salta al contenuto

www.giustizia.it

domenica 21 ottobre 2007

Verona: mostra dei detenuti del carcere di Montorio - Lavoro nell'inclusione sociale per ex detenuti

image_15258
21 ottobre 2007
VERONA: MOSTRA DEI DETENUTI DEL CARCERE DI MONTORIO

Si conclude oggi, al Centro Turistico Giovanile di via Santa Maria in Chiavica, la mostra quadri e sculture Tra mura les, l'arte in carcere, opere realizzate da detenuti del carcere di Montorio.
La rassegna organizzata dal Comune e Regione Veneto e dall'associazione di volontariato La Fraternità, è un appuntamento che si ripete ormai da diversi anni con dei corsi per i detenuti del carcere di Montorio, i quali con pennelli, colori, creta e argilla esprimono profonde emozioni e danno corpo alla loro creatività.
Le finalità di questa mostra sono di dare visibilità a questi lavori artistici portandoli all'esterno, riconoscendo così l'appartenenza del carcere alla città perché convinti che la collettività deve superare tante barriere mentali e pregiudizi nei confronti di chi sta vivendo o ha vissuto l'esperienza del carcere.
LAVORO NELL'INCLUSIONE SOCIALE PER EX DETENUTI

Siglato nei giorni scorsi un protocollo d'intesa tra Italia Lavoro e l'Associazione Generale Cooperative Italiane, che ha come obiettivo quello di incrementare le opportunità occupazionali per gli ex detenuti che hanno beneficiato dell'indulto, e, che aderiscono al progetto Lavoro nell'inclusione sociale degli ex detenuti beneficiari dell'indulto.
L'impegno da parte dell'associazione cooperativa prevede di ospitare 120 tirocini presso le proprie imprese cooperative operanti nelle 14 aree coinvolte nel progetto (Milano, Napoli, Catania, Messina, Venezia, Bari, Roma, Cagliari, Trieste, Bologna, Palermo, Genova, Torino, Firenze). La durata dei tirocini può variare da 4 o 6 mesi, durante i quali i presenti percepiranno un contributo mensile, mentre le aziende che li ospiteranno potranno ricevere un contributo per le attività formative, in caso di assunzione a tempo determinato di almeno 12 mesi o a tempo indeterminato.
Inoltre, qualora poi l'azienda dovesse assumere un tirocinante prima della fine del percorso formativo, i contributi mensili per i mesi di tirocinio non svolti andranno all'impresa stessa.