salta al contenuto

www.giustizia.it

sabato 5 maggio 2007

Rebibbia femminile: lavoro part-time per detenute

5 maggio 2007
REBIBBIA FEMMINILE: LAVORO PART-TIME PER DETENUTE

Grazie al progetto Percorsi Sartoriali, iniziato nel 2006, con il sostegno della direzione del carcere di Rebibbia Femminile e del Garante regionale per i diritti dei detenuti, al termine del percorso formativo due detenute sono state assunte part-time dalla cooperativa sociale Pantacoop, che fa parte del consorzio Lavoro e Libertà, con un contratto di lavoro a tempo determinato annuale.

Le due ragazze si occuperanno di produrre tendaggi e arredamenti per interni in un laboratorio specializzato appositamente creato in carcere. I lavori fanno parte di ordinazioni esterne che saranno poi rivendute sul mercato ed è per questo che il numero delle lavoratrici impegnate nella produzione potrà aumentare in un prossimo futuro, a seconda del volume delle commesse che arriveranno.

Un altro percorso innovativo, finalizzato al reinserimento sociale e lavorativo di due detenute dell'istituto penitenziario romano, sarà inoltre realizzato grazie al progetto Municipio a Porte Aperte, ideato e finanziato dal Municipio XI, con la partecipazione dell'associazione culturale Il Pavone.

Per la prima volta, una reclusa svolgerà un tirocinio formativo in un ente pubblico locale, come assistente delegata alle politiche sociali; l'altra, presso il termovalorizzatore dell'Ama. L'iniziativa è stata resa possibile grazie alla collaborazione tra direzione della casa Circondariale Rebibbia Femminile e Agenzia Lavoro Lazio.