salta al contenuto

www.giustizia.it

lunedì 31 dicembre 2012

Severino: "Credo di aver fatto tutto quello che si poteva"

"Credo di aver fatto tutto quello che si poteva, dovendo contare su una maggioranza molto instabile. In ogni caso abbiamo rotto il ghiaccio, non solo continuando le riforme sull'efficienza del processo civile, ma riprendendo a legiferare su temi penali rimasti fermi per molto tempo. E abbiamo riformato la geografia giudiziaria, immutata dall'Unità d'Italia". In un'intervista rilasciata a Liana Milella sul quotidiano La Repubblica oggi in edicola, Paola Severino tira le somme della sua esperienza al ministero della Giustizia.

"Certo, altro potrà e dovrà essere fatto - afferma la guardasigilli pensando ai provvedimenti sui quali si sta lavorando negli uffici di Via Arenula - e sarò particolarmente felice se i disegni di legge elaborati dalle commissioni ministeriali che stanno ultimando i lavori su prescrizione, depenalizzazione e riciclaggio potranno essere esaminati dal futuro Parlamento".

E sulla possibilità di candidarsi o di continuare l'esperienza ("unica e irripetibile") come ministro, Paola Severino chiosa definitivamente: "Proprio decisa, come ho già avuto modo di ribadire in più occasioni. Devo dire che sono stati tutti rispettosi della mia decisione".

[MB]