salta al contenuto

www.giustizia.it

lunedì 14 settembre 2015

Carceri: Orlando, a fine anno risolto sovraffollamento

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando nell'intervista rilasciata a Marco Menduni del Secolo XIX, riflette sui temi che fin dall'inizio del suo mandato si è trovato ad affrontare in una riforma della giustizia fatta di singoli provvedimenti: intercettazioni, prescrizione, nuovo assetto del Consiglio superiore della magistratura. Ma il ragionamento si sposta inevitabilmente sul sovraffollamento delle carceri, a proposito del quale si sente di poter affermare: "a fine anno saremo a quota zero", grazie ai provvedimenti messi in campo e all'inaugurazione di nuovi istituti penitenziari che permetteranno di avere "tanti posti regolari, quanti detenuti". E se le parole del Pontefice che recentemente si è espresso sulla necessità di un'amnistia, lo portano da una parte a dire che non ce ne sarà bisogno, dall'altra lo inducono a riflettere "sul senso della pena " e sulle sue finalità di riabilitazione e riscatto: "obiettivo che non si realizza solo con i metri quadrati".


[FEA]