salta al contenuto

www.giustizia.it

mercoledì 29 gennaio 2014

CARTOLINE DAL CARCERE
Insieme per la solidarietà: due Nazionali in campo

Logo squadra calcio Rebibbia

Venerdì 31 gennaio la Casa circondariale di Rebibbia ospita la partita amichevole fra due Nazionali: quella di casa, per l’appunto la Nazionale di calcio Rebibbia, e la Nazionale Italiana Jazzisti. Fondate entrambe nel 2013, esordiscono a distanza di poco tempo l'una dall'altra: i jazzisti incontrano la ben più conosciuta e collaudata Nazionale Cantanti proprio l’estate scorsa a Perugia, in occasione della 40^ edizione di Umbria Jazz; la squadra formata da detenuti ed agenti di Polizia penitenziaria incontra pochi mesi dopo a Roma la Nazionale Attori.

La squadra di Rebibbia, come abbiamo detto formata da agenti e detenuti, è nata dalla comune volontà di portare avanti il lavoro che procede oramai da tempo all’interno della struttura, con il coinvolgimento di tutte le componenti, e volto al reinserimento dei detenuti nella società.

Il Presidente della Nazionale Rebibbia, Massimiliano Baldoni, volontario in carcere da anni con l'Associazione Gruppo Idee, sottolinea "l'importanza di poter entrare in contatto con artisti di livello internazionale come in questo caso la Nazionale Jazzisti, che si sono dimostrati sensibili, partecipi e generosi nei confronti di una tematica sociale molto delicata come quella della detenzione". Allenatore e responsabile interno della squadra è l’Ispettore Luigi Giannelli che ricorda che "Attraverso il calcio si esprime la voglia di libertà, soprattutto quella interiore".

[PC}