salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 20 aprile 2007

Roma: progetto Lavoro nell'inclusione sociale - Puglia: INCIPIT per il reinserimento lavorativo - Uno sei sette, ragazzi campani in musical

image_15236
20 aprile 2007
ROMA: PROGETTO "LAVORO NELL'INCLUSIONE SOCIALE"

Inizia la fase attuativa del progetto promosso dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale in accordo con il Ministero della Giustizia e affidato a Italia Lavoro.
Centoquaranta beneficiari dell'indulto delle carceri di Roma e Provincia frequenteranno per sei mesi dei tirocini formativi retribuiti presso Aziende. Queste ultime riceveranno un contributo di mille euro per la formazione, a fronte dell'assunzione a tempo determinato (almeno un anno) o indeterminato degli ex-detenuti.
Entro breve sarà aperto un sito Internet per l'incontro tra domanda e offerta con schede d'adesione per le imprese che vogliono partecipare al progetto e per i beneficiari dell'indulto interessati a candidarsi.
PUGLIA: PARTE IL PROGETTO INCIPIT PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO

Inizia la fase operativa di IN.C.I.P.I.T ( Inclusione dei Condannati Indultati per l'Integrazione sul Territorio) realizzato dal Provveditorato Regionale dell'Amministrazione Penitenziaria.
La prima fase avviene con l'assunzione di otto beneficiari del provvedimento di clemenza, presso la Cooperativa Opera B di Bari che svolge per conto dell'AMIU attività di manutenzione e pulizia dei canali per il deflusso delle acque piovane.
La finalità del progetto è quella di dare concreta attuazione alle norme che riguardano il reinserimento sociale e coinvolgerà complessivamente 25 indultati delle province di Bari, Brindisi e Taranto dandogli la possibilità di svolgere per un anno un'esperienza lavorativa retribuita.
UNO SEI SETTE - DALL'AULA AL PALCOSCENICO: I RAGAZZI CAMPANI SI RACCONTANO IN UN MUSICAL
Si conclude oggi la settimana dedicata al Musical dal titolo Uno Sei sette - dall'aula al palcoscenico, un opera in musica, realizzata da venti ragazzi di età compresa tra i 14 e i 18 anni provenienti dai quartieri più difficili di Napoli e dell'area penale di Salerno e Santa Maria Capua Vetere.
Il progetto finanziato dalla Regione Campania, con il contributo del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, e attuato dall'Associazione Apeiron in partenrship con il Ministero della Giustizia - Dipartimento Giustizia Minorile - Centro Giustizia Minorile per la Campania e il Molise, il teatro Totò, l'associazione La Locomotiva e La Mansarda, si rivolge a tutti i minori, reclusi e non, che attraverso la cultura e il teatro possono esprimere se stessi e i loro problemi.
Lo spettacolo è il risultato di un anno di attività programmata attraverso parrocchie, servizi sociali e associazioni di volontariato, dove i giovani aspiranti attori sono stati formati come operatori teatrali, seguendo un corso di 400 ore sul palcoscenico del teatro di Totò di Napoli, studiando canto, recitazione, dizione, danza, scrittura teatrale, tecnica delle luci, scenotecnica, trucco e acconciature.