salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 21 luglio 2017

Teatro in carcere - La scena estiva

La compagnia "Opera liquida"

L'estate, com’è noto, non è una stagione molto amata dalle persone detenute: chiudono le scuole e le altre attività, diminuiscono le visite, rallenta il servizio postale. Personale, volontari, parenti e amici vanno in ferie assieme al resto del mondo libero. Sono sempre di più, tuttavia, le iniziative delle " Estati" cittadine che a luglio e ad agosto creano occasioni di animazione culturale negli istituti penitenziari, portando eventi all'interno oppure offrendo una platea esterna a spettacoli realizzati da compagnie di Teatro - carcere.

A Milano, dopo “Il lupo e i sette capretti” e “Nonostante voi. Storie di donne coraggio”, il Festival di teatro e Teatro e carcere Prova a sollevarti dal suolo 2017 ha presentato ieri sera al Parco Idroscalo “Undicesimo comandamento – Uccidi chi non ti ama”. Liberamente tratto dall’omonimo romanzo di Elena Mearini, lo spettacolo è una riflessione sul tema della violenza sulle donne ed un’esortazione a reagire nella legalità. Gli interpreti sono detenuti ed ex detenuti della Compagnia Opera Liquida e Maria Chiara Signorini diretti da Ivana Trettel.
La rassegna, giunta alla VI edizione, è rivolta a un pubblico misto detenuti e “civili” e si svolge fra il Teatro Stabile del Carcere di Opera e lo Spazio In Opera Liquida del Parco Idroscalo.

A Roma, anche la rassegna Cinema a righe17 realizzata dal Teatro a righe con il contributo della Regione Lazio, si rivolge  un pubblico misto di liberi e reclusi, sia pure in ambienti separati: la casa circondariale di Regina Coeli, la Casa internazionale delle donne e la libreria Odradek. Dedicata "al cittadino debole, all’escluso - dal detenuto al disabile psichiatrico, al migrante (...) nell’intento di prevenire la marginalizzazione con lo strumento filmico", la rassegna si svolge dal 21 luglio al 5 agosto, con dodici proiezioni e un workshop di otto incontri sui mestieri del cinema.
Avvio della manifestazione stasera a Regina Coeli con la proiezione de "La pazza gioia" di Paolo Virzì.

A Volterra, grande attesa per "Le parole lievi. Cerco un volto che avevo prima che il mondo fosse creato", preludio del nuovo lavoro della Compagnia della Fortezza ispirato all'opera di Jorge Luis Borges, in scena dal 25 al 29 luglio nel teatro del carcere. [AB]