salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 25 maggio 2007

Carceri: reinserimento sociale, due progetti in Calabria - Roma: progetto orticultura per i detenuti di Rebibbia

25 maggio 2007
CARCERI: REINSERIMENTO SOCIALE, DUE PROGETTI IN CALABRIA

Il primo dei due progetti a Cosenza, dove l' U.E.P E. (Ufficio esecuzione penale esterna) ha siglato con l'amministrazione comunale il Progetto Pr.I.De. (Progetto Inclusione Detenuti) che ha in programma il reinserimento sociale di 60 ex detenuti. Alla sua realizzazione hanno contribuito anche i fondi stanziati sia dalla Provincia cosentina che dalla Regione Calabria.

Nel nuovo penitenziario di Vibo Valentia, invece, è stato inaugurato la scorsa settimana, un laboratorio informatico. Sono una decina le postazioni complete che consentiranno ai detenuti ammessi al programma di conseguire la patente europea del computer.
ROMA: PROGETTO ORTICULTURA PER I DETENUTI DI REBIBBIA

Si sono conclusi i corsi di formazione professionale in Orticultura che hanno visto la partecipazione di decine di detenuti, grazie alla collaborazione tra la Confederazione Italiana Agricoltura (CIA), il Garante Regionale dei Detenuti e la Direzione del carcere di Rebibbia. Sono coinvolti nel progetto i reclusi del carcere romano che realizzeranno un orto di circa un ettaro e mezzo all'interno dello stesso e la cura delle piante di ortaggi stagionali donate dalla Confederazione. I prodotti generati dalla terra serviranno per l'autoconsumo e per la vendita allo spaccio interno dell'istituto e inoltre si sta pianificando la vendita anche in qualche banco ortofrutticolo dei mercati rionali.

La formazione agricola dei detenuti ha reso possibile la creazione, a breve, di una Cooperativa sociale integrata che darà possibilità di lavoro ai detenuti in base all'articolo 21, che consente loro di uscire la mattina per lavorare e di rientrare la sera.
In tal senso è stato individuato un terreno agricolo di proprietà del Comune di Roma, e nei prossimi giorni l'Ufficio del Garante e CIA predisporranno un progetto di fattibilità per chiedere allo Stesso la disponibilità del terreno.