salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 24 ottobre 2008

Carcere di Marassi: mostra fotografica "Mea Culpa" - Lecce: borse "made in carcere" - Livorno: i detenuti diventano arbitri di calcio

image_15305
24 ottobre 2008
CARCERE DI MARASSI: MOSTRA FOTOGRAFICA MEA CULPA
Genova. Sabrina Losso e Luisa Ferrari, artiste genovesi, espongono 60 fotografie in bianco e nero che mostrano i luoghi del carcere di Marassi. La mostra Mea Culpa illustra le celle, gli spazi e le attività dei deteuti e degli agenti nella loro quotidianità carceraria.
LECCE: BORSE MADE IN CARCERE
La casa circondariale di Borgo S.Nicola di Lecce ha allestito un laboratorio che confezione accessori di moda con il marchio Made in Carcere. Le deteute, utilizzando esclusivamente materiale riciclato creano borse, sacche e divversi oggetti destinate ad una utenza variegata. Le creazioni delle detenute si possono acquistare anche sul sito di Officina Creativa che sponsorizza l'iniziativa.
LIVORNO: I DETENUTI DIVENTANO ARBITRI DI CALCIO
I detenuti del carcere di Porto Azzurro frequenteranno il corso dell'AIA, Associazione Italiana Arbitri, per diventare arbitri di calcio. L'iniziativa, sponsorizzata dal Coni e dall'istituto di pena livornese, permette a 15 detenuti, dopo l'esame di abilitazione, di arbitrare in tutti i campionati dei settori giovanili della Figc fino ai dilettanti.
[GL]