salta al contenuto

www.giustizia.it

lunedì 10 aprile 2017

Casa circondariale di Roma Rebibbia
Apre la 3 Bottega Fine pane mai

la 3 Bottega Fine pane mai
Oggi, alle 18 presso la 3 Casa circondariale di Roma Rebibbia si inaugura il nuovo punto vendita la 3 Bottega Fine pane mai. Un nome bello e facile per un progetto alto e impegnativo.

Tutto inizia nel 2012 quando la Panifici Lariano srl, impresa nel settore della panificazione da oltre 50 anni e tre generazioni, apre un altro ramo dell'azienda all'interno della 3 Casa circondariale di Roma Rebibbia, che chiama Fine pane mai. Il progetto, coofinanziato dalla Cassa Ammende, prevede l'individuazione e l'assunzione di 20 detenuti da avviare alla gestione dei laboratori di panificazione, pasticceria e gatronomia. Scopo é quello di offrire servizi e prodotti nel mondo della ristorazione e della produzione alimentare, avvalendosi di esperti professionisti del settore e di figure professionali, i detenuti-lavoratori appunto, che da questi verranno adeguatamente formati. L'iniziativa si dà un obiettivo: produrre quotidianamente circa 2000 chili di pane e derivati, da distribuire su tutto il territorio laziale. Non solo: nel progetto iniziale si prevede anche la realizzazione di un punto vendita aperto al pubblico. Ma siamo nel 2012 e tutto deve ancora essere avviato: individuare le persone da formare, organizzare lo spazio dove collocare il laboratorio, comprare i macchinari.

Insomma, di lavoro da fare ce n'é proprio tanto. Ma la produzione inizia, il forno che viene presentato come artigianale, con la voglia di riscoprire le "proprietà di antichi grani e di riportare sulle tavole e al palato sapori dimenticati con lievitazione lenta e con pasta madre", inizia a sfornare e arriva a soddisfare anche "le esigenze della grande distribuzione", lavorando quotidianamente oltre 30 quintali di farine. Si impasta, s'inforna, si sforna e si distribuisce pure, con un "organizzato sistema di consegna " che ha al suo organico nove furgoni coibentati che girano fra supermercati, mense cittadine e hinterland romano. 
 
E si arriva ad oggi e a quel nastro inaugurale che alle 18 verrà tagliato e che aprirà al pubblico la 3 Bottega Fine pane mai. Da oggi il pubblico potrà entrare per acquistare le tante specialità di pane prodotte nel laboratorio, in quella che si avvia ad essere la prima rivendita in Europa creata all'interno del muro di cinta di un carcere. La vendita é indirizzata a tutto il personale del complesso di Rebibbia oltre che agli abitanti del quartiere e, mentre si aspetta il proprio turno si potranno assaggiare gli stuzzichini offerti e apprezzare le molte varietà di pane, focacce e prodotti di pasticceria  che il forno produce.

Si sente profumo di buono in tutto questo, e non é solo merito del pane. Si sente profumo di impegno, di lavoro, di futuro. Si sente il sapore che lascia in bocca la ritrovata dignità.
 
[FEA]