salta al contenuto

www.giustizia.it

martedì 18 novembre 2014

Barbuto: l'arretrato si può smaltire col lavoro di squadra

"Qui non c'è un uomo solo al comando, ma un lavoro di squadra con il CSM, il ministero, i singoli tribunali, i capi degli uffici" così la pensa il presidente Mario Barbuto, responsabile del Dipartimento dell'Organizzazione giudiziaria, intervistato da Francesco Grignetti per La Stampa, mentre cerca di descrivere la situazione dell'arretrato pendente nel civile da più di quattro anni, alla quale ha ritenuto si dovesse fare "una radiografia aggiornata, e più moderna" per poter approntare una terapia: questa analisi ci restituisce una realtà in cui "soltanto il 30% costituisce tecnicamente un arretrato in senso stretto"; questa é dunque "la patologia su cui intervenire". Come arrivare a smaltire l'arretrato, Barbuto, lo ha chiaro in mente: tutti assieme, estendendo le best practices "che non tutti hanno adottato", studiando piante organiche e analizzando flussi, perché in Italia gli uffici viaggino tutti, o quasi, alla stessa velocità.


[FEA]