salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 9 febbraio 2007

Sollicciano: una guida in 7 lingue per i detenuti - Forlì: progetto lavoro in carcere - L'Aquila: protocollo d'intesa in attività culturali per detenuti minori

image_15218
9 febbraio 2007
SOLLICCIANO: UNA GUIDA IN 7 LINGUE PER I DETENUTI STRANIERI

E' pronta la prima guida per i detenuti stranieri del carcere fiorentino. Tradotta in albanese, arabo, inglese, francese, spagnolo, rumeno e cinese, è uno strumento utile a far conoscere ai nuovi reclusi i loro diritti e i loro doveri. Realizzata dall'assessorato all'accoglienza del Comune di Firenze e dalla direzione del nuovo complesso dell'istituto, oltre a trattare argomenti quali la tutela della salute in carcere e le leggi penitenziarie di maggior interesse, la guida offre anche informazioni di carattere pratico, come ad esempio le formalità da seguire per ottenere colloqui, documenti ed altro.

FORLI': PROGETTO LAVORO IN CARCERE

Laboratori locali di comunicazione nelle carceri composti da gruppi di volontari, detenuti e operatori che realizzano iniziative di comunicazione sociale e creativa. Con questo obiettivo e nell'ambito del progetto Equal Pegaso, viene firmato oggi, presso la casa circondariale di Forlì, un accordo per la sperimentazione di un laboratorio produttivo. Sono previsti interventi e rubriche su media locali, stampa, radio e tv; attività di laboratorio di giornalismo sociale; seminari, workshop, incontri con il mondo del lavoro, della scuola e del volontariato. L'iniziativa è finalizzata all'inserimento socio-lavorativo di persone in esecuzione penale.


L'AQUILA: PROTOCOLLO D'INTESA IN ATTIVITA' CULTURALI PER DETENUTI MINORI

Il teatro come strumento di rieducazione e reinserimento sociale. E' stato siglato nei giorni scorsi dal Centro per la giustizia minorile dell'Aquila e dall'Associazione culturale compagnia teatrale Il Draghetto un protocollo d'intesa per la realizzazione di attività teatrali, culturali e ricreative in favore dei minori e dei giovani sottoposti a procedimento penale. La collaborazione prevede l'attuazione di numerosi progetti e iniziative da svolgere all'interno dell'istituto penale per i minorenni dell'Aquila e presso i locali sede dell'associazione.