salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 13 aprile 2012

Spoleto: ai fornelli per Cucinare in massima sicurezza
Verona: i detenuti diventano panettieri
Roma: a Rebibbia quadrangolare "per tirare fuori il meglio"

Copertina manuale Cucinare in massima sicurezza

Spoleto: ai fornelli per Cucinare in massima sicurezza
Oggi alle 18, presso Palazzo Mauri, grazie all'organizzazione del Comune, dell'Associazione Teodelapio e di CO.MO.DO., viene presentato il manuale di cucina Cucinare in massima sicurezza realizzato da un gruppo di detenuti, ospiti della Casa di reclusione di Spoleto. Com'è facile immaginare i detenuti devono cucinare con ciò che è nelle loro disponibilità, sia come alimenti sia come strumenti da cucina che possono detenere: quindi questo è non solo un manuale di ricette ma anche la descrizione degli utensili utilizzati (che generalmente nei libri di cucina non vengono indicati, perché è ovvio che si posseggano), degli oggetti che hanno cambiato di destinazione, come un paio di lacci che sono diventati spago per arrosti o il manico d'una scopa che è diventato l'altrettanto nobile mattarello, o ancora di come uno stipetto possa trasformarsi in un forno.

La presentazione prevede, oltre agli interventi di Alba Beni, designer sociale, e di Sabrina Flamini, antropologa, la lettura di cinque ricette da parte di altrettante attrici della Scuola di teatro Teodelapio e, infine, la realizzazione con degustazione da parte degli ospiti, di una di queste.

[FEA]



Verona: i detenuti diventano panettieri

E' stato inaugurato, all'interno del carcere di Montorio, il nuovo laboratorio per la formazione professionale di panificatori che permetterà il recupero e il reiserimento socio-lavorativo delle persone detenute del carcere veronese.

La struttura è stata realizzata grazie al finanziamento della Fondazione Cariverona e rientra nell'ambito del Progetto Esodo. Durante la cerimonia di inaugurazione la Garante dei diritti delle persone private della libertà personale, Margherita Forestan, ha voluto porgere un ringraziamento particolare all'Associazione Panificatori di Verona, sottolineando che la loro comprensione e disponibilità permetterà ai tanti che potrenno avvalersi di questo laboratorio-scuola di guardare al loro futuro con maggiori prospettive.

[GL]



Roma: a Rebibbia quadrangolare "per tirare fuori il meglio"
 Si è svolto, all'interno della casa circondariale Rebibbia Nuovo Complesso, il quadrangolare di calcio, promosso dalla Effegi Italia Spa in collaborazione con l'Ufficio del Garante dei detenuti.

La manifestazione, denominata Libertà di costruire, ha visto come protagoniste quattro compagini formate da detenuti, consiglieri di Roma Capitale, agenti di Polizia penitenziaria e dipendenti della Effegi Italia. Ad arbitrare il torneo l'ispettore Luigi Giannelli, da sempre attivo nel settore sociale per il recupero delle persone detenute.

L'iniziativa, come ha sottolineato l'Amministratore unico della Effegi Italia Spa Federico Galoni, mette in risalto che "per lavorare in carcere bisogna essere un'unica e compatta squadra con unità di intenti e volontà di tirar fuori il meglio da tutti quanti i soggetti in campo. Oggi queste quattro squadre, tutte assieme, nel rispetto della differenza dei ruoli, hanno sfidato il destino per far vincere la vita".

[GL]