margine della presentazione del progetto di

digitalizzazione della procura di Lecce denominato Aurora,

realizzato insieme alla Regione Puglia.

 

Interrogato dai cronisti sulle dichiarazioni di ieri del

presidente della Camera Gianfranco Fini, Alfano ha sottolineato:

"Fini ha ribadito la volontà di approvare il lodo Alfano. Quello

è il punto da mettere in premessa. Se si ribalta invece il

discorso, le cose cambiano".

 

Gic/Ral

26-OTT-10 12:24 

 

ZCZC0169/APC

20101026_00169

3 pol gn00

*Lodo Alfano/ Alfano: Commissione valuti con ponderazione

"Riflessione su reiterabilità è di buon senso"

 

Roma, 26 ott. (Apcom) - La commissione Affari costituzionali del

Senato deve riunirsi oggi per fare "valutazioni ponderate sul

futuro del lodo Alfano". Lo dice lo stesso ministro della

Giustizia Angelino Alfano, conversando con i cronisti al

ministero. Il Guardasigilli, inoltre, riferisce "considerazioni

di buon senso" le aperture fatte all'ipotesi di eliminare la

reiterabilità dello scudo dal ddl in discussione a Palazzo Madama.

 

Gic/Ral

26-OTT-10 12:25 

 

 

ZCZC

DIR0131 3 SPR  0 RR3 / DIR /S001 

 

(DIRE) GIUSTIZIA. ALFANO: NON VEDO ALL'ORIZZONTE CRISI DI GOVERNO

IL MINISTRO REPLICA COSI' A DISTANZA A PAROLE DI FINI.

 

Roma, 26 ott. - "Non vedo all'orizzonte il rischio di una crisi

di governo in materia di giustizia". Cosi' il Guardasigilii

Angelino Alfano replica al presidente della Camera, Gianfranco

Fini, che ieri ha ipotizzato una crisi dell'esecutivo sulla

riforma della giustizia. 

   "La giustizia- aggiunge Alfano- puo' invece essere un terreno

di modernizzazione del sistema, sia dal lato dell'efficacia con

l'informatizzazione dei servizi infoirmatici, sia con la riforma

costituzionale che assolve ad un altro compito, quello cioe' di

metter accusa e difesa in pari di fronte ad un giudice terzo".

 

  (Rai/ Dire)

12:27 26-10-10

 

 

ZCZC

DIR0132 3 POL  0 RR1 / DIR  

 

LODO ALFANO. MINISTRO GIUSTIZIA: ANCHE FINI SOSTIENE RIFORMA

 

 

(DIRE) Roma, 26 ott. - "Fini ha ribadito la volonta' di approvare

una legge che tuteli il sereno svolgimento delle funzioni svolte

dalle piu' alte cariche dello stato. Questa e' la premessa di

ogni altro ragionamento". Cosi' il ministro della Giustizia,

Angelino Alfano, a margine di una conferenza stampa risponde ai

giornalisti che gli chiedono come valuti la tenuta della

maggioranza sulla riforma della giustizia.

   Alfano invita a "non capovolgere i termini della questione. La

premessa- dice- e' la volonta' di Fli di sostenere un percorso

parlamentare che dia tutela alle alte cariche".

 

  (Rai/ Dire)

12:27 26-10-10

 

 

ZCZC

AGI0246 3 POL 0 R01 / 

 

LODO ALFANO:GUARDASIGILLI,NESSUNA MARCIA INDIETRO SOLO BUON SENSO =

(AGI) - Roma, 26 ott. - Sul lodo Alfano il ministro della

Giustizia spiega che da parte sua non c'e' stata alcuna marcia

indietro, ma "una considerazione di buon senso". Il

guardasigilli parla con i giornalisti a margine della

presentazione di un sistema informatico per le procure della

Repubblica e spiega che tocca ora alle commissioni parlamentari

riunirsi e fare le proprie valutazioni tenendo fermo il

principio della tutela delle alte cariche.

    "Fini - dice Alfano - ha ribadito la volonta' di approvare

una legge che tuteli il sereno svolgimento delle funzioni delle

alte cariche dello Stato, quella e' la premessa a cui appendere

ogni altro ragionamento. Se si capovolgono i termini della

questione e' chiaro che ci si complica ancor di piu' la vita,

ma se si parte dalla premessa della volonta' di Fli di

sostenere un percorso parlamentare che dia tutela alle alte

cariche dello Stato si mette tutto nell'agire logico e

ragionevole". (AGI)

Vim/Pro

261230 OTT 10

 

 

ZCZC

DIR0139 3 POL  0 RR1 / DIR  

 

LODO ALFANO. MINISTRO GIUSTIZIA:SU REITERABILITÀ SERVE BUON SENSO

 

 

(DIRE) Roma, 26 ott. - Nessuna marcia indietro solo "una

considerazione di buon senso". Cosi' il ministro della Giustizia

Angelino Alfano commenta, a margine di una conferenza stampa, la

posizione espressa ieri a proposito di una modifica della

reiterabilita' del Lodo che reca il suo nome. "La vicenda e'

abbastanza complessa- dice il ministro- le commissioni devono

fare una valutazione ponderata, senza improvvisazione. C'e' stato

inoltre l'intervento del presidente Napolitano". Tutto questo,

spiega, consiglia "buon senso, ma tenendo presente che il

principio da rispettare e' quello della tutela per le alte

cariche".

 

  (Rai/ Dire)

12:32 26-10-10

 

 

ZCZC IPN 110

POL --/T 

GIUSTIZIA: ALFANO "NON VEDO ALL'ORIZZONTE RISCHI DI CRISI"

ROMA (ITALPRESS) - "Non vedo all'orizzonte rischi di crisi di

governo in materia di giustizia". Lo ha detto il ministro della

Giustizia, Angelino Alfano, a margine della presentazione del

"Progetto Auror@", con il presidente della Regione Puglia, Nichi

Vendola, nella sede del dicastero.

"La giustizia deve essere un terreno di modernizzazione del

sistema", ha aggiunto Alfano, che e' tornato sulle sue

dichiarazioni di ieri sulla reiterabilita' del lodo: "Sono

considerazioni di buon senso, poiche' le commissioni parlamentari

devono riunirsi e la vicenda e' abbastanza complessa, dunque in

commissione i gruppi parlamentari dovranno fare delle valutazioni,

ponderate senza improvvisazioni. Il principio e' quello della

tutela delle alte cariche dello Stato".

(ITALPRESS).

ror/sat/red

26-Ott-10 12:22

 

 

ZCZC1870/SXA

XRR10543

R POL S0A QBXB

GIUSTIZIA: ALFANO, NON VEDO CRISI DI GOVERNO ALL'ORIZZONTE

 

   (ANSA) - ROMA, 26 OTT - ''Non vedo rischi di crisi di governo

all'orizzonte, almeno in materia di giustizia''. Cosi' il

Guardasigilli, Angelino Alfano, oggi a margine di un convegno

organizzato al ministero sulla Giustizia, ha risposto ai

cronisti sul dibattito seguito alle dichiarazioni del presidente

della Camera, Gianfranco Fini.

   La possibilita' di riparlare sulla reiterabilita' il lodo

Alfano non e' una marcia indietro, ha risposto Alfano ai

cronisti a proposito delle sue dichiarazioni di ieri, ma solo

''una considerazione di buonsenso, poiche' le commissioni

parlamentari dovranno riunirsi per fare valutazioni ponderate,

senza improvvisazioni, anche secondo le indicazioni di

Napolitano, perche' il fine e' quello di tutelare le alte

cariche dello Stato''.

   Riferendosi alle polemiche di ieri, Alfano ha aggiunto:

''Fini ha ribadito che vuole approvare la legge per tutelare lo

svolgimento sereno delle funzioni delle alte cariche dello

Stato, questa e' la premessa a cui appendere ogni altro

argomento, perche' e' segno della volonta' di Fli di sostenere

il percorso parlamentare per la tutela delle alte cariche dello

Stato''. (ANSA).

Y84-FM/FV

26-OTT-10 12:43 

 

 

ZCZC

ADN0348 6 POL 0 ADN POL NAZ

 

GIUSTIZIA: ALFANO, SUL LODO NESSUNA MARCIA INDIETRO MA SOLO BUONSENSO =

 

      Roma, 26 ott. - (Adnkronos) - La disponibilita' sulla questione 

di reiterabilita' per il lodo Alfano non e' una marcia indietro ma 

''e' una considerazione di buonsenso''. Lo afferma il ministro della 

Giustizia, Angelino Alfano, spiegando che ''poiche' le commissioni 

parlamentari adesso devono riunirsi, la vicenda e' abbastanza 

complessa e ha visto anche l'intervento del presidente della 

Repubblica, in Commissione i gruppi parlamentari dovranno fare delle 

valutazioni ponderate, senza improvvisazioni, tenendo presente che il 

principio e' quello della tutela della alte cariche''.

 

      Il guardasigilli, che ha parlato al termine di una conferenza 

stampa presso il ministero della Giustizia, ha commentato anche le 

recenti affermazioni del presidente della Camera Gianfranco Fini. 

''Fini -ha detto Alfano- ha ribadito la volonta' di approvare una 

legge che tuteli il sereno svolgimento delle funzioni delle alte 

cariche dello Stato''.

 

      Per Alfano, ''quella e' la premessa a cui appendere ogni altro 

ragionamento. Se si capovolgono i termini della questione -aggiunge- 

e' chiaro che ci si complica ancora di piu' la vita. Ma se si mette a 

premessa cio' che premessa rappresenta -conclude il ministro- sia la 

volonta' di Fli di sostenere un percorso parlamentare che dia tutela 

alle alte cariche, si mette tutto nell'ordine logico ragionevole''.

 

      (Mli/Ct/Adnkronos)

26-OTT-10 12:50

 

 

ZCZC

AGI0326 3 CRO 0 R01 / 

 

GIUSTIZIA: ADDIO ALLE VECCHIE CARTE, FASCICOLO INFORMATIZZATO =

(AGI) - Roma, 26 ott. - Addio alle carte, alle fotocopie, ai

timbri, agli spostamenti continui da un corridoio all'altro, da

una stanza all'altra. Il fascicolo giudiziario diventa

informatizzato, grazie al sistema di gestione documentale per

le procure della Repubblica, che si chiama 'Aurora'. Il

sistema, fortemente voluto e finanziato con otto milioni di

euro dalla Regione Puglia, dopo un periodo di sperimentazione

presso le procure di Bari e di Lecce, e'  stato acquisito dal

Ministero della Giustizia che lo mettera' a disposizione di

tutte le procure italiane. Il progetto e' stato presentato a

Roma, al Ministero della Giustizia, dal ministro Angelino

Alfano, dal governatore della Regione Puglia, Nichi Vendola,

dai procuratori di Bari e Lecce, Antonio Laudati e Cataldo

Motta. 

    "Insieme - ha detto il ministro Alfano - stiamo dimostrando

che c'e' una giustizia che cammina oltre le polemiche.

L'obiettivo e' quello di mettere al centro il cittadino. In

Italia ci sono nove milioni di procedimenti che coinvolgono tra

i 16 e i 18 milioni di persone, cittadini che aspettano una

risposta di giustizia. Questo progetto mettera' al servizio del

pubblico tutte le tecnologie disponibili". (AGI)   

Vim/Chi  (Segue)

261332 OTT 10

 


ZCZC IPN 174

POL --/T 

GIUSTIZIA: FUGA NOTIZIE, ALFANO "SPERO SEPARAZIONE PM E GIORNALISTI.."

ROMA (ITALPRESS) - "Auspico ci sia una separazione della carriere

tra i pubblici ministeri e i giornalisti...". Con una battuta il

ministro della Giustizia, Angelino Alfano, ha affrontato il tema

della fuga di notizie dalle procure, in occasione della

presentazione del progetto "Auror@". La digitalizzazione degli

atti non metterebbe comunque a riparo da questa pratica, perche'

"ci potrebbero anche essere - ha aggiunto Alfano - Pm che passano

non piu' le carte ai giornalisti ma la pennetta".

(ITALPRESS).

ror/ads/red

26-Ott-10 13:28

 

 

ZCZC

AGI0331 3 CRO 0 R01 / 

 

GIUSTIZIA: ADDIO ALLE VECCHIE CARTE, FASCICOLO INFORMATIZZATO (2)=

(AGI) - Roma, 26 ott. -  Nichi Vendola ha sottolineato che non

gli capita tutti i giorni di avere un buon rapporto con i

ministri del governo, soprattutto in materia di giustizia, ma

che questa e' una occasione particolare ed ha espresso la

propria gratitudine al ministro Alfano per aver dato un

contributo fondamentale al progetto voluto dalla Regione Puglia

e adottato dal Ministero della Giustizia. 

    "Abbiamo vissuto una esperienza stimolante - ha detto

Vendola - che ha sviluppato la smaterializzazione del fascicolo

giudiziario. Prima avevamo armadi gonfi e traboccanti di

incontinenza cartacea. L'idea di poter liberare la giustizia

del fardello del cartaceo e' un obiettivo veramente

importante". 

    Il procuratore Motta ha sottolineato come tutti i documenti

di ogni singolo processo verranno scannerizzati e messi a

disposizione di tutte le parti ottimizzando cosi' i tempi, che

passano da tre anni, tempo necessario per mettere a

disposizione delle parti un fascicolo, a venti giorni. Il

procuratore Laudati ha chiuso sottolineando come "non dobbiamo

catturare solo i latitanti, ma anche la fiducia dei cittadini". 

    E sul pericolo di fughe di notizie, Angelino Alfano ha

rassicurato la platea, spiegando che fino a questo momento le

fughe erano avvenute sul cartaceo ed e' da dimostrare che

possano accadere anche con l'informatica. "Con la

digitalizzazione del fascicolo - ha chiosato - probabilmente si

produrra' una separazione delle carriere tra alcuni pubblici

ministeri e alcuni giornalisti". (AGI)

Vim/Chi

261339 OTT 10

 

 

ZCZC IPN 181

POL --/T 

GIUSTIZIA: ALFANO "SIA CAPACE DI METTERE AL CENTRO IL CITTADINO"

ROMA (ITALPRESS) - "La Puglia sia la regione di laboratorio per la

sperimentazione del 'processo breve'". E' l'auspicio del

presidente della regione Nichi Vendola che ha presentato a Roma

con il ministro della Giustizia Angelino Alfano il progetto

"Auror@" sperimentato dalle procure di Bari e Lecce. Il progetto

realizzato in sinergia tra la Regione e il ministero ha

l'obiettivo di digitalizzare e classificare gli atti processuali

dal sorgere del fascicolo presso l'ufficio del Pm e quindi ridurre

i tempi del processo. "Siamo passati dal piagnisteo al progetto -

ha spiegato il ministro Alfano- la speranza e' che ci sia una

giustizia capace di mettere al centro il cittadino, dandogli un

servizio migliore piu' efficiente ed efficace". 

Il guardasigilli ha ricordato che nel 2010 l'amministrazione

giudiziaria ha impiegato 4 mila dipendenti per 28 milioni di

notifiche: "non si capisce perche' i giovani viaggiano su Internet

e le amministrazioni alla velocita' della carta - ha aggiunto

Alfano -. Grazie all'avanzamento telematico, che oggi investe 24

distretti giudiziari su 26, siamo passati dalle mille e duecento

comunicazioni telematiche del 2007 alle 5 mila del 2010". 

La regione Puglia ha finanziato con 8,250 milioni il progetto

"Auror@" e altri sempre di supporto alle procure. "Mentre la mafia

continuava a navigare su Internet, lo Stato usava ancora il

pallottoliere - ha commentato sarcastico il governatore Vendola -

dobbiamo interrompere questo metodo e liberare la giustizia dal

fardello del cartaceo". 

(ITALPRESS) - (SEGUE).

ror/ads/red

26-Ott-10 13:39

 

 

ZCZC IPN 182

POL --/T 

GIUSTIZIA: ALFANO "SIA CAPACE DI METTERE AL CENTRO IL CITTADINO"-2-

Tra gli obiettivi del progetto c'e' quello di modernizzare gli

uffici giudiziari grazie alla creazione del fascicolo digitale e

la gestione informatica dei flussi di informazioni relativi ai

documenti. Grazie a questo processo la Puglia sta sperimentando il

"processo breve" riducendo i tempi operativi degli Uffici.

"L'approccio polemico della giustizia e' circoscritto al dibattito

politico - ha detto Alfano - ma la realta' e' fatta di luoghi di

efficienza e di progetti sperimentali", mentre Vendola pensa di

"estendere il progetto a tutti i settori dell'amministrazione

giudiziaria". Soddisfatto dei risultati raggiunti il procuratore

capo di Bari: "la Puglia e' diventata laboratorio di giustizia -

ha detto Antonio Laudato - il nostro obiettivo e' quello che si

possa dare una risposta positiva senza aggravare di ulteriori

costi i cittadini".

(ITALPRESS).

ror/ads/red

26-Ott-10 13:39

 

 

ZCZC

DIR0224 3 POL  0 RR1 / DIR  

 

GIUSTIZIA. ALFANO CONTRADDICE TREMONTI: VENDOLA BRAVO SU FONDI UE

 

(DIRE) Roma, 26 ott. - La rivoluzione digitale entra nelle

Procure italiane con i soldi della Regione Puglia. Otto milioni e

250mila euro di fondi europei ha speso Nichi Vendola per

realizzare l'informatizzazione del processo penale, prima a Lecce

e poi a Bari. Quel progetto sara' trasferito ora dalla Puglia nei

distretti giudiziari di tutto il paese. Ma solo se il ministro

dell'Economia, l'anti-vendoliano Tremonti, lo finanziera'. 

   A via Arenula, la strana coppia Angelino Alfano-Nichi Vendola

illustra le virtu' del 'progetto Auror@': il processo si

dematerializza e diventa 'breve', non in virtu' di una norma

costituzionale ma per il trasferimento su supporti digitali di

migliaia e migliaia di pagine. Una 'rivoluzione' avviata a Lecce

e a Bari, prima nel campo penale e poi in ambito civile, e

destinata a diffondersi in tutti i distretti di giustizia. Il

vantaggio, per i cittadini, e' immediato: "Pensate cosa significa

fotocopiare un fascicolo di 1500 pagine per 80 avvocati in un

processo con 40 indagati", dice ai giornalisti il procuratore di

Bari Antonio Laudati. Con il nuovo sistema, il fascicolo

telematico rimane a disposizione delle parti per 20 giorni. Senza

bisogno di una sola fotocopia. Lo stesso dicasi per le notifiche.

In Italia, spiega il ministro Alfano, "quattromila dipendenti, i

cosiddetti 'camminatori', portano a destinazione 28 milioni di

notifiche ogni anno". Ora, aggiunge Laudati, quel personale

potra' essere utilizzato in altro modo.

   Ovvio, dunque, che il guardasigilli sia entusiasta della

collaborazione con la Puglia di Nichi Vendola, dalle cui casse

arrivano i soldi per realizzare il piano. "Passiamo dal

piagnisteo al progetto- dice- da quelli che affrontano i problemi

della giustizia solo in chiave polemica e quelli che si danno da

fare per offrire un servizio al cittadino". (SEGUE)

 

  (Rai/ Dire)

13:56 26-10-10

 

 

ZCZC2758/SXA

XRR11383

R CRO S0A QBXB

GIUSTIZIA: NASCE AUROR@,UN PASSO VERSO PROCESSO BREVE /ANSA

PARTE DA PROCURE PUGLIA PROGETTO FASCICOLO ACCESSIBILE VIA WEB

   (ANSA) - ROMA, 26 OTT - Rapidita', sicurezza ed efficienza.

Sono queste le parole chiave del progetto 'Auror@', presentato

oggi a Roma dal Guardasigilli Angelino Alfano e dal presidente

della Regione Puglia, Nichi Vendola, con il quale viene dato il

via ad un sistema di digitalizzazione dei documenti

dell'attivita' giurisdizionale del processo penale. A partire

dalle procure di Bari e Lecce sara' possibile accedere per via

telematica a tutto il fascicolo processuale penale per l'intero

arco del procedimento giudiziario, dalla notizia di iscrizione

del reato nei registri alla fase dibattimentale.

   In pratica, basta fotocopie di ogni anno, ma un accesso

diretto di avvocati, magistrati e cittadini autorizzati al sito

web delle Procure permettera' di abbattere tempi e costi

dell'intero ciclo produttivo della giustizia. ''Un moderno

sistema di scannerizzazione e catalogazione degli atti cartacei

- hanno spiegato oggi a Roma il procuratore di Bari, Antonio

Laudati,  e il procuratore di Lecce, Cataldo Motta - e di

acquisizione di documenti prodotti dallo stesso Ufficio in

formato digitale nel corso del processo, concorrono ad

alimentare il fascicolo digitale di pronta fruizione da parte

dello stesso pm che degli attori coinvolti nel processo, in

primi gli avvocati limitatamente, come e' ovvio, agli atti cui

agli stessi e' consentito di accedere''. 

   Il risultato sara' quello di ''consistenti risparmi'' sia in

termini economici che di tempi, un passo avanti, questo verso la

realizzazione in pratica, del processo breve e della ragionevole

durata del processo. ''La realizzazione del progetto con la

Regione Puglia e il presidente Vendola - ha detto il ministro

Alfano - dimostra che oltre le polemiche c'e' una giustizia che

cammina, con Vendola si dimostra che non serve il piagnisteo ma

progetti per andare avanti''. Dai dati del ministro Alfano

risulta che ''il sistema giudiziario italiano produce 28 milioni

di notifiche fatte sulle gambe di 4 mila dipendenti

'camminatori'''. Applicando questo progetto, presso tutte le

Procure si mettera' fine a questo circolo cartaceo. Bisogna

chiudere con ''l'incontinenza cartacea che rende impossibile una

risposta certa della giustizia'', ha detto Nichi Vendola, ''le

mafie sono in grado di dotarsi di strumenti moderni, mentre la

mafia navigava fino ad ora in Internet lo Stato la seguiva con

pallottoliere, per questo abbiamo bisogno di un sistema moderno

di antimafia''. (ANSA).

 

     Y84-FM/DGP

26-OTT-10 14:05

 

 

ZCZC

ADN0550 6 CRO 0 ADN CRO NAZ RPU

 

      GIUSTIZIA: DIGITALIZZAZIONE, ALFANO E VENDOLA PRESENTANO 'PROGETTO AURORA' =

      PUGLIA ALL'AVANGUARDIA NEL PROCESSO DI INFORMATIZZAZIONE DEGLI 

UFFICI GIUDIZIARI

 

      Roma, 26 ott. (Adnkronos) - Si chiama "Progetto Auror@" il 

portale web che consentira' alle parti del processo un accesso 

telematico agli atti e ai documenti che costituiscono il fascicolo 

digitale, eliminando montagne di carta, tempi morti, sprechi di 

risorse, e consentendo un migliore impiego di personale. A metterlo in

atto, all'avanguardia in Italia, e' la Regione Puglia, in particolare 

nelle Procure di Bari e Lecce. Ecco il perche' di una insolita e 

decisamente cordiale conferenza stampa congiunta, al ministero della 

Giustizia, con il guardasigilli, Angelino Alfano, e il governatore 

Nichi Vendola.

 

      "Uno di quei casi in cui il richiamo costituzionale alla leale 

collaborazione tra diversi poteri dello Stato si incarna in una 

esperienza positiva", spiega Vendola, aggiungendo di essere grato ad 

Alfano, perche' "non capita tutti i giorni di avere buoni rapporti con

i ministri". Al governatore replica il ministro: "c'e' una giustizia 

che lavora e cammina oltre le polemiche quotidiane", spiega, 

sottolineando come il progetto di digitalizzazione delle Procure, 

segni "il passaggio dal piagnisteo al progetto".

 

      Un progetto che consente, attraverso un moderno sistema di 

scannerizzazione e catalogazione del cartaceo e di acquisizione dei 

documenti prodotti in formato digitale, la rapida digitalizzazione e 

classificazione di tutti gli atti giudiziari non piu' coperti da 

segreto istruttorio. Questi saranno consultabili in rete attraverso 

parole chiave: in questo modo sara' creato un archivio informatico 

destinato a sostituire quello cartaceo. (segue)

 

      (Mli/Gs/Adnkronos)

26-OTT-10 14:18

 

 

ZCZC

ADN0559 6 CRO 0 ADN CRO NAZ RPU

 

      GIUSTIZIA: DIGITALIZZAZIONE, ALFANO E VENDOLA PRESENTANO 'PROGETTO AURORA' (2) =

 

      (Adnkronos) - Il prodotto, sviluppato sperimentalmente in 

Puglia, con un costo di poco piu' di 8 milioni di euro (che riguarda 

pero' anche altri progetti di informatizzazione della pubblica 

amministrazione), e' ora pronto per essere adottato come software 

ufficiale del ministero della Giustizia ed esteso ad altri uffici 

giudiziari italiani. Una rivoluzione che dovrebbe cancellare quelle 

"esperienze di tipo felliniano" a cui si assiste negli uffici 

giudiziari, secondo la definizione di Vendola, per il quale, 

"all'incontinenza cartacea spesso corrisponde l'impossibilita' di 

soddisfare la domanda di giustizia dei cittadini"

 

      Di "mettere al centro la persona" parla anche il ministro Alfano

per il quale, "il processo breve e' anche e soprattutto la riforma che

avviene nei nostri uffici giudiziari". Il guardasigilli auspica un 

sistema all'insegna della modernita', "non si capisce perche' i 

cittadini viaggino alla velocita' di Internet e la giustizia a quella 

della carta e della penna" in cui "il procuratore non e' solo un 

raffinato giurista, ma anche un abile organizzatore di mezzi e 

uomini".

 

      Soddisfatti anche il procuratore capo di Bari, Antonio Laudati e

quello di Lecce, Cataldo Motta, presenti alla conferenza stampa, che 

sottolineano il ruolo della Puglia come "laboratorio di Giustizia" e 

il grosso alleggerimento per l'organizzazione degli uffici giudiziari,

grazie al Progetto. Quanto al rischio di fuga di notizie che potrebbe 

derivare dalla digitalizzazione, Alfano spiega che "bisognera' mettere

in atto la tracciabilita' informatica" degli utenti del servizio. 

Infine, il guardasigilli si concede una battuta: "la vera separazione 

delle carriere e' quella tra alcuni Pm e alcuni giornalisti...".

 

      (Mli/Gs/Adnkronos)

26-OTT-10 14:23

 

 

 

ZCZC6664/SXR

XCI14953

R CRO S45 QBKS

GIUSTIZIA: ALFANO, MERITO AUROR@ ANCHE DI CASTELLI E FITTO

(V. 'GIUSTIZIA: NASCE AUROR@, UN PASSO VERSO...' DELLE 14:05)

   (ANSA) - ROMA, 26 OTT - Con il Progetto Auror@ sulla

digitalizzazione dei documenti del procedimento penale nelle

procure pugliesi,''gli Uffici giudiziari hanno accolto la guida

ministeriale che fa innovazione e sicurezza capitalizzando gli

investimenti e adottando un sistema all'avanguardia, il piu'

sicuro possibile e che garantisce l'indipendenza degli uffici

giudiziari''. Lo ha detto il Guardasigilli Angelino Alfano

sottolineando, tra l' altro, come il progetto sia il risultato

di un lavoro collettivo tra Ministero e Regione Puglia ''avviato

dai nostri predecessori, l'ex ministro Roberto Castelli e l'ex

presidente della Puglia Raffaele Fitto''.  (ANSA).

 

     Y84-FM

26-OTT-10 18:51