salta al contenuto

www.giustizia.it

sabato 28 novembre 2015

Terrorismo: Orlando, democrazia e Stato diritto per batterlo

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando, intervistato da Liana Milella per la Repubblica, ritorna sugli argomenti oggetto del vertice sul contrasto al terrorismo internazionale, tenutosi il 25 novembre in Via Arenula. Innanzitutto, aggiornare gli strumenti di captazione delle conversazione alle innovazioni tecnologiche, fornendo ai magistrati strumenti più pervasivi - precisa Orlando che "i magistrati non hanno reclamato nuove norme ma software nuovi per muoversi con tecnologie più adeguate" - e contestualmente rafforzare le garanzie dell'individuo: a tale proposito il guardasigilli ha ricordato che il problema che si vuole affrontare con la delega contenuta nel ddl penale è proprio volto ad "evitare che le notizie non rilevanti penalmente vengano indebitamente diffuse".

"L'italia sarà equilibrata e lungimirante" perchè, conclude il ministro "si può tutelare la sicurezza e rafforzare lo Stato di diritto".