salta al contenuto

www.giustizia.it

lunedì 25 luglio 2016

Orlando: svolta storica, unioni civili legge di libertà

Il tema delle unioni civili sono al centro dell'intervista del ministro della Giustizia Andrea Orlando rilasciata a Liana Milella su La Repubblica oggi in edicola.

Abbiamo fatto "una legge che riconosce una libertà, quella di realizzare un progetto comune con un'altra persona che si ama secondo il proprio orientamento sessuale". Così il guardasigilli ha sintetizzato, sulle colonne del quotidiano la Repubblica, la soddisfazione per le disposizioni transitorie per la tenuta dei registri negli archivi dello stato civile sulla regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso, che ha controfirmato sabato scorso.

Riconoscere un diritto non toglie qualcosa agli altri - continua Orlando - così come il divorzio non ha cancellato la famiglia o l'aborto non è stato utilizzato come metodo contraccettivo. La libertà di vivere con chi si ama arricchisce la società, non il contrario.

E sulla possibilità di adottare, il ministro della Giustizia ribadisce che le condizioni politiche non hanno consentito di raggiungere l'obiettivo di disciplinare le procedure e che sarà il giudice a valutare l'interesse alla continuità affettiva del bambino. Inoltre viene ribadito che entro la fine di luglio i decreti attuativi verranno portati in Consiglio dei ministri.

[GL]