salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 17 dicembre 2010

Opera: va in scena La luna sulla capitale
Acireale: un teatro e una cucina per fare
In&Out

Immagine dello spettacolo La luna sulla Capitale

Opera: va in scena La luna sulla capitale

I cancelli del carcere di massima sicurezza di Opera sono stati aperti al pubblico la sera del 15 dicembre in occasione dello spettacolo La luna sulla capitale. Protagonisti i detenuti che hanno partecipato alla quarta edizione del Laboratorio del Musical, il cui risultato è una rappresentazione divertente ed avvincente, curata dalla cantautrice e regista Isabella Biffi, in arte IsaBeau.

Lo spettacolo racconta la storia di Richard: un ragazzo di 14 anni nato in una famiglia di spazzacamini e orfano di madre. Una notte, lo stesso, sogna la madre che lo incoraggia ad andare in città, a studiare, a crescere, e a diventare un uomo di valore; solo così potrà essere di aiuto vero alla sua famiglia. Dopo tanti dubbi e scontri, la famiglia decide di lasciarlo andare in città e la sua avventura ha inizio. Anni difficili, faticosi, per poi assaporare la Luna sulla capitale (metafora utilizzata per indicare che non esiste gioia vera senza sacrificio).

Il Laboratorio, promosso da regione Lombardia, provveditorato regionale dell’Amministrazione Penitenziaria con la casa di reclusione Milano Opera, realizzato dal Consorzio EX.it in partenariato con l’Associazione Culturale Live Europe, promuove ogni anno un evento straordinario aperto al pubblico esterno, il cui ricavato è devoluto in beneficienza a sostegno di diversi progetti sociali.

L’incasso di quest’anno è destinato a sostenere l’attività della Fondazione Rava ad Haiti, per la costruzione di una casa di accoglienza per bambini rimasti orfani dopo il terremoto dell’anno scorso. Il valore sociale di questa iniziativa è quindi doppio, con questo spettacolo gli attori/detenuti intendono abbandonare l’isolamento del carcere e promuovere la logica del “fare per non dimenticare”. Per questo motivo a partire dal prossimo mese di gennaio sarà avviata una rassegna a cadenza mensile a favore delle Onlus che ne faranno richiesta.

[MCF]


Acireale: un teatro e una cucina per fare In&Out

Il progetto In&out, avviato alla fine del 2008 grazie alla collaborazione tra la regione Sicilia e il ministero della Giustizia per la realizzazione di percorsi educativi negli Ipm dell’isola, vede i suoi frutti. Nei giorni scorsi sono stati inaugurati un teatro e una cucina didattica presso l'istituto minorile di Acireale. A celebrare l'evento, gli stessi minorenni reclusi, che si sono improvvisati guide per gli ospiti attraverso una mostra delle attività realizzate con il progetto.

La cucina didattica è stata ironicamente battezzata col nome Al fresco ed ha da poco ospitato un corso di cucina per i ragazzi. La sala teatro, invece, porta il nome di Don Biagio Catania, figura di spicco della comunità cattolica di Acireale, nonchè cappellano della prigione scuola e del riformatorio giudiziario.

Incoraggiante la testimonianza di Carmelo, 21 anni, che da un anno usufruisce di un permesso giornaliero per andare a lavorare in una falegnameria e che, grazie a questo apprendistato, ha realizzato il palco del teatro."Una parte della mia vita è cambiata - ha detto - e quando uscirò da qui mi dedicherò al mondo del lavoro e non a quello della strada. Per questo ringrazio la direttrice, gli educatori e la polizia penitenziaria".

Hanno preso parte alla cerimonia inaugurale anche l'ex vescovo di Acireale Giuseppe Malandrino, l'ex direttore della struttura Corrado Casto, referente per la Sicilia orientale del Centro Giustizia Minorile e la direttrice dell'Ipm Carmela Leo. Felice il giudizio di quest'ultima sul progetto che "è andato benissimo e ha coinvolto il personale e i ragazzi, ai quali abbiamo offerto una opportunità per tirar fuori il meglio da sé stessi, e uno strumento per inserirsi nel mondo del lavoro".

L'iniziativa si concluderà a gennaio 2011 e finora ha permesso a 17 ragazzi di beneficiare di 50 borse lavoro e di seguire corsi di ceramica e cucina, altri quattro hanno ottenuto la semilibertà.

[DL]