salta al contenuto

www.giustizia.it

domenica 29 ottobre 2017

Caporalato: Orlando, la legge funziona

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando

"Una legge che sta funzionando bene, per contrastare abusi inaccettabili sulle persone, per combattere chi bara e per difendere gli imprenditori onesti. Ce lo dicono magistrati e forze dell'ordine. E ora sono convinte anche alcune associazioni agricole che un anno fa ci criticavano". Il ministro della Giustizia Andrea Orlando, in un'intervista rilasciata ad Antonio Maria Mira su Avvenire oggi in edicola, spiega perchè, a distanza di un anno dalla sua approvazione, la nuova legge in materia di caporalato abbiano convinto tutti. "I segnali sono già positivi", afferma soddisfatto il Guardasigilli, anche perchè le nuove norme hanno "messo in moto meccanismi virtuosi sul fronte amministrativo e sulle politiche degli enti locali".

Quella sul caporalato e quella sugli ecoreati, varata due anni fa, sono "due norme strettamente collegate", sottolinea Orlando: "La lotta alla mafia si fa colpendo anche i suoi affari ed entrambe queste realtà lo sono, traffici di rifiuti e sfruttamento delle persone". Norme che aiutano gli imprenditori onesti, puliti, di qualità: "Il fatto che queste leggi orientino verso un modo di produrre sostenibile non è positivo solo da un punto di vista etico, ma anche dal punto di vista del brand Italia, che può trarre forza da questa impostazione".

 

‚Äč[LS]