salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 24 febbraio 2012

Teatro: I miserabili in tournée nelle carceri
Tessere trame: le detenute leggono a voce alta
Cena galeotta: in carcere con gusto

Locandina spettacolo Valjean (fonte:www.comune.moncalieri.to.it)

Teatro: I miserabili in tournée nelle carceri

Moncalieri. Con la rappresentazione di questa sera si chiude l’anteprima nazionale di Valjean di Fulvio Crivello, iniziata il 21 febbraio presso il teatro Matteotti. Progetto di teatro sociale pensato per gli Istituti Penitenziari e sostenuto dal ministero della Giustizia, è un musical liberamente ispirato a Les Miserables di Victor Hugo e ideato dall’Associazione 9430 che vuole mostrare l’importanza di essere fedeli ai propri ideali e alla propria volontà di riscatto per raggiungere qualunque obiettivo.

Valjean, oltre ai diversi teatri italiani che visiterà nella prossima stagione 2012/2013,  prevede anche diverse date negli istituti penitenziari italiani per portare ai detenuti il messaggio contenuto nei concetti chiave del musical: il coraggio, la dignità umana, la volontà di riscatto, la perseveranza che può aiutare l'uomo a ribaltare anche il destino più avverso.


Tessere trame: le detenute leggono a voce alta

Piacenza. La passione per l’arte, per la cultura e l’impegno civile, hanno portato gli operatori dell’associazione Tessere Trame a varcare il cancello del carcere di Piacenza, appena fuori città, per provare a portare, nella sezione femminile, un piccolo contributo. Con la mediazione dell’ASP – Servizi alla Persona, sono stati organizzati tre incontri sulla lettura e la scrittura dedicati alle detenute, con l’intento di dimostrare l’importanza della lettura; l’importanza di leggere a voce alta e, attraverso l’ascolto della parola, imparare ad usarla per poi scriverla. Ovviamente i propositi fatti al di là del cancello sono stati inevitabilmente modificati e adeguati alle richieste che da quest’altra parte le detenute hanno avanzato. Lentamente sono cadute diffidenze e sbarre; la parola scritta è stata letta, poi scritta e ancora letta in un cerchio magico fatto di amore, rabbia e speranza.


Cena galeotta: in carcere con gusto

Volterra. Il quarto appuntamento delle cene galeotte si tiene stasera dalle ore 19:30 nel Carcere cittadino e questa volta a coadiuvare i cuochi-detenuti è lo chef Sergio Maria Teutonico, noto anche per la serie televisiva Chef per un giorno.

Si inizia con un gustoso aperitivo nel cortile della fortezza, sotto le mura antiche, per poi passare nella sala da pranzo, per l’occasione allestita nella Cappella illuminata dalla luce delle candele. Il servizio in cucina e in sala è interamente affidato ai detenuti, regolarmente retribuiti dalla Unicoop di Firenze che fornisce anche tutte le materie prime, ed il ricavato interamente devoluto alla campagna Il cuore si scioglie.
 
[FEA]