salta al contenuto

www.giustizia.it

lunedì 24 luglio 2017

Riforma penale: Orlando, riserva codice, principio che guarda a futuro

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando, interviene dalle pagine de il Manifesto sulla recente legge di riforma penale che delega al Governo "l'attuazione sia pure tendenziale del principio di riserva di codice nella materia penale, al fine di una migliore conoscenza dei precetti e delle sanzioni" da parte dei cittadini e, quindi "dell'effettività della funzione rieducativa della pena", ritenendo che la norma di principio che riserva al codice la tutela penale di beni essenziali della vita e di protezione della comunità civile, può portare -attraverso un processo virtuoso- "alla riduzione dell'area d'intervento punitivo dello Stato, secondo il ragionevole rapporto tra il rilievo del bene tutelato e la sanzione penale". [fea]