salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 14 ottobre 2005

Roma, convegno sul comportamento analogico. Torino, sportello anagrafico alle Vallette. Giustizia Minorile, progetto Equal

image_15113
14 ottobre 2005
Esperti in comportamento analogico per smascherare chi mente nelle aule di giustizia
L'Associazione Nazionale Forense ha organizzato, per il prossimo 18 ottobre, un seminario aperto ad avvocati e magistrati per diffondere i principi cardine del comportamento analogico. Uno dei relatori è Franco Amore, psicoterapeuta che da anni studia il linguaggio del corpo e che, insieme ad altri suoi colleghi, approfondirà il tema dei movimenti impercettibili che quasi sempre sono attuati dai muscoli facciali, in particolare da un muscolo piccolissimo, al centro della fronte, "che non riesce a dire bugie". La visione rallentata delle immagini di interrogatori che avvengono nelle aule di giustizia può fornire indizi sulla credibilità di chi si professa innocente e ha un comportamento analogico assolutamente rassicurante.
Torino: uno sportello anagrafico all'interno delle Vallette
A metà novembre si inaugurerà, all'interno della casa circondariale di Torino Le Vallette, uno sportello dell'anagrafe, che consentirà ai detenuti di ottenere direttamente certificati e documenti che prima venivano procurati con delega dai volontari. Questo servizio consentirà ai detenuti di avere i documenti necessari per il reinserimento nella vita sociale, rendendolo meno difficoltoso.
Laboratori teatrali per il futuro dei giovani detenuti
Oltre 200 i ragazzi tra i 14 e i 21 anni, per più di un biennio, avranno la possibilità di seguire i laboratori teatrali del Progetto europeo Equal, finanziato dal Fondo Sociale Europeo e promossi dall'associazione Euro. Nel progetto I.P.M. di scena sono coinvolti i centri della Giustizia Minorile di Lombardia, Emilia Romagna e Sicilia, oltre al contributo del teatro Garibaldi di Palermo. I ragazzi impareranno a realizzare scenografie e costumi, le tecniche del trucco cine-teatrale e dell'illuminazione di scena e frequenteranno lezioni di recitazione e canto, prima di una kermesse finale ispirata alle opere di Shakespaere. Quest'ultima sarà presentata nei teatri d'Europa in distinti appuntamenti.