salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 27 marzo 2015

Casa circondariale di Sollicciano
Nel Giardino degli incontri gli
Aperitivi  galeotti

Il Giardino degli incontri da Il Giornale dell'Architettura

Dopo le Cene Galeotte di Volterra arrivano gli Aperitivi galeotti di Sollicciano. Il luogo dell'incontro é ovviamente il carcere fiorentino ma all'interno c'é uno spazio unico, chiamato Il giardino degli incontri. Progettato dall'architetto Michelucci negli anni '80, assieme ad un gruppo di detenuti, con l'intento di creare uno spazio pubblico della città dentro il carcere. L'opera architettonica in realtà é diventata un nuovo edificio con relativo giardino e teatro all'aperto, tutti luoghi destinati ad ospitare gli incontri dei detenuti con i familiari e tutte le iniziative che possano far entrare in contatto le istituzioni e la società civile con il carcere.

Gli appuntamenti previsti per ora sono quattro: il 23 aprile, il 21 maggio, il 4 e il 18 giugno, sempre alle 18 e gli invitati sono tutti fiorentini. La liturgia dell'incontro prevede la presenza di un chef conosciuto, coadiuvato da una decina di detenuti-cuochi per ciascuna sera che la Unicoop di Firenze, fornitrice delle materie prime, assumerà per l'occasione. Aprirà gli appuntamenti Simone Cipriani, chef del ristorante Il Santo Graal, il 23 aprile; segue Enrico Panero del Da Vinci, il 21 maggio; il 4 giugno Nicola Schioppo dell'Osteria Cipolla rossa e, infine, il 18 giugno, Marco Stabile del ristorante Ora d'aria. E' prevista la presenza di non più di 80 invitati ai quali saranno offerti, oltre all'aperitivo, anche spettacoli teatrali o intrattenimenti musicali organizzati dai detenuti dell'istituto penitenziario che hanno partecipato ai laboratori organizzati in carcere. Il costo per partecipare a ciascuna serata è di 20 euro che saranno devoluti per il restauro del Battistero di Firenze.


[FEA]