salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 6 febbraio 2009

Enna: scuola d'arte del mosaico in carcere - Pesaro: in vetrina i lavori dei detenuti

6 febbraio 2009
ENNA: SCUOLA D'ARTE DEL MOSAICO IN CARCERE

Grazie alla collaborazione tra l'istituto penitenziario di piazza Armerina e la scuola media Cascino, proseguono anche in questo anno scolastico le iniziative didattiche per il conseguimento di diplomi di licenza media ed elementare e gli interventi educativi e i percorsi formativi a favore dei detenuti, come il progetto Laboratorio di Mosaico: reintegrazione sociale del detenuto, curato dal tutor Ilenia Perspicace. L'iniziativa ha visto la partecipazione di molti detenuti di diversa nazionalità che hanno espresso nei lavori la propria fantasia, ispirati prevalentemente alle decorazioni romane e culminati nella realizzazione di un mosaico che è stato donato alla scuola che li ospita, a testimonianza di un proficuo contatto tra territorio e istituto penitenziario. La finalità di questi percorsi ha come obiettivo l'opportunità di riscatto, di recupero e di inserimento sociale del recluso.
[PM]
PESARO: IN VETRINA I LAVORI DEI DETENUTI

Alla presenza del sindaco Luca Ceriscioli, della direttrice del carcere Claudia Clementi e dalla presidente dell'Osservatorio permanente sulle carceri Silvia Lazzari, è stato inaugurato nei giorni scorsi un punto vendita di prodotti realizzati dalle detenute e dai detenuti della casa circondariale di Pesaro. In vetrina sono esposti lavori artigianali di falegnameria, ceramica, tipografia e poi ancora giochi e oggetti costruiti con materiali poveri riciclati e riutilizzati. Inoltre è possibile ordinare oggetti su misura, personalizzati in base alle esigenze dei clienti. Il locale, nel centro storico della città, è stato messo a disposizione dall'Amministrazione comunale e viene gestito per conto della direzione della casa circondariale dai volontari dell'Osservatorio permanente sulle carceri, che per tre anni hanno curato la promozione dei manufatti con la presenza mensile al mercatino dell'antiquariato.
[PM]