salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 6 ottobre 2006

Cagliari: sportello info per beneficiari dell'indulto. Firenze: educazione ambientale in carcere. Terni: forno solidale per detenuti e aziende esterne

6 ottobre 2006
CAGLIARI: SPORTELLO INFO PER BENIFICIARI DELL'INDULTO

Grazie al progetto sostenuto dall'Ufficio Esecuzione Esterna del Provveditorato della Sardegna dell'Amministrazione Penitenziaria e dall'Asl 8, entra in funzione uno Sportello informazioni per ex detenuti che hanno beneficiato del provvedimento dell'indulto e hanno lasciato il carcere di Buoncammino. Lo Sportello, curato da soggetti autorizzati dal ministero della Giustizia che hanno ricevuto una preparazione finalizzata al servizio, risponde al bisogno di informazioni corrette ed esaustive nell'ambito dell'esecuzione penale esterna.

Scopo dell'iniziativa è quello di accogliere le richieste e i bisogni degli ex detenuti, offrendo un servizio di orientamento e sostegno. In particolar modo si cercherà di agevolare il reinserimento dei condannati, fornendo notizie chiare e precise circa l'esecuzione della pena in carcere, l'accesso alle misure alternative alla detenzione, i diritti di tutela giuridica, il reinserimento nel mondo del lavoro e l'aggiornamento sui corsi professionali.


FIRENZE: EDUCAZIONE AMBIENTALE IN CARCERE

E' stato siglato nei giorni scorsi, dagli assessori all'ambiente e alle politiche sociali del comune e dalla direttrice della casa circondariale fiorentina, un accordo fra il laboratorio didattico ambientale della Provincia di Firenze e l'istituto penitenziario. Il progetto è finalizzato all'avviamento di attività didattico-educative da svolgersi all'interno della casa circondariale e che hanno come obiettivo prevalente una serie di iniziative di recupero e conservazione del patrimonio ambientale.


TERNI: FORNO SOLIDALE PER DETENUTI E AZIENDE ESTERNE

Si chiama Forno solidale la panetteria aperta e gestita dalla cooperativa sociale Gulliver e che rientra nell'ambito di un progetto di reinserimento sociale dei detenuti coinvolti nell'iniziativa. Pane, dolci e pizze non soltanto per i reclusi, ma anche per le aziende esterne che ne fanno richiesta. Vengono inoltre prodotti grissini, tozzetti, biscotteria secca e pan di spagna destinati alla grande distribuzione. Presenti alla cerimonia inaugurale, tra gli altri, il vicecapo del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria Emilio Di Somma e il direttore generale del trattamento Sebastiano Ardita.