salta al contenuto

www.giustizia.it

domenica 20 maggio 2012

Brindisi: Severino, vile colpire giovani vite

E' duro il commento della ministro della Giustizia Paola Severino sull’attentato che sabato scorso ha colpito la scuola Morvillo Falcone, causando la morte della giovane studentessa Melissa Bassi ed il ferimento di altri sui coetanei: “Siamo di fronte ad un atto vile. Non trovo altri aggettivi idonei a qualificare il gesto”.

La guardasigilli, attesa domani a Brindisi per un vertice con la ministro dell’Interno Annamaria  Cancellieri, le forze dell'ordine e gli inquirenti che indagano sull’accaduto, in un colloquio con il giornalista de Il Mattino Giuseppe Crimaldi, condanna l’esecrabile episodio “come cittadina e come genitore” e si definisce profondamente atterrita nel constatare che si siano voluti danneggiare “dei ragazzi, studenti di una scuola che aveva di recente anche vinto un premio sulla legalità”. “Io penso – afferma con tono accorato Paola Severino – che colpire delle giovani vite che hanno avuto la consapevolezza e anche il coraggio di schierarsi dalla parte dello Stato e della legalità resti un atto di estrema vigliaccheria che tutti, e ripeto tutti senza eccezione, devono condannare”.

Già ieri, appena appresa la notizia dell’accaduto, la guardasigilli aveva espresso “orrore e raccapriccio” ai microfoni di Sky Tg24, sottolineando “è importante che tutto il Paese si stringa attorno alle famiglie per la perdita di giovani vite”, concludendo “perdere giovani vite è una vera tragedia nazionale. E la nostra è una sofferenza vera”.

[MVC]