salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 25 settembre 2015

Lecce - Carcere di Borgo San Nicola
Il Giardino Radicale dove coltivare il cambiamento

Il Giardino Radicale

Una sala ricreativa, una barberia, una sala del telefono ed una cucina colletiva. Questi sono gli spazi nati nel carcere di Lecce grazie al progetto Giardino radicale. Un lavoro durato due anni, durante il quale un gruppo di detenuti, seguito da artisti e designer, ha rigenerato alcuni spazi della sezione maschile, ristrutturandoli e allestendoli con arredi e opere di design. Il progetto é stato curato dall'Associazione culturale Sud-Est nell'ambito del progetto GAP - Il territorio come galleria d'arte partecipata, sostenuto da Fondazione con il Sud, Progetti Speciali e Innovativi 2010 e con il contributo della Regione Puglia ed ora é in mostra presso la galleria delle Manifatture Knos in Via Vecchia Frigole a Lecce fino al 9 ottobre.

La cucina collettiva, l'ultima delle ristrutturazioni, é stata anche il soggetto di un lavoro drammaturgico di Paola Leone, che ha raccolto storie legate al cibo e ai ricordi dei detenuti ed ha creato dei ritratti video con la direzione di Yacine Benseddik, fotografa.

Dei lavori è stato pubblicato un video racconto su Repubblica.it


[FEA]