salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 2 marzo 2007

Roma: Mostra fotografica "Prisons" persone dietro le sbarre - Mestre: Adolescenze difficili, riflessioni e confronti per operatori sociali - Palermo, laboratorio "Arte del fare la pizza": all'Ipm Silvio Paternostro

image_15224
2 marzo 2007
Roma: Mostra fotografica "Prisons" persone dietro le sbarre
Il progetto "Prisons" realizzato grazie alla collaborazione del Comune di Roma e del ministero della Giustizia, aprirà ufficialmente al pubblico dal 1 al 30 marzo con la mostra fotografica allestita presso la Sala Santa Rita. "Prisons" immortala gli ambienti carcerari all'interno dei quali i detenuti si sono lasciati fotografare. Le suggestive immagini in bianco e nero, sono state raccolte tra il 2001 al 2005 dal fotografo Francesco Cocco e realizzate negli istituti di pena di Roma, Pisa, Prato, Torino, Milano, Modena, Bologna, Trani, Messina, Palermo, Alghero e Cagliari. E' stato anche realizzato un volume "Prisons" pubblicato nel 2006, con testi di Adriano Sofri e Renata Ferri.
Mestre: Adolescenze difficili, riflessioni e confronti per operatori sociali
Apre il 6 marzo con la proiezione del film "Nemmeno il destino" (ispirato ad un romanzo ambientato a Marghera) il primo dei quattro appuntamenti che affrontano il delicato tema dell'adolescenza nella nostra società. Dopo il film, l'approfondimento con il regista Daniele Gaglianone e lo scrittore Gianfranco Bettin, coordinato da Fabrizio Uliana del Centro Giustizia Minorile. Realizzata presso il Centro Culturale Candiani, l'idea nasce dalla collaborazione del Centro Giustizia Minorile e del Lions Club di Mestre.
Palermo, laboratorio "Arte del fare la pizza": all'Ipm Silvio Paternostro
Presso l'istituto penitenziario minorile Silvio Paternostro di Palermo, avrà luogo l'inaugurazione del laboratorio Arte di fare la pizza, destinato ai giovani reclusi. Oltre alle varie personalità politiche locali, è prevista la partecipazione del Direttore Angelo Meli del Centro Giustizia Minorile di Catanzaro e del Prefetto Salvatore Montanaro. Il progetto nasce grazie all'Amministrazione Comunale di Catanzaro e all'impegno assunto da Serenella Pesarin Direttore Generale per i minori del Ministero della Giustizia durante un'incontro avuto in carcere con i giovani ospiti. Le attrezzature sono fornite da note aziende italiane che tenuto conto del fine e dei destinatari dell'iniziativa ha applicato uno sconto pari al 50% sul listino prezzi. La copertura finanziaria è stata invece assicurata dalla Camera Penale Minorile Primo Polacco - Francesco Perrotta di Catanzaro.