salta al contenuto

www.giustizia.it

sabato 1 ottobre 2016

Processo penale: Orlando, riforma per Paese più giusto e civile

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando interviene sulle pagine de L'Unità in edicola, ripercorrendo le tappe che hanno portato al disegno di legge di riforma del processo penale, oggi in discussione al Parlamento: dalla Commissione istituita presso il ministero, presieduta dall'attuale Primo presidente della Corte di Cassazione Giovanni Canzio, che ha elaborato "il cuore del progetto", come Orlando lo definisce, all'accorpamento  successivo di norme che riguardano l'ordinamento penitenziario (la cui ultima riforma risale al 1975) , la disciplina delle intercettazioni e, con il passaggio al Senato, anche quelle contenute nel ddl sulla prescrizione, nel frattempo uscito dalla Camera.

Fatti e contenuti perchè ciascuno possa essere informato e possa, conclude il guardasigilli: "valutare se l'impegno sia stato ben speso per una riforma che sono convinto renderà più civile, più moderno e più giusto il Paese".


[FEA]