salta al contenuto

www.giustizia.it

venerdì 17 giugno 2005

GIOVANNI ILARDA, presidente del Comitato organizzativo della European Conference

image_15569
Il 24 e 25 giugno 2005, presso Castello Utveggio a Palermo, si svolge la Conferenza europea sulla cooperazione giudiziaria internazionale. L'incontro è organizzato dalla Rappresentanza italiana di Eurojust, dalla Procura nazionale antimafia, dalla Procura generale e dalla Procura della Repubblica di Palermo, in partnership istituzionale e con il patrocinio del Ministero della Giustizia.
Giovanni Ilarda, referente per l'informatica per il distretto di Palermo e presidente del comitato organizzativo della Conferenza, illustra i temi all'ordine del giorno dei lavori.
Il 13 giugno 2002 il Consiglio dell'Unione Europea ha adottato la decisione quadro 2002/584 GAI sul mandato di arresto europeo, recentemente attuata nell'ordinamento italiano con legge 22 aprile 2005 n. 69.

L'attualità e l'importanza della problematica hanno indotto alla costituzione di una partnership istituzionale fra la Rappresentanza Italiana di Eurojust, la Procura Nazionale Antimafia, la Procura Generale e la Procura della Repubblica di Palermo per l'organizzazione di una Conferenza di studio su una tematica che incide profondamente sul sistema della cooperazione giudiziaria transnazionale, sul contrasto alla criminalità organizzata e sulla realizzazione di quello spazio unico di libertà, sicurezza e giustizia che già nel trattato di Maastricht era stato individuato come condizione imprescindibile per lo sviluppo socio-economico collegato alla libera circolazione dei cittadini dell'Unione Europea e alle politiche dell'immigrazione.

La scelta del capoluogo siciliano come sede della prima Conferenza interistituzionale italiana sul tema non è stata casuale, ma determinata dalla consapevolezza della particolare dimensione che in tale area territoriale assumono le problematiche riguardanti la criminalità organizzata e le connesse ricadute sugli investimenti produttivi, le iniziative imprenditoriali e gli spazi occupazionali, nonché, per la collocazione geografica dell'isola, le politiche comunitarie della sicurezza delle frontiere e del controllo dell'immigrazione illegale.

Per queste ragioni si è ritenuta opportuna un'impostazione multidisciplinare nell'ambito della quale affiancare alla prima analisi delle più rilevanti problematiche di carattere giuridico altrettanto importanti tematiche di natura economica.

Giovanni Ilarda
Presidente del Comitato organizzativo della European Conference

17 giugno 2005