salta al contenuto

www.giustizia.it

giovedì 20 novembre 2014

Nomine magistrati: Orlando, più spazio al merito

"La sfida sarà la riforma del CSM. L'ho ribadito nel mio ultimo intervento a Palazzo dei Marescialli ed è emerso anche dal dibattito del precedente Consiglio Superiore: è auspicabile o una strada di riforma regolamentare, dall'interno, o una riforma legislativa". Così il ministro della Giustizia Andrea Orlando, a Napoli per la presentazione di un libro sulla Sinistra riformista, nell'intervista rilasciata a Gigi Di Fiore e pubblicata su Il Mattino oggi in edicola.

E sugli incarichi direttivi, il guardasigilli spiega: "Bisogna favorire procedure che accelerino le nomine ed evitino la vacanza di più uffici in contemporanea. In questo modo, si eviterà la ricerca di equilibri tra le diverse nomine". Ricerca di equilibri che "a volte danneggia le scelte meritocratiche". Per questo, rilancia Orlando, "la riforma che pensiamo dovrebbe evitarlo".

[MB]