salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 23 marzo 2007

Ferrara: seminario Un fiore dietro le sbarre - Reggio Emilia: detenuti a scuola di restauro

image_15230
23 marzo 2007
FERRARA: UN FIORE DIETRO LE SBARRE, SEMINARIO CONCLUSIVO DEL PROGETTO CASA CIRCONDARIALE SOSTENIBILE


Lunedì 26 marzo alle ore 10, presso il carcere di Ferrara, si svolge il seminario conclusivo nato dal progetto Casa circondariale sostenibile, i cui frutti sono stati pubblicati in un manuale dal titolo Un fiore dietro le sbarre.

Le tematiche ambientali saranno analizzate in una tavola rotonda coordinata dal direttore dell'istituto penitenziario Francesco Cacciola. Prevista la partecipazione di politici locali oltre a operatori penitenziari, della scuola, delle Associazioni Papillon di Rebibbia Onlus e Antigone della Regione Emilia Romagna. Quest'ultima ha interamente finanziato l'iniziativa, creando all'interno del carcere un istituto di formazione al quale hanno partecipato 400 reclusi e 300 agenti di polizia penitenziaria, introducendo i concetti dello sviluppo sostenibile in un percorso rieducativo alla cittadinanza.

Il principale elemento di innovazione del progetto consiste nella creazione di un laboratorio sperimentale per coniugare le attività di informazione, di educazione ambientale e per coinvolgere i detenuti nell'impresa di ridurre i rifiuti con un risparmio energetico.

REGGIO EMILIA: DETENUTI A SCUOLA DI RESTAURO

L'arte come strumento di recupero sociale per favorire il reinserimento nel mondo del lavoro. Questo l'obiettivo del progetto La pulce al museo, destinato a formare nuove figure professionali nel campo del restauro archeologico.

L'iniziativa, finanziata dalla Provincia, gestita dal Centro Studio e Lavoro la Cremeria in collaborazione con il Comune di Reggio e la casa circondariale, presenta un'importante innovazione permettendo ad un gruppo di detenuti di uscire dall'istituto penitenziario per seguire l'iter formativo nel museo, lavorando fianco a fianco con specialisti del settore.