salta al contenuto

www.giustizia.it

martedì 5 settembre 2017

Orlando: soddisfatto risultati civile, ora tocca al penale

"In campo civile possiamo essere soddisfatti dei risultati raggiunti. Il bilancio è certamente positivo, soprattutto per merito dell'informatizzazione, nella quale abbiamo investito per quasi un miliardo di euro. Stiamo portando l'informatizzazione anche nel penale, attraverso un pacchetto straordinario di interventi sulla digitalizzazione degli atti, il rinnovo degli strumenti informatici e la specializzazione del personale". In un'intervista al Corriere della Sera, rilasciata a Giovanni Bianconi, Andrea Orlando parla delle riforme varate e dei risultati raggiunti nel civile e nel penale.

Su quest'ultimo settore, in particolare, il guardasigilli ricorda anche le 1.800 assunzioni di personale avviate e l'imminente immissione di altri 2.500 "nativi digitali, cioè preparati alle novità del processo telematico"; e poi i concorsi in magistratura, il calo delle pendenze, gli interventi su prescrizione e impugnazioni, sulla giustizia riparatrice e la procedibilità.

Per quanto riguarda il settore penitenziario Orlando annuncia che "entro la metà di settembre presenteremo la prima parte dei decreti delegati sulla riforma carceraria: la personalizzazione del carcere e delle pene alternative aiutano ad abbassare la recidiva". E una diminuzione dei reati potrà venire anche dall'approvazione dello ius soli: "Avere dei cittadini anzichè degli apolidi senza radici nel Paese di provenienza ed emarginati in quello in cui vivono significa aumentare le possibilità di controllo sociale e civile".

 

[MB]