salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 9 luglio 2010

Roma: minori realizzano un giardino dell’antica Roma
Montacuto: corso di conduttori di caldaie per i detenuti

Logo centro giovani La Bulla

Roma: minori realizzano un giardino dell'antica Roma

Roma. Da quindici anni la cooperativa sociale Cecilia porta laboratori di storia e di archeologia nelle carceri. Ora i minori del centro La Bulla sottoposti a provvedimento dell’Autorità giudiziaria presentano al pubblico un antico giardino romano in stile pompeiano presso il Museo della Civiltà romana, nel cuore dell’Eur. Il progetto, nato nel 2000, è stato realizzato dalla cooperativa sociale Cecilia, in collaborazione con la Sovrintendenza ai Beni culturali - Assessorato alla Cultura e alla Comunicazione del comune di Roma.

Il responsabile dell’area giustizia della cooperativa sociale Cecilia nonché ideatore del progetto Lillo Di Mauro ha spiegato come la ricostruzione del giardino romano permetta ai ragazzi “non solo di fare un lavoro di pubblica utilità, ma anche di usufruire di diversi tipi di formazione”. In dieci anni sono stati circa 100 i ragazzi che hanno potuto usufruire di “formazione rispetto alla botanica e al giardinaggio, imparando al tempo stesso a fare copie delle statue, degli oscilla e degli affreschi sulle pareti”. Il giardino si è poi trasformato in un laboratorio permanente, dove i giovani sottoposti a provvedimenti dell’Autorità giudiziaria continuano a lavorare per la manutenzione di arbusti e fiori in uso nel periodo dell’antica Roma, intraprendersi artisti con affreschi, statue e oscilla e allo stesso tempo formarsi e svolgere un’attività di pubblica utilità.

Come gli artisti che proprio nell’antica Roma, grazie all’orazione con cui nel 62 a.c. Cicerone difese il poeta Aulo Licinio Archia con un elogio all’arte e alla letteratura, riuscirono a riscattare un importante status sociale, i ragazzi del centro La Bulla, attraverso l’arte, portano avanti un progetto di recupero e formazione e tramite la cultura e la formazione professionale riescono a reinserirsi nella società.

La cooperativa sociale Cecilia ha in cantiere un secondo progetto, in collaborazione con la Sovrintendenza ai Beni culturali e l’Università La Sapienza di Roma: la ricostruzione dell’antico ambiente floristico nel periodo pleistocenico intorno al Museo pleistocenico della Valle dell’Aniene.


Montacuto. Corso di conduttori di caldaie per i detenuti

Da giugno i detenuti di Montacuto sono tornati sui banchi per diventare conduttori di caldaie e impianti termici.

75 ore di lezioni teorico-pratiche per far acquisire ai partecipanti conoscenze e competenze nell’ambito della riparazione e manutenzione di impianti termici nelle abitazioni e nei luoghi pubblici. È previsto un esame finale per chi raggiungerà le competenze e le conoscenze adeguate all’ottenimento del patentino di abilitazione alla conduzione degli impianti.

Il corso, proposto da Cna Ancona e realizzato in collaborazione con Formart, ente di formazione della Cna regionale, è finanziato nell’ambito del programma di interventi in materia penitenziaria, previsto dall’ambito territoriale sociale XI di Ancona e si avvale di uno stanziamento della Regione Marche. Gianluca Teodoro, presidente Cna di Ancona, spiega così il progetto: “La nostra proposta progettuale intende fornire agli allievi una concreta opportunità di migliorare il proprio bagaglio culturale e di nozioni tecniche, mettendoli in condizione di migliorare di conseguenza la propria situazione una volta usciti dalla struttura carceraria, grazie a una formazione su una materia piuttosto richiesta nel mercato del lavoro”.

Aiutati dai docenti, tutti artigiani esperti, i detenuti di Montacuto seguiranno così un percorso di formazione che potrà garantire loro, una volta liberi, una chance in più per il reinserimento sociale, attraverso una cultura al lavoro che, come sostenuto dalla segretaria Cna Ancona Lucia Trenta, diventa mezzo fondamentale di risocializzazione, fonte di sostegno lecito e leva fondamentale per la riabilitazione di persone detenute che va sostenuta con iniziative a diversi livelli.

[BT]