salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 11 agosto 2006

Lazio: in vendita prodotti dei detenuti; Sicilia: corsi di studio nelle carceri; Bari: occasione-lavoro per i detenuti; Potenza:progetto telelavoro al femminile

image_15186
SOTTO LE STELLE CADENTI, I PRODOTTI DEI DETENUTI LAZIALI

L'edizione 2006 di Calici di stelle, la principale manifestazione enogastronomica dell'estate, si svolge per la prima volta in coincidenza con la notte di San Lorenzo presso la Casina delle Rose di Villa Borghese. L'evento è organizzato da Città del vino, Arsial, Enoteca regionale del Lazio e Unione Italiana Astrofisici e si articola in una serie di stand che consentiranno ai visitatori di assaggiare le bontà agroalimentari ed enologiche della regione. In particolare presso lo stand Arsial, saranno in vendita per scopi benefici i prodotti del consorzio "Lavoro e Libertà" dei reclusi degli istituti penitenziari laziali, composto da sette cooperative sociali senza fini di lucro che garantiscono una occupazione a molti detenuti ed ex detenuti, operando in settori che spaziano dall'edilizia al catering.


CARCERI SICILIA: LA REGIONE ISTITUISCE CORSI DI STUDIO

Tre istituti penitenziari siciliani apriranno le porte a corsi professionali istituiti dall'Assessorato regionale della Pubblica Istruzione. I percorsi formativi si terranno nelle case circondariali di Caltagirone, con una sezione di Arte per la Ceramica promossa dall'Istituto statale d'arte; Ragusa, che diventerà sede del corso di Servizi Alberghieri e di Ristorazione dipendente dall'Ipsart "Grimaldi" di Modica; l'Ipsia "D'Aquino" di Bagheria predisporrà invece all'Istituto penale minorile Malaspina di Palermo un percorso formativo ad indirizzo elettrico-elettronico. La finalità del progetto mira a garantire una adeguata istruzione a ragazzi e adulti che, per motivazioni contingenti, si trovano fuori dal percorso scolastico. Attraverso i percorsi ad indirizzo professionale sarà possibile favorire la piena riabilitazione ed un successivo inserimento nel contesto sociale.


BARI: OCCASIONE-LAVORO PER I DETENUTI DI SPINAZZOLA

Grazie al protocollo d'intesa tra la casa circondariale di Spinazzola (Ba) e la Svimservice spa, è in corso nell'istituto penitenziario un progetto denominato Bridge per l'integrazione socio-lavorativa dei detenuti. L'iniziativa prevede un corso di formazione in informatica di base della durata di dieci settimane ed un corso di formazione in informatica specialistica della durata di quattro settimane. Alla fine del corso formativo, la società Svimservice consentirà al detenuto più meritevole, fra quelli che otterranno il beneficio dell'indulto, di accettare la proposta di lavoro.


POTENZA: PROGETTO DI TELELAVORO PER LE DETENUTE

Promossa dal provveditorato regionale dell'amministrazione penitenziaria, dal consiglio regionale della Basilicata e dal ministero della Giustizia, ha preso il via l'iniziativa denominata "Dentro e fuori" che ha lo scopo di offrire alle partecipanti un valido strumento di reinserimento nel mondo del lavoro. Sono 15 i personal computer con cui saranno allestite le aule informatiche dove si svolgeranno i corsi. Il lavoro svolto dalle detenute permetterà di controllare la gestione dei servizi di raccolta dati delle ricette farmaceutiche. Dopo la fase di sperimentazione il progetto potrà essere esteso anche alle strutture detentive di Melfi e Matera.