salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 8 giugno 2007

Augusta: detenuto docente al liceo Vittorini di Lentini - Modena: in mostra le opere artistiche dei detenuti

image_15244
8 giugno 2007
AUGUSTA: DETENUTO-DOCENTE AL LICEO VITTORINI DI LENTINI

Un detenuto della casa di reclusione di Brucoli, smetterà per una settimana i panni da recluso per indossare quelli da insegnante. La sua materia sarà "La Decorazione pittorica", l'arte di abbellire con la fantasia manufatti e simili, che egli ha imparato tra le mura del carcere. Un'esperienza che coinvolgerà i ragazzi dell'istituto lentinese e il docente stesso, inserita nell'ambito di un progetto presentato dallo stesso istituto scolastico dal titolo Acqua, terra e fuoco, laboratorio di decorazione su ceramica.
Inoltre, grazie alla direzione dell'istituto penitenziario, è stato avviata una collaborazione con il liceo scientifico megarese per la partecipazione dei detenuti ai corsi e ad altre iniziative che coinvolgano queste due realtà.
Tra le altre attività in programma, volte al recupero dei soggetti svantaggiati, sono previsti interventi degli operatori penitenziari rivolti agli allievi di Lentini e incontri-dibattito tra quest'ultimi e i detenuti frequentanti corsi scolastici all'interno dell'istituto penitenziario.
MODENA: IN MOSTRA LE OPERE ARTISTICHE DEI DETENUTI

Si svolge in questi giorni una mostra di opere artistiche realizzate da alcuni detenuti delle case circondariali di Rebibbia (Roma), di S. Anna (Modena), di Castelfranco Emilia, dell'Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Castiglione delle Stiviere (Mantova): pitture e serigrafie su tela, dipinti su carta, saranno esposti fino al 17 giugno, presso il Centro d'arte e cultura, chiesa di San Paolo (Modena). L'iniziativa promossa dalla Provincia Emiliana, dal titolo lo "Spazio Libero-Arte dei luoghi di reclusione" prevede anche diversi eventi collaterali, fra cui un seminario pubblico "Oltre il muro. Arte, creatività, esperienze dal mondo recluso", con rappresentazioni teatrali, letture di testi, visite guidate in carcere.