salta al contenuto

www.giustizia.it

martedì 20 maggio 2014

Orlando: mi batto per l'efficienza della macchina giustizia

Corruzione e burocrazia, lobby da regolamentare in sinergia con i ministeri dello Sviluppo economico e della Funzione Pubblica, prescrizione da ripensare, nuovi reati economici e autoriciclaggio. Il ministro della Giustizia Andrea Orlando, nell'intervista rilasciata a Silvia Barocci per Il Messaggero, partendo dal caso Expo e dalla urgente necessità, di "superare il grado di opacità" che ha consentito che si sentisse nuovamente parlare di tangenti, attraverso un regolamento ad hoc sulle lobby, espone le sue considerazioni sulla normativa anti-corruzione: "Non ritengo che ci sia un vuoto normativo" dice, ma è convinto che sia necessaria, viceversa, una reale attuazione della Legge Severino sulla prevenzione: "Non dobbiamo reinventare il sistema, perché la legge Severino é un punto di partenza importante. Dobbiamo integrarlo." E in quest'ottica é già pronto un testo di dettaglio sull'autoriciclaggio e nuovi reati economici.

Ma, alla richiesta netta di indicare una priorità nel mondo della giustizia, Orlando recupera un cavallo di battaglia sul quale ha aperto la sua stagione nel Governo Renzi. Il ministro della Giustizia ha decisamente a cuore e non é affatto un segreto "il tema dell'efficienza della macchina": l'organizzazione e gli organici degli uffici sono essenziali per il corretto funzionamento e, invece, ritiene che questo sia "stato trascurato in un quadro in cui si è guardato alle norme come alla soluzione dei mali".

Infine, le carceri. Il 28 maggio Strasburgo attende risposte e il guardasigilli si presenterà, ma forse anche un po' prima, con la sua idea di riforma del sistema penitenziario che sta già iniziando a dare risultati, anche in termini di numeri: aumentato lo spazio a disposizione di ciascun detenuto, sceso il numero dei detenuti al di sotto dei 60 mila. "Ma alla base di tutto" conclude "c'é la volonta di ripensare qualitativamente il modello penitenziario".

[FEA]