salta al contenuto

www.giustizia.it

lunedì 19 marzo 2012

Zoppini: processo civile efficiente fa bene al PIL

"La situazione che vede il primo grado del processo civile in Italia durare circa quattro anni e mezzo, a fronte degli otto/quattordici mesi di altri Paesi europei" deve indurci a riflettere seriamente sul costo collettivo che si traduce anche in "una perdita rilevante in termini di prodotto interno lordo". Così il sottosegretario alla Giustizia Andrea Zoppini nell'intervista rilasciata a Giovanni Negri e pubblicata oggi su Il Sole 24 Ore.

Il sottosegretario, così come annunciato dalla guardasigilli Paola Severino, auspica che il tavolo avviato con le associazioni possa servire anche da "coordinamento delle iniziative tra i Ministeri interessati" e che i temi che riguardano la giustizia civile "siano inclusi nel Programma nazionale di riforma che il Presidente Monti sta preparando".

Sui tempi, Zoppini afferma che "nella prossima settimana partiranno i tavoli", "per maggio contiamo di formulare le proposte di immediata realizzazione, mentre per la fine dell'anno contiamo di proporre riforme più strutturate e di sistema".

[FEA]