salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 9 gennaio 2009

Prap Napoli: concluso il progetto S.Ci.Volo.

image_15322
9 gennaio 2009
PRAP NAPOLI: CONCLUSO IL PROGETTO S.CI.VOLO.

Si è concluso a dicembre scorso il primo progetto di servizio civile nazionale predisposto dall'Ufficio Esecuzione Penale Esterna presso il Provveditorato Regionale Amministrazione Penitenziaria Campania e realizzato nell'Ufficio Locale di Esecuzione Penale Esterna di Napoli.
I volontari hanno partecipato a vari step formativi programmati, per contenuti e tempistica, in relazione alla progressiva acquisizione di competenze utili al servizio da espletare. A giornate d'aula si sono alternati incontri con realtà territoriali che interagiscono con l'Ufficio Locale, istituti penitenziari, Ser.T., comunità terapeutiche.
Tali esperienze, secondo quanto espresso dagli stessi giovani, sono risultate particolarmente significative a livello umano e professionale e hanno stimolato l'interesse ad approfondire alcuni aspetti delle problematiche emerse e in alcuni casi a produrre materiale utile all'utenza, come il Vademecum sui servizi di prima accoglienza per immigrati, senza fissa dimora e donne in difficoltà presenti nel territorio di Napoli e provincia e il Glossario per persone in misura alternativa, contenente le principali voci in materia penitenziaria.
Le attività svolte in rispondenza a quanto previsto dal progetto hanno riguardato l'aggiornamento della Banca Dati delle risorse territoriali, utili al reinserimento dei soggetti in esecuzione penale; il potenziamento del servizio di accoglienza, attraverso l'intrattenimento dei bambini che accompagnavano gli utenti dell'Ufficio Locale di Esecuzione Penale Esterna e il supporto, per questi ultimi, relativamente alla compilazione di curricula vitae.
Il servizio ha beneficiato notevolmente dell'impegno dei volontari, in quanto la presenza di "non addetti ai lavori" ha favorito la rilevazione di aspetti organizzativi e strutturali da potenziare ulteriormente o da migliorare. In conclusione, si è trattato di un'esperienza di servizio civile decisamente positiva, che ha indotto l'Ufficio Esecuzione Penale Esterna del Provveditorato Regionale Amministrazione Penitenziaria a formulare, per il 2009, un analogo progetto da realizzare presso gli altri Uffici Locali della regione.