salta al contenuto

www.giustizia.it

martedì 5 dicembre 2017

Neonazisti: Orlando, riallineare la normativa esistente

"C'è da chiedersi se gli attuali strumenti normativi siano adeguati e se vengono utilizzati abbastanza".

Il Ministro della Giustizia Andrea Orlando interistato da Paolo Berizzi su  La Repubblica, ragiona sulla necessità di attuare una ricognizione sulle leggi specifiche, sulla loro interpretazione e applicazione, sulla necessità che si faccia "un salto di qualità",  non guardando solo all'aspetto soggettivo, cioè a ciò che questi gruppi neonazisti o neofascisti sostengono di essere, ma "all'aspetto oggettivo. Ai valori, chiamiamoli così, di cui si fanno portatori".

Il guardasigilli, quindi, riconosce l'opportunità di rilallineare la normativa esistente, "capire se ci sono problemi tecnici che rendono difficile e rara l'incriminazione", ma allo stesso tempo ritiene indispensabile che proprio nella società si risvegli un sentimento di riprovazione, che "un tempo faceva da argine a certe derive".
 
[fea]