salta al contenuto

www.giustizia.it

sabato 25 gennaio 2014

Custodia cautelare: Cancellieri, Parlamento sovrano su modifiche DL

Con una intervista rilasciata a Giuseppe Crimaldi del quotidiano Il Mattino, il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri interviene sugli effetti del decreto-legge 146/2013, impropriamente noto come "svuotacarceri", e si dice pronta ad accogliere le modifiche che dovessero provenire dal Senato - dove il testo approda a conclusione dell'esame della Camera - con particolare riguardo a quelle che dovessero chiedere di "escludere condannati per reati gravi come quelli di mafia". In quel caso, dichiara il guardasigilli, "daremo il nostro parere favorevole".

La conversazione tocca I temi importanti che sono all'attenzione del ministro e non solo, dalla custodia cautelare al rapporto con l'avvocatura, della quale ribadisce il ruolo fondamentale come "presidio di libertà del cittadino ed essenziale strumento di protezione degli interessi collettivi coinvolti nei processi". E se il problema con gli avvocati di Napoli può apparire di difficile risoluzione, il guardasigilli non si tira indietro: "Sa cosa le dico? Che penso di tornare presto a Napoli".

[FEA]