salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 17 giugno 2005

Criminal mouse: il gioco del carcerato - I detenuti di Massa festeggiano con Serse Cosmi - Udine: una guida in 7 lingue per i detenuti - Più computer e libri nel carcere di Lucca

image_15077
17 giugno 2005
CRIMINAL MOUSE: IL GIOCO DEL CARCERATO

Arriva Criminal Mouse, il primo ed unico gioco in scatola realizzato interamente nel carcere di San Vittore a Milano.
Protagonista del gioco di strategia è un topo galeotto che per guadagnarsi l'agognata libertà deve superare le 'normali peripezie' che un detenuto affronta durante la prigionia. Se ne parla in un articolo de Il Venerdi di Repubblica del 17 giugno 2005.
I DETENUTI DI MASSA FESTEGGIANO CON SERSE COSMI
Serse Cosmi, allenatore del Genoa, ha mantenuto la promessa fatta lo scorso inverno ai detenuti della casa di reclusione di Massa: tornare in caso di promozione. E' così è avvenuto, in una partita organizzata assieme ai reclusi.
Da una parte Cosmi con i detenuti, gli ex sampdoriani Simone Vergassola, Luciano Spalletti, Domenico Arnuzzo e l'ex portiere genoano Fabrizio Lorieri, dall'altra una compagine dei magistrati della Corte d'Appello di Genova capitanata dal procuratore capo Francesco Lalla.
In questo modo i detenuti della casa di reclusione di Massa hanno condiviso la gioia della vittoria, partecipando seppur indirettamente alla festa del Genoa per il raggiungimento della serie A.
UDINE: UNA GUIDA IN 7 LINGUE PER I DETENUTI
Gli Istituti penitenziari di Udine e Tolmezzo, nei quali circa la metà dei detenuti sono stranieri, hanno pubblicato in questi giorni una guida ai diritti e ai doveri all'interno del carcere. L'opuscolo, in sette lingue (italiano, spagnolo, inglese, francese, arabo, serbo e albanese) nasce da un accordo con l'assessorato alle politiche sociali del comune di Udine.
PIU' COMPUTER E LIBRI NEL CARCERE DI LUCCA
La biblioteca della Casa circondariale San Giorgio di Lucca si arricchisce di nuovi volumi e di due computer. Grazie a un accordo con la provincia e la Regione Toscana, i 130 detenuti del carcere avranno a disposizione nuovi libri in italiano e in altre lingue. I computer sono stati donati dal servizio biblioteche della provincia di Lucca.